Le nomination ai SAG Awards sono spesso visti come un indicatore per la sfida agli Oscar, dato che il ramo attoriale degli Academy domina su tutti i voti, ma questa volta le nomination ai SAG non si sono sovrapposte agli Oscar come accade di solito.
A Star Is Born, Bohemian Rhapsody e BlackKkKlansman avrebbero potuto approfittare della vincita del SAG Ensemble, ma ad aver trionfato è stato invece il cast di Black Panther.
Loro sì che ne hanno approfittato! La star, Chadwick Boseman, ha preso il microfono per rispondere a due domande che continuavano a saltar fuori durante il tour promozionale.

Sapevamo che il film avrebbe ottenuto questo tipo di ricezione e guadagnato 1 miliardo di dollari ed essere ancora in circolazione durante la stagione dei premi? E questo ha cambiato l’industria dei film, il suo modo di lavorare? La risposta è essere giovani, talentosi e neri. Sappiamo tutti com’è quando ti dicono che non sei adatto, essere la coda e non la testa, sotto ma non sopra. Questo è quello con cui dobbiamo lavorare tutti i giorni. Sapevamo di avere qualcosa di speciale che volevamo dare al mondo, che potevamo essere pieni di esseri umani nel mondo in cui recitiamo, che potevamo creare un mondo che esemplificasse il mondo che volevamo vedere. Sapevamo di avere qualcosa che volevamo dare…

Di fatti Black Panther ha vinto due premi, avendo portato a casa il primo SAG award della giornata – annunciato prima che la trasmissione TBS/TNT avesse inizio – per la miglior performance d’azione ad opera di una controfigura in un Motion Picture, sconfiggendo Tom Cruise e il suo Mission: Impossible – Fallout.

Lanciandosi verso la competizione agli Oscar, questa grande vittoria ha fatto guadagnare il suo momento a Black Panther. Chi ha perso sono stati Vice, con Christian Bale e Amy Adams, e La Favorita che invece dovrà guardare ai BAFTA ora, soprattutto Olivia Colman che ha vinto un Golden Globe, perdendo invece sia ai SAG che ai Critics’ Choice Awards contro Glenn Close per The Wife. Anche se si è trattato più di una vittoria per la carriera dato che l’attrice ha finalmente vinto il suo SAG per la miglior attrice protagonista dopo essere stata nominata nove volte.
Queste le parole di Close:

Il cinema è l’unica arte che ci permette di guardare da vicino. Dobbiamo ricordarci quanto ciò sia potente. In un mondo che è consumato da diverse misure di schermo, il potere che abbiamo sono due occhi umani che guardano dentro due occhi: questo ci dà empatia e comprensione.

SAG Awards, CinemaTown.it

Il che ci porta alla sconcertante mancanza di vittorie per A Star Is Born, che sembrava essere stato fatto apposta per vincere sia ai Golden Globes che ai SAG. Anche se Lady Gaga ha condiviso il Critics’ Choice Award con la Close ed è sicuramente la vincitrice per la miglior canzone con Shallow, Bradley Cooper deve ancora vincere un premio per questo film. Lui, Gaga e Sam Elliott sono nominati agli Oscar per le migliori interpretazioni, ma quando sono andati sul palco con Freddie Ramos per presentare il loro cast ai SAG, si sono limitati a leggere i loro discorsi a rotazione meccanica – così come hanno fatto per tutta la stagione dei premi. Anche se Gaga è stata una campionessa in tutte le premiazioni, le persone si stanno chiedendo che cosa c’è che non va in Cooper che sembrava disconnesso e distante.

Il quattro volte nominato Rami Malek, dall’altra parte, ha portato un po’ di sincerità durante tutte le sue apparizioni, qualcosa a cui gli attori danno valore. La star di Mr. Robot si è portata via il suo SAG per il miglior attore protagonista per la sua interpretazione della star Freddie Mercury in Bohemian Rhapsody.
Ha detto:

Ringrazio i Queen e Freddie Mercury. Ho guadagnato della forza da lui, ovvero la capacità di farmi avanti e vivere il meglio della vita – lui ci permette di sentire questo. Di nuovo, questo è per lui.

SAG Awards, CinemaTown.it

Ha sconfitto due attori veterani, i vincitori dei Critics’ Choice dei Globe Christian Bale e Viggo Mortensen che hanno messo 40 chili ciascuno per i loro ruoli in Vice e Green Book.
Mahershala Ali ha vinto come miglior attore non protagonista per Green Book, dando il suo supporto alla co-star Viggo Mortensen:

Viggo, è stato un onore fare questo viaggio insieme a te. Sei un attore davvero bravo e una persona incredibile.

Questi 25esimi SAG Award hanno però presentato una sorpresa sul piano femminile, dando la vittoria ad Emily Blunt come attrice non protagonista per A Quiet Place che invece non è nominata affatto agli Oscar.
L’attrice ha ringraziato il marito, il regista e la co-star John Krasinski.

Grazie per l’esperienza che mi hai dato facendo questo film.

Con la vincitrice dei Critics’ Choice Award Regina King fuori dai giochi per Se le strade potessero parlare e le due attrici di La Favorita che si sconfiggono a vicenda, ci si aspettava, invece, che vincesse la star di Vice, Amy Adams alla grande.

Questo mostra che le premiazioni ai SAG sono più mainstream di quello che sono gli Academy. Aspettiamoci altre sorprese la notte degli Oscar, il 24 Febbraio.

Leggi Anche: Oscar 2019: i vincitori e vinti delle nomination agli Academy Awards