I fan di Diamanti grezzi, film di Josh e Benny Safdie, non vedono l’ora di assistere ad un acclamato Adam Sandler (per la sua interpretazione di Howard Ratner) da quando è stato uno dei primi film del Toronto International Film Festival, dove un membro del pubblico ha urlato “Un Oscar per Sandman!”, creando un ritornello ripetuto durante la stagione dei premi. Nonostante tutti i consensi per la sua performance, Sandler non ha ottenuto neanche un cenno dagli Oscar; ma sabato ha ricevuto una sorta di riscatto quando ha vinto un Independent Spirit Award come miglior attore protagonista. Nel suo discorso di ringraziamento, Sandler è entrato nel personaggio, come ha fatto in precedenza, presentando i Safdie ai New York Film Critics Circle Awards, offrendo una riflessione di ciò che significava vincere per lui.

“Ciao, mi chiamo Adam Sandler”, ha iniziato con la voce sciocca che ha poi usato per la durata del discorso. “Grazie. Sono davanti a te tremante di gioia mentre ricevo il tuo cosiddetto premio per miglior attore. Prima di tutto, è bello rivedere il nostro ospite Aubrey Plaza. Aubrey e io abbiamo fatto una cosa intitolata “Funny People” 11 anni fa, quella è stata l’ultima volta che i critici hanno fatto finta di non odiarmi per cinque fottuti minuti.”

I primi successi della carriera di Sandler come Waterboy e Un tipo imprevedibile, definiti dal tipo di buffonate da ragazzetto che stava canalizzando nel suo discorso agli Indie Spirits, non sono mai piaciuti alla critica. Ma negli ultimi decenni ha assunto ruoli drammatici a partire dal 2002 con Ubriaco d’amore di Paul Thomas Anderson, nel 2009 con Funny People di Judd Apatow, due anni fa con The Meyerowitz Stories di Noah Baumbach, e più recentemente con Diamanti grezzi, che lo ha avvicinato agli Oscar come non lo è mai stato. Ciò non è accaduto, ma Sandler ha vinto agli Indie Spirits fra altri quattro nominati: Chris Galust (Give Me Liberty), Kelvin Harrison Jr. (Luce), Robert Pattinson (The Lighthouse) e Matthias Schoenaerts (The Mustang).

“Mi piacerebbe anche fare un saluto ai miei compagni nominati, che ora e per sempre saranno conosciuti come ‘I tizi che hanno perso contro quello stronzo di Adam Sandler’ “, ha detto durante il suo discorso. “I miei compagni di classe mi hanno onorato con il premio per la migliore personalità, sicuramente meno prestigioso. Mentre mi guardo intorno in questa stanza, mi rendo conto che gli Independent Spirit Awards sono ‘I migliori premi per la personalità’ di Hollywood.”

Nel backstage, Sandler ha risposto ad alcune domande ai membri della stampa. Ha detto che Diamanti grezzi era una sceneggiatura che non poteva scrivere, ma non sapeva quanto sarebbe stato stressante da guardare, fino a quando non ha visto il film – quella è stata la magia che i Safdie hanno creato.

“Non sapevo che sarebbe stato così stressante fino a quando non l’ho guardato”, ha detto. “Sapevo che per quanto riguarda la sceneggiatura era davvero interessante e mi sentivo nervoso per il personaggio (Howard).”

LEGGI ANCHE – Oscar 2020: il pronostico dei vincitori secondo Cinematown

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it