God Is Good: John Boyega sarà produttore del thriller sudafricano

god is good john boyega cinematown.it

John Boyega figurerà come produttore esecutivo nel film God Is Good, che segnerà anche il debutto da regista per lo scrittore Willem Grobler.


Stando a quanto dice Deadline, John Boyega è dato come produttore nel crime thriller sudafricano God Is Good. Scritto da Willem Grobler, la colonna sonora della pellicola sarà affidata sempre alla casa di produzione dell’attore di Star Wars, la UpperRoom Records.

God Is Good sarà ambientato a Cape Town. Seguirà le vicissitudini di un ex gangster, diventato pastore, e di un volubile detective che, a causa di un atto di violenza, finirà per scontrarsi con il capo di una brutale gang di strada. Questa pellicola è descritta come qualcosa di molto simile a Prisoners e City of God.

Boyega ha commentato dicendo:

Sono eccitato all’idea di lavorare una volta ancora con Josephine Rose su una storia così importante e potente, che esplora storie di padri e paternità, mascolinità dannosa e fede in una comunità intrappolata in una gabbia di violenza e oppressione razziale, e dove sembra che per gli uomini la violenza sia l’unico modo per ottenere il potere.

Il film sarà anche il debutto da regista dello scrittore e cineasta Willem Grobler. Sarà prodotto dalla ex produttrice della Sony International Josephine Rose, attraverso la sua nuova casa di produzione, la Bandit Country. Il casting è tutt’ora in atto, e l’inizio delle riprese è previsto per questa primavera. Boyega ha poi voluto aggiungere:

Willem ha scritto una sceneggiatura superba e non vediamo l’ora di lavorare con lui per realizzare la sua visione. Josephine, Yara, Stefan e io stesso condividiamo la stessa passione per la musica e questo film ci permetterà di lavorare con talenti locali in Sudafrica, per aiutarci a trovare quelle voci adatte a calcare un palco internazionale, portando anche artisti Afro già conosciuti. La squadra lavorerà con artisti in tutto il continente per creare la colonna sonora. Questa deve rappresentare al meglio l’incredibile varietà di talento musicale e di suono che produce questo continente.

Leggi Anche: Star Wars: ecco i possibili titoli dell’ultimo capitolo della saga