Riverdale: in attesa della terza stagione

riverdale cinematown.it

Dopo quasi sei mesi di attesa, per i fan di Riverdale è finalmente giunto il momento della terza stagione, in onda in Italia a partire dal 26 marzo.


Dopo quasi sei mesi di attesa, per i fan di Riverdale è finalmente giunto il momento della tanto attesa terza stagione, in onda in Italia a partire dal 26 marzo 2019. La stagione sarà composta da 22 episodi e sarà trasmessa sul canale Premium Stories di Mediaset Premium e sulla piattaforma streaming Infinity a partire dal 27 marzo. Dopo un finale di stagione tanto inatteso, che vede Archie accusato dell’omicidio di Cassidy Bullock proprio mentre viene eletto rappresentante del consiglio studentesco, la terza stagione si aprirà proprio con il suo processo e, stando alle news pubblicate su TvSerial, i fan verranno a conoscenza del suo destino già alla fine della prima puntata, che proietterà i telespettatori indietro nel tempo, esattamente ai tre mesi estivi durante i quali Archie viene duramente accusato. Veronica, Betty e Jughead saranno in grado di scagionare il loro amico dalle accuse?

Riverdale: la trama e i personaggi

Pensata per un pubblico di millenial, Riverdale è la serie televisiva ispirata ai personaggi dell’editore di fumetti statunitense Archie Comics e vede come protagonista Archie Andrews, interpretato nella serie da K.J. Apa. Quella di Riverdale è una cittadina tranquilla, comune, o almeno lo è all’apparenza. A sconvolgere la serenità dei suoi abitanti è la tragica morte di uno studente, Jason Blossom, la cui scomparsa getta nello scompiglio l’intera comunità studentesca. Lo stesso protagonista, Archie, scosso dagli ultimi avvenimenti, sceglie di intraprendere una carriera nel mondo della musica, lasciandosi definitivamente alle spalle la possibilità di seguire le orme del padre.

A far parte dell’universo di Riverdale sono anche Betty Cooper e Jughead Jones, due dei migliori amici di Archie, e Veronica, la nuova studentessa giunta a Riverdale da New York. Oltre ad essere nota per le sfumature dark e mistery, Riverdale è una serie televisiva capace di far riflettere gli spettatori su tematiche attuali e vicine agli interessi e alle più comuni preoccupazioni degli adolescenti: la competizione e il disagio legati all’ambiente del liceo, ma anche l’amore, l’amicizia e il divertimento, di cui una clip esclusiva della terza stagione dà un primo assaggio ai fan, catapultandoli nel mondo del gioco da casinò insieme a Veronica e rendendoli protagonisti di un’avvincente partita di blackjack. Come riportato sulla piattaforma di gioco Betway Casinò, il blackjack, chiamato anche 21, è uno dei classici senza tempo delle sale da gioco, il cui obiettivo consiste nel battere il banco, obiettivo che Veronica riuscirà a raggiungere grazie ai consigli del padre, che la mette in guardia sulle intenzioni del rivale.

Anche solo con una semplice clip, Riverdale si dimostra capace di affascinare non solo gli amanti della strategia, ma anche di dipingere un ritratto reale di uno dei fenomeni più vivi nell’immaginario collettivo di giovani e adulti: il gioco d’azzardo. Come anticipato, non mancano, ovviamente, anche temi più drammatici che, come ricordato in un articolo di Wired, conferiscono alla serie una maggiore consapevolezza contemporanea.

Il successo e le opinioni sulla serie TV

Se parte del successo di Riverdale è dovuto alle tematiche trattate e alle sfumature dark di ambientazione e trama, l’influenza della notorietà dei personaggi di Archie Comics non è certo da meno. Oltre a poter contare sull’apprezzamento dei fan, la serie TV può vantare un numero di sette Teen Choice Awards, premio assegnato direttamente dagli adolescenti, e su numerosi Oscar per l’interpretazione dei protagonisti: miglior attore a Cole Sprouse (Jughead), miglior attrice a Lili Reinhart (Betty) e persino il premio ai protagonisti come miglior bacio appassionato e a Madelaine Petsch per il miglior attacco isterico. Tra gli altri segreti del successo della serie, non mancano i riferimenti a colonne portanti del panorama delle serie TV come Veronica Mars e Gossip Girl, di cui si ritrovano in Riverdale i pettegolezzi tra i compagni di scuola e gli esiti solitamente negativi delle indagini, che vedono spesso coinvolti i protagonisti in prima persona. Per di più, il fatto che il mondo di Riverdale sia stato d’ispirazione per uno spin-off con la recente serie TV Le terrificanti avventure di Sabrina è un’ulteriore prova della sua ottima riuscita.
La terza stagione sarà in grado di soddisfare le aspettative degli appassionati della serie? Secondo le prime voci dagli Stati Uniti, la terza stagione sarà ricca di suspence e particolari inquietanti che la renderanno ancor più avvincente. Allo stesso tempo, però, non mancano le critiche su alcuni particolari relativi ai primi episodi, e sul processo di Archie in particolare. Come sempre, il giudizio definitivo non spetta che ai fan: sicuramente, se ne vedranno delle belle.

Leggi anche –Riverdale: i produttori non sono ancora pronti ad andare avanti senza Luke Perry