Secondo quanto riferito dalle fonti, Johnny Depp ha intentato ufficialmente una causa per diffamazione nei confronti della sua ex moglie, Amber Heard, a proposito dell’opinione che la donna avrebbe rilasciato al Washington Post lo scorso dicembre, che illustrava le sue presunte esperienze di violenza domestica, senza però citare il nome dell’ex marito.

A sostegno dell’iniziativa di Johnny Depp vi sarebbe il principio secondo il quale Heard non sia vittima di abusi domestici, ma bensì una perpetratrice degli stessi. La causa, del valore di 50 milioni di dollari, nega che Johnny Depp abbia mai abusato di Amber, e sostiene che le sue accuse facessero parte di una mistificazione elaborata per generare pubblicità positiva a favore della star di Aquaman, la quale aveva recentemente detto:

Sono diventata una paladina della difesa contro le violenze domestiche, ho potuto ricevere tutta l’ira che la società riserva alle donne che, come me, hanno fatto sentire la propria voce.

Gli avvocati dell’attrice hanno repentinamente fatto sapere la loro opinione su quanto intentato da Johnny Depp, sminuendo le sue iniziative in maniera svilente.

Questa causa è di natura frivola, ed è solo l’ultimo dei ripetuti sforzi che il signor Depp per mettere a tacere la nostra assistita. Le azioni di Johnny Depp dimostrano quanto non sia in grado di accettare la verità sul suo comportamento violento.

Sembra deciso a continuare nel suo percorso autodistruttivo, ma prevarremo trionfando in questa causa senza fondamento, ponendo fine alle vili molestie che Amber Heard continua a sopportare da Johnny Depp e dal suo team di difensori legali.

La causa è solo l’ultimo dei guai legali dell’attore. Ha infatti citato in giudizio i suoi ex manager, così come il suo ex avvocato, sul quale ha avuto una vittoria non da poco, ma che non è stata sufficiente a placare le acque intorno a lui. Una carriera che non sta per nulla giovando dalla situazione privata di Johnny Depp, quasi sull’orlo di una fase da attore di serie B.

LEGGI ANCHE: City of lies – la recensione del film con Johnny Depp