Quando Timothée Chalamet ebbe un ruolo secondario in uno dei migliori film di fantascienza del decennio, Interstellar di Christopher Nolan, non sapeva che sarebbe stato protagonista in quello che potrebbe diventare il prossimo miglior film di fantascienza, Dune di Denis Villeneuve.

“Prima di Matrix, prima di Star Wars, prima di Ender’s Game e Neuromancer, c’era Dune, il più grande romanzo di fantascienza mai scritto”, recita la trama del classico del 1965 di Frank Herbert. L’epica storia della rivoluzione del principe Paul Atreides contro un impero galattico ha catturato le menti dei lettori per oltre 50 anni, con i suoi giganteschi vermi di sabbia, i banditi del deserto e le politiche spaziali che influenzano la cultura fantascientifica, forse più di qualsiasi altra opera di narrativa. È enorme, come un’Iliade con i laser.

Fu una grande notizia quando nel 2016 venne annunciato che il visionario regista Denis Villeneuve (Blade Runner 2049, Arrival) avrebbe diretto un adattamento cinematografico del romanzo in due parti. Dopo il successo di Call Me By Your Name del 2017, il giovane talento di Hollywood, Timothée Chalamet, è stato rapidamente ingaggiato per interpretare il ruolo principale, seguito da un flusso costante di aggiunte di alto profilo tra cui Oscar Isaac nel ruolo del vecchio duca Leo Atreides, Stellan Skarsgård nei panni del cattivo del romanzo, il barone Harkonnen e Dave Bautista nei panni del temibile Glossu Rabban. Vi sono anche Javier Bardem, Josh Brolin, Rebecca Ferguson, Jason Momoa e Zendaya. Dato il materiale originale, unito al surplus di talenti coinvolti, il film sembra destinato a garantire un successo che lascerà il segno nella lunga lista di successi fantascientifici iconici di Hollywood.

Il romanzo, ovviamente, non ha familiarità con i tentativi di tradurre la sua grandiosa narrativa sul grande schermo. Il film di David Lynch del 1984 vide l’ormai acclamata cineasta lottare con la tecnologia del tempo per trasmettere una storia come Dune, optando per una versione ridotta e confusa del romanzo di Herbert. Il famoso critico cinematografico Roger Ebert scrisse:

Questo film è un vero casino, un’escursione incomprensibile, brutta, non strutturata, inutile nei regni più oscuri di una delle sceneggiature più confuse di tutti i tempi.

Per fortuna, Villeneuve ha confermato che il suo adattamento “non sarà collegato al film di David Lynch”. La grafica sorprendente del precedente lavoro del regista (Blade Runner 2049) ha vinto un Oscar per i migliori effetti visivi, così come la sua avvincente capacità narrativa, che lo rende la scelta perfetta per dirigere un progetto che potrebbe così facilmente dimostrare un altro nome sulla pietra miliare dei fallimenti di Hollywood. Anche Chalamet si è dimostrato un uomo di talento e pertinente nel ruolo da protagonista di adolescente problematico, come descritto dal romanzo.

Le riprese sono iniziate all’inizio di quest’anno in Ungheria e Giordania e si sono concluse la scorsa settimana, e sebbene ci sia stato poco materiale promozionale ufficiale per emozionare i fan, Chalamet ha pubblicato un curioso video su Instagram lo scorso aprile, mostrando quello che potrebbe essere il deserto di Arrakis. Resta da vedere se Dune possa replicare il successo di mega titoli come Star Wars o Avengers, ma con un regista come Villeneuve al comando e la ricchezza di esperienza a sua disposizione, l’amato universo di Herbert è in mani sicure. L’uscita di Dune è prevista per il 18 dicembre 2020.

LEGGI ANCHE – I film da vedere prima dei 30 anni