Giorni dopo che il suo compatriota Alfonso Cuarón ha vinto l’Oscar come miglior regista per Roma, Alejandro González Iñarritu ha rivelato che sarà investito con al carica di presidente della giuria al Festival di Cannes, giunto alla sua settantaduesima edizione, dal 13 al 25 maggio 2019 – fatto questo che lo rende di fatto il primo messicano a ricevere un riconoscimento di questo tipo.

Il Festival di Cannes è stato importante per me sin dall’inizio della carriera. Sono entusiasta di tornare quest’anno con l’immenso onore di presiedere la giuria… il cinema scorre nelle vene di questo pianeta, e il Festival di Cannes credo che sia il suo vero cuore pulsante.

Noi della giuria, avremo il privilegio di assistere al nuovo ed eccellente lavoro di colleghi cineasti di tutto il mondo, ed è una vera delizia che corrisponde anche ad una grande responsabilità, che assumeremo con passione e devozione.

Il presidente del Festival di Cannes Pierre Lescure e il direttore artistico Thierry Frémaux hanno definito Iñarritu “un regista coraggioso e pieno di sorprese”, affermando che “Cannes abbraccia ogni forma di cinema, e attraverso la presenza di questo cineasta, le produzioni messicane saranno quelle celebrate da quest’edizione del Festival”. Una dichiarazione che conferma il modus operandi di questa squadra creativa, come successo durante l’edizione dell’anno scorso, a cui ProjectNerd ha partecipato.

Il nuovo presidente di giuria del 72º Festival di Cannes, ha debuttato col suo primo lungometraggio, Amores perros, proprio alla Settimana della critica di Cannes nell’oramai lontano 2000, vincendo il Grand Prix e ottenendo nomination ai Golden Globes e agli Oscar per le produzioni in lingua straniera. Babel ha vinto l’Oscar alla regia nel 2006, a fronte di ben sette nomination. Il regista è poi tornato al concorso nel 2010 con Biutiful, grazie al quale Javier Bardem venne candidato all’Academy Award. Più di recente, Iñarritu ha presentato Carne y arena, una collaborazione col direttore della fotografia Emmanuel Lubezki.

LEGGI ANCHE: I cineasti messicani alla guida della ribalta straniera a Hollywood

Fonte: ProjectNerd