Quentin Tarantino (da settembre in sala con C’era una volta a Hollywood, qui la nostra recensione) afferma che il suo Star Trek sarà come un Pulp Fiction ambientato nello spazio (se mai vedrà la luce). Tarantino è ovviamente famoso per aver diretto film come Le Iene, Pulp Fiction e Bastardi Senza Gloria. Il suo ultimo lavoro, C’era una volta a Hollywood, ci riporta nell’Età d’Oro hollywoodiana, e segue le vicissitudini dell’attore Rick Dalton (Leonardo Di Caprio) e del suo stuntman Cliff Booth (Brad Pitt). I film del regista americano sono tipicamente dark e grintosi, ma potrebbe presto spingersi arditamente dove nessuno ha mai osato andare.

Alla fine del 2017 un rumour parlava della possibilità che Quentin Tarantino dirigesse un film di Star Trek per la Paramount Pictures. La news arrivò a seguito di una proposta dello stesso Tarantino, che piacque molto sia alla Paramount che al produttore J.J. Abrams. Quest’anno è stato invece svelato che lo script del suo Star Trek è già stato scritto dallo sceneggiatore di Revenant Mark L. Smith. A stretto giro di posta, il regista di Kill Bill ha annunciato che la pellicola sarebbe stata, come era peraltro ovvio, vietata ai minori e piena di profanità.

Successivamente ha rincarato la dose, durante un’intervista promozionale per C’era una volta a Hollywood. Parlando a proposito del rating che avrebbe avuto la pellicola, ha detto:

Il punto è che, quando ne ho parlato con JJ, alla fine non era così radicale. Semplicemente non ci interessa questo tipo di cose.

Quentin Tarantino ha poi smentito l’attore Simon Pegg (Mission Impossible: Fallout), il quale aveva affermato che la pellicola non sarebbe stata come Pulp Fiction.

Se lo farò io, invece sarà esattamente così. Sarà Pulp Fiction nello spazio. Quel Pulp Fiction che vi aspettate: quando ho letto lo script, ho pensato che non avevo mai letto una science fiction con così tanta me*da dentro, mai. Non esiste un film di fantascienza come questo. E loro hanno detto, lo sappiamo, per questo vogliamo farlo. Davvero, si tratta di qualcosa di unico.