Dopo svariati rumor, è arrivata la conferma che la Disney sta ufficialmente lavorando a un reboot di Pirati dei Caraibi, ma senza Johnny Depp. La fortunata e avventurosa serie piratesca, infatti, dice addio al mitico Jack Sparrow, per portare nuova vita ed energia in un nuovo film della saga. A darne la notizia è lo stesso Sean Bailey, capo della divisione cinematografica della Disney, che ha svelato ai microfoni di Hollywood Reporter l’assenza di Johnny Depp nel nuovo ciclo e i nomi degli sceneggiatori a capo del progetto, Rhett Reese e Paul Wernick, gli stessi autori di Deadpool. Interrogato sull’addio di Depp e sulle capacità della saga di appassionare ugualmente gli spettatori nonostante la mancanza del suo carismatico personaggio, il dirigente Disney ha risposto in maniera decisa

Abbiamo voluto portare nuova energia e vitalità. Amo i film di Pirati dei Caraibi, ma parte della ragione per la quale Rhett e Paul sono cosi interessati è perché vogliono dare un calcio al passato. Li ho scelto per questo.

Bailey non ha rivelato chi prenderà il posto di Jack Sparrow, ma secondo alcune indiscrezioni precedenti potrebbe trattarsi di una protagonista femminile chiamata Reed. Una piratessa, tra l’altro già nota per essere presente nella giostra ufficiale del franchise a Disneyland. La scelta tuttavia appare chiara, senza Johnny Depp Pirati dei Caraibi prenderà una direzione nuova, forse completamente diversa dai precedenti film. La conferma della mancata presenza di Sparrow nel prossimo reboot della saga si aggiunge a una lunga lista di brutte notizie riguardati l’attore hollywoodiano, ormai al centro dell’attenzione dei media per il suo rapporto burrascoso con l’ex moglie Amber Heard, che lo accusò nel 2016 di violenze domestiche, e per i suoi problemi sul set di City of Lies, dove è stato accusato di aver assalito un membro della troupe che ha intentato contro di lui una causa per aggressione.

   LEGGI ANCHE: City Of Lies – L’ora della verità – recensione del film con Johnny Depp