In Come ti divento bella, Amy Schumer esprime un concetto che è già suo. Spesso, nella sua comicità, Amy ironizza sul proprio corpo e sui propri difetti. Si tratta di un argomento chiave nella sua immagine pubblica, che porta sul grande schermo con questo titolo..  Schumer interpreta Renee Barrett, una giovane donna che “non è brutta, ma neanche bella”. Trasmette le sue paure, la sua timidezza, la sua costante insicurezza e il fatto che il suo più grande sogno sia quello di essere attraente. Renee raggiunge il suo obiettivo, anche se involontariamente, dopo una botta alla testa che la porta a vedersi terribilmente affascinante. Da quel momento, lo spettatore vivrà la sua vita  con i suoi occhi, ma senza perdere di vista il mondo esterno. Nonostante la protagonista sia convinta che tutti la guardino e la ammirino, potremo amaramente constatare che le persone intorno a lei non vedono alcuna differenza.

Come Ti Divento Bella – la lotta contro le insicurezze

Come Ti Divento Bella Cinematown.it

Renee Barrett (Amy Schumer) è una ragazza nella media che lotta con le sue insicurezze. Gestisce il sito web dell’azienda cosmetica Lily LeClaire da un seminterrato a Chinatown. Renee vive nel sogno di essere “innegabilmente carina“, ma la sua scarsa fiducia in sé stessa le impedisce di sentirsi tale. Decide quindi di esprimere un desiderio, gettando un penny in una fontana, e chiede di diventare una bellissima donna. Naturalmente, non cambia nulla, fino a quando Renee non sbatte la testa durante una lezione di spinning. Quel colpo la porta in infermeria, dove si risveglia con una percezione di sé totalmente differente. Nello specchio, la protagonista vede una donna magra, tonica e bellissima. Nonostante il comportamento delle persone intorno a lei non sia minimamente cambiato, la sua nuova sicurezza le permette di dirottare la sua vita. Decide di candidarsi come receptionist a Lily LeClaire, credendo di rientrare nei canoni di bellezza dell’azienda, e viene assunta. La sua grande autostima, però, la trasforma molto velocemente in una ragazza superficiale e presuntuosa, che abbandona le sue amiche in favore di cene esclusive e viaggi di lavoro. La magia si spezza quando Renee batte nuovamente la testa e torna a vedersi com’era. Convinta che quel cambiamento fosse stato reale, rompe i rapporti con tutte le persone che ha conosciuto dopo la “trasformazione”. Solo alla fine del film si rende conto, mettendo a confronto due fotografie, di non essere mai stata diversa se non all’interno.

Come Ti Divento Bella – Ottima performance di Amy Schumer

come ti divento bella cinematown.it

La recitazione di Amy Schumer fa la sua grande parte, trovando in questo personaggio il perfetto punto di partenza per mostrare la sua vera comicità. Durante tutto il secondo atto, Amy deve quasi interpretare sé stessa: fuori dai limiti, frizzante, divertente. E’ un ruolo creato su misura che le ha permesso di sfruttare a pieno le proprie capacità. La ciliegina sulla torta è data dal cast secondario, come Emily Ratajkowski e Naomi Campbell, che permettono al personaggio di Renee di risaltare veramente.

Come ti divento bella vuole mettere i puntini sulle i, mostrare cosa davvero significa sentirsi attraente anche nei propri difetti, senza dover passare da un makeover o un restyling.  Una delle pecche principali, però, è la sua latente prevedibilità. E’ simpatico e pungente, ma vi sembrerà di averlo letteralmente già visto. La ragazza spaesata che entra nel mondo della moda è sicuramente un personaggio già testato, ma Come ti divento bella trova il suo reale difetto nell’intera struttura. Il film si svolge su una linea ben precisa e scontata: vediamo la mediocre vita della protagonista, un drastico cambio e un finale sdolcinato che tenta di far passare un messaggio attraverso un monologo sentito. Una piccola macchia che riporta lo spettatore indietro negli anni fino a quei divertenti teen movies dalla fama quasi effimera.

 

Leggi anche: Ant Man and The Wasp – La recensione