FilmStruck: dopo le lettere e le petizioni per il salvataggio, WB apre uno spiraglio

FilmStruck cinematown.it

La piattaforma streaming più amata dai cinefili, FilmStruck, rischia la chiusura nonostante il supporto dello star system, ma non è detta l’ultima parola.


La lotta per la salvezza di FilmStruck ha raccolto il supporto di numerosissime star di Hollywood, tra cui Leonardo DiCaprio, Paul Thomas Anderson, Christopher Nolan, Alejandro Gonzàlez Iñarritu, Rian Johnson, Karyn Kusama, Damien Chazelle, Barbara Streisand e molti altri, tutti firmatari di una lettera inviata alla Warner Bros. Pictures Group, chiedendo ufficialmente a WarnerMedia di ritrattare la propria decisione di interrompere il servizio streaming di FilmStruck a partire dal 29 di novembre. La lettera è un plauso corale alla qualità e alla varietà offerta dalla piattaforma, che meglio di molte altre forniva un catalogo ricco e completo per gli amanti del cinema.

Il servizio FilmStruck era ed è il migliore in streaming per gli appassionati di cinema, qualunque genere seguissero. Vi sono infatti film classici, indipendenti, internazionali. Senza questo servizio, il panorama riservato ai cultori e agli studenti di cinema diventerebbe davvero limitato e c’è un motivo se FilmStruck stava ricevendo un’enorme affluenza di artisti e fan.

Il gruppo di registi e attori spera quindi di ottenere l’attenzione di WarnerMedia facendo capire quanto FilmStruck sia importante per i cinefili di tutto il mondo, mentre Bill Hader, Guillermo del Toro e Edgar Wright sono stati molto più schietti del resto dei colleghi per tentare di salvaguardare la piattaforma, firmando anch’essi la lettera senza esitazione, dove viene dichiarato che:

In un’epoca in cui le aziende cinematografiche subiscono massicci acquisti da parte delle società di comunicazione – smuovendo così miliardi di dollari da un bene comune quale è il cinema – crediamo che tenere aperto FilmStruck sia un gesto necessario, una considerazione per la volontà di conservare e rendere accessibile una tradizione e una storia florida, di cui il pubblico può beneficiare.

La lettera è stata pubblicata per la prima volta su Deadline – con una petizione su Change.org annessa – e a firmarla sono stati Paul Thomas Anderson, Ana Lily Amirpour, James Brolin, Damien Chazelle, Alfonso Cuarón, Guillermo Del Toro, Leonardo DiCaprio, James Gray, Alejandro González Iñárritu, Bill Hader, Karyn Kusama, Barry Jenkins, Rian Johnson, Christopher McQuarrie, Reed Morano, Christopher Nolan and Emma Thomas, Gina Prince-Bythewood, Barbra Streisand e Edgar Wright.

Il prossimo futuro di FilmStruck

Sempre Deadline ha riportato che i piani di WarnerMedia per chiudere FilmStruck non escludono del tutto che esso possa avere un futuro in azienda. La lettera non è stata l’unica richiesta mandata a WarnerMedia, infatti anche Steven Spielberg e Martin Scorsese avevano presentato una petizione al CEO John Stankey, che ha ammesso di stare lavorando per raggiungere un compromesso che accontenti tutti, proprietari e firmatari. La notizia promettente è che FilmStruck sarebbe in procinto di essere inglobato in un pacchetto di servizi streaming di WarnerMedia, attualmente in fase di lancio per il quarto trimestre del 2019. Ora, se la notizia fosse verosimile, la protesta dei cineasti potrebbe concentrarsi sulla rapidità con cui WarnerMedia dovrebbe rilasciare il pacchetto, che lascerebbe gli appassionati senza una piattaforma così ben fornita e prestigiosa per più di un anno.

LEGGI ANCHE: Flop – quando il botteghino ti castiga per sempre (o quasi)