Il regista de Il Signore degli Anelli, Peter Jackson, ha parlato a nome dei Neozelandesi, affinché il cordoglio per gli ultimi tristi avvenimenti giungesse al resto del mondo, sottolineando la loro unione “nell’amore e nel sostegno dei nostri fratelli e sorelle musulmani”. Il paese è stato colpito da degli atroci e devastanti attacchi terroristici a due moschee a Christchurch, dove sono state mietute quasi cinquanta vittime. In una dichiarazione a Variety, Peter Jackson ha affermato:

I Neozelandesi sono devastati. I nostri cuori sono rivolti verso tutti coloro che sono stati feriti da questo codardo atto di odio. I Kiwi sono uniti nell’amore e nel sostegno dei nostri fratelli e sorelle musulmani. Faremo tutto il possibile per aiutarli a guarire e superare questa terribile tragedia.

Prima dei terrificanti attacchi terroristici della scorsa settimana, la Nuova Zelanda era ampiamente considerata una placida e scenografica terra, dimora degli Hobbit nelle versioni cinematografiche di Peter Jackson, basate sui romanzi di J.R.R. Tolkien. I film hanno fatto il giro del mondo e attirato numerosi turisti nel corso degli anni, innamorati delle bellezze naturali del paese, ambientazione dell’esalogia della Terra di Mezzo.

La dichiarazione di Peter Jackson è stata una delle molte manifestazioni di empatia e solidarietà di note personalità all’indomani degli attacchi terroristici a Christchurch. Taika Waititi, regista di Thor: Ragnarok, ha dichiarato che il fanatismo del killer non riflette affatto la natura degli abitanti della nazione, affermando che:

Sto morendo sapendo che questo tipo di odio si sia potuto scatenare nella mia patria. Tutto il mio cordoglio va a Christchurch, alle vittime, alle loro famiglie, alla comunità musulmana e a tutti coloro che hanno scelto le nostre isole come la loro casa. Questi terroristi non siamo noi.

LEGGI ANCHE: Il Signore degli Anelli – Amazon è pronta a girare la serie TV in Nuova Zelanda