Game of Thrones: i Simpson avevano predetto le ceneri di Approdo del Re

Game of Thrones, CinemaTown.it

Game of Thrones ci ha mostrato una Daenerys Targaryen perdere completamente la testa e bruciare Approdo del Re. Ma i Simpson lo avevano predetto.


Lo scorso episodio di Game of Thrones, Le campane, vede Daenerys Targaryen fare qualcosa di davvero inaspettato e forse un po’ fuori dal personaggio, anche se – pensando a quante la ragazza ne ha passate e al significato che il suo personaggio ha – forse non è così del tutto inaspettato e senza senso.
Inoltre, siamo tutti a conoscenza della peculiarità del cartone animato di Matt Groening, I Simpson, e della sua tendenza a “predire” alcune cose, come appunto è capitato con la puntata in cui gli innocenti abitanti di Approdo del Re sono tutti diventati un enorme barbecue. E questa predizione è stata fatta nel 2017.

Non saremmo sorpresi se non avete visto l’episodio parodia de Il Trono di spade, The Serfsons, prima di adesso dato che nessuno guarda lo show, ormai.
È solo il più recente di una lunga serie di eventi ad alto profilo che vengono predetti dall’iconica serie d’animazione, tra cui la compravendita della Disney sulla Fox, la legalizzazione della cannabis in Canada, il Superbowl di Lady Gaga e – il più famoso di tutti – l’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti.

Nel frattempo, potreste pensare che la decisione di Daenerys di bruciare Approdo del Re sia avvenuta completamente dal nulla, ma non è del tutto vero perché è qualcosa che è sempre stato presente nel personaggio e alcuni indizi sono stati lanciati più volte nella serie.
Un personaggio che sicuramente è stato trattato in maniera piuttosto sbrigativa è Cersei Lannister. Lena Heady è la miglior attrice dello show, tuttavia le si è dato davvero poco spazio e tutto ciò che l’abbiamo vista fare è stato osservare la città attraverso il balcone della Fortezza Rossa.

Noi rimaniamo in attesa della sesta e ultima puntata di questa stagione che porterà anche alla chiusura definitiva della serie e almeno stavolta ci aspettiamo qualcosa col botto. Anche se ne dubitiamo.

Leggi anche – Game of Thrones 8: la recensione del quinto episodio (SENZA SPOILER)