L’attore americano Mousa Kraish che interpreta Jinn nella serie American Gods, non tornerà per la terza stagione. Sebbene Bryan Fuller e Michael Green abbiano sviluppato la serie, i due showrunner se ne sono andati dopo la prima stagione. Jesse Alexander è subentrato nella seconda stagione, ma è stato sollevato dall’incarico, lasciando la serie senza uno showrunner a tempo pieno. La seconda stagione si è conclusa con recensioni contrastanti, essendosi avventurati ben oltre qualsiasi territorio coperto dal materiale originale del libro di Gaiman. Tuttavia, Starz, il canale di trasmissione, ha deciso di rinnovare American Gods per la terza stagione e ha assunto un nuovo showrunner, Charles Eglee. Ma questo rinnovo è già su un terreno instabile. Proprio di recente, l’attore Orlando Jones, che interpreta Anansi, è stato licenziato, come ha rivelato sui social media. Ha quindi accusato il nuovo showrunner di non apprezzare la sua interpretazione del dio africano, in particolare i discorsi appassionati e arrabbiati del personaggio sull’esperienza nera. Jones non è l’unico attore che non tornerà in American Gods: Kraish ha annunciato su Twitter che anche lui non è stato confermato per la terza stagione. Kraish interpreta Jinn nella serie, un ifrit proveniente dal Medio Oriente. Critici e fan hanno elogiato il suo ruolo dopo che la serie ha rivelato la sua relazione gay con il personaggio musulmano Salim. Kraish ha twittato i suoi ringraziamenti ad alcuni dei soggetti coinvolti nella serie e Gaiman ha risposto.

La società di produzione dello show, Fremantle, ha tentato di spiegare il licenziamento di Jones suggerendo che il motivo è perché la terza stagione stava coprendo una parte del libro in cui Anansi non appare. Alcuni fan potrebbero però trovarlo sospetto, considerando come la serie si è allontanata dal romanzo. Tuttavia, ciò che non è chiaro, è se anche l’attore Omid Abtahi, che interpreta Salim, l’amante di Jinn, resterà fuori dalla terza stagione. Indipendentemente dalle ragioni dietro questi licenziamenti, American Gods sta già ricevendo commenti negativi da parte del pubblico. I fan di Jones e Kraish sono passati ai social media per condividere il loro sdegno. Queste decisioni di casting sembrano anche inviare un messaggio ai fan su una mancanza di sensibilità per le questioni di razza e i problemi LGBTQ+. Fremantle è già stata accusata di atteggiamenti razzisti, in particolare dopo che la società ha recentemente licenziato Gabrielle Union di America’s Got Talent, quando ha sollevato la loro insensibilità razziale e cultura tossica. Questi ultimi due licenziamenti non fanno di certo placare i fan di American Gods, preoccupati per i valori della società di produzione.

LEGGI ANCHE – Avengers: Endgame non cambierà il copione di Guardiani della Galassia 3

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it