Le migliori registe cinematografiche oggi in circolazione, di cui non si parla abbastanza

Le migliori registe oggi in circolazione sono composte da donne di talento che hanno regalato film profondi e avvincenti al loro pubblico.


Vi è una vasta selezione di cineaste formidabili composte da donne di talento con lavori considerevoli. Per troppo tempo il mondo del cinema è stato visto come una sorta di club per ragazzi elitario, ma è bene ricordare che molte registe hanno realizzato film degni di nota. Le donne sono spesso sottorappresentate nei film, nonostante siano tra le più interessanti e importanti autrici. L’elenco che proponiamo serve a celebrare e ricordare lo straordinario cinema realizzato dalle donne. Di seguito, alcune tra le migliori registe che devono essere prese in maggior considerazione.

Dee Rees

migliori registe cinematown.it

La regista e sceneggiatrice americana Diandrea “Dee” Rees si è fatta conoscere per la prima volta con il suo film Pariah del 2011, andando avanti poi con Bessie, film del 2015 prodotto da HBO, con la sua svolta nel 2016 con Mudbound, stabilendo saldamente il suo grande talento. Adattato dal romanzo best-seller di Hillary Jordan del 2008, Mudbound ha fatto guadagnare a Rees una meritata nomination all’Oscar come miglior sceneggiatura non originale. Il prossimo lavoro di Rees è un adattamento cinematografico del thriller politico di Joan Didion del 1996, The last thing he wanted, con un cast di serie A che include Anne Hathaway, Rosie Perez, Ben Affleck e Willem Dafoe. Inoltre produrrà l’ambizioso e atteso adattamento del 1964 di Philip K. Dick, Noi marziani.

Karyn Kasuma

migliori registe cinematown.it

La cineasta di Los Angeles, Karyn Kusama, originaria di Brooklyn, è diventata all’avanguardia nel radar di Hollywood con il suo memorabile e pluripremiato debutto cinematografico del 2000 Girlfight, che Kusama ha scritto, diretto e prodotto. Negli anni successivi al film, Kusama si è stabilmente affermata come una formidabile regista di genere. Æon Flux – Il futuro ha inizio del 2005 è uno dei cult preferiti sia per i fan di manga che per quelli di fantascienza, e i fan dell’horror sono molto affettuosi nei confronti dei suoi film di alto livello come Jennifer’s Body (2009) e The Invitation (2015). Il thriller criminale del 2018, Destroyer, ha superato diverse liste di critici lo scorso anno, garantendo ulteriore attenzione all’attuale serie di progetti in sviluppo di Kasuma.

Deniz Gamze Ergüven

migliori registe cinematown.it

La cineasta turco-francese Deniz Gamze Ergüven ha lasciato il segno con il suo film di debutto accattivante e provocatorio del 2016, Mustang (che ha co-scritto con Alice Winocour, una sceneggiatrice e regista francese che merita grandi lodi). Una storia alternativamente gioiosa e sconvolgente di cinque sorelle orfane in un villaggio puritano dove il matrimonio combinato è inevitabile, e molti dei dettagli del film provengono dalle esperienze personali di Ergüven, aggiungendo un’autenticità che rende ancora più l’idea della natura ribelle dell’eroina del film.

Un film polarizzante nella Turchia nativa di Ergüven, dovuto in gran parte al modo in cui le donne vengono maltrattate; questo film parla anche della sua impavidità come regista. Mustang è stato seguito da Kings (2017), che non ha avuto lo stesso successo del film precedente, ma presentava nel cast nomi importanti come Halle Berry e Daniel Craig. Con diversi progetti attualmente in fase di sviluppo, nel frattempo i fan di Ergüven possono stuzzicare i loro appetiti con il suo lavoro nella serie di fantascienza di grande budget, The First, basata su una missione guidata da Sean Penn, di cui ha diretto diversi episodi chiave, incluso il primo.

Greta Gerwig

migliori registe cinematown.it

L’attrice, scrittrice e regista Greta Gerwig è forse la più in auge tra le migliori registe, che ha lasciato il segno per la prima volta accanto all’influente regista cinematografico Joe Swanberg, dove non solo ha recitato, ma ha co-sceneggiato e co-diretto diversi film (tra cui Hannah Takes the Stairs e Nights and Weekends) prima della sua grande svolta come attrice in diversi film di Noah Baumbach (Frances Ha e Mistress America). Nel 2017 Gerwig ha avuto il suo più grande successo da solista fino ad oggi, con il suo film d’adolescenza criticamente adorato Lady Bird, che ha scritto e diretto.

Ricevendo due nomination agli Oscar per la miglior sceneggiatura originale e miglior regista, Gerwig da allora è salita alle stelle. Lo scorso Natale 2019 è stato distribuito il suo adattamento del classico Piccole donne di Louisa May Alcott. Il film di Gerwig, che ha anche scritto da sola, l’ha riunita con diversi attori del suo cast di Lady Bird (tra cui Saoirse Ronan e Timothée Chalamet) insieme a Laura Dern, Florence Pugh, Meryl Streep ed Emma Watson.

Anna Biller

migliori registe cinematown.it

Con due lungometraggi meravigliosamente originali (Viva e The Love Witch), un terzo lungometraggio di Bluebeard e una ricchezza di meravigliosi cortometraggi, la cineasta di Los Angeles Anna Biller sembra essere la salvatrice che il cinema indie americano non sapeva nemmeno di avere. Affascinanti e sbalorditivi da guardare e inondati di strane sensazioni vintage, i film di Biller sembrano provenire da un’altra epoca e al tempo stesso sono sostenuti da splendidi design modernisti.

Viva è una commedia vividamente colorata di costumi sociali e funge da omaggio ai film di sfruttamento sessuale della fine degli anni ’60 e ’70, ma con un tocco femminista rinfrescante. The Love Witch, come Viva, prende molti spunti dagli anni ’60 e dai melodrammi technicolor, con alcuni elementi horror gotici. Biller, intenzionalmente o no, abbraccia efficacemente, autentica e sostiene la teoria d’autore. I suoi film deliziosamente sovversivi, legittimamente snervanti, esilaranti, citabili e visivamente ricchi, equivalgono a un audace corpus di opere.

Kathryn Bigelow

migliori registe cinematown.it

Una delle maggiori star di Hollywood dalla sua prima serie di successi negli anni ’90, è la regista, produttrice e sceneggiatrice Kathryn Bigelow. È la capostipite delle migliori registe oggi in attività, con una fluidità tra i generi cinematografici, anche se forse è più ricordata per i suoi intensi thriller militari, The Hurt Locker del 2009 (per il quale Bigelow è stata la prima donna a vincere un Oscar per miglior regista) e Zero Dark Thirty del 2012. I fan di Bigelow da molto tempo tifano per il suo successo mainstream, sin dai suoi primi giorni con film indimenticabili come il western Il buio si avvicina (1987), il thriller distopico di fantascienza Strange Days (1995) o i suoi successi post-Oscar come Detroit del 2017.

Patty Jenkins

migliori registe cinematown.it

Il distinto debutto alla regia di Patty Jenkins è avvenuto con Monster (2003), che ha anche scritto. Descrive in dettaglio la straziante storia della vita reale di Aileen Wuornos (Charlize Theron, in una brillante interpretazione dell’Oscar) ma il suo enorme successo, che la consacra definitivamente tra le migliori registe di oggi, arriva nel 2017 con Wonder Woman, che ha sicuramente annunciato il suo arrivo come produttrice principale di successi al botteghino. Il suo seguito della principessa amazzone, Wonder Woman 1984, dovrebbe già essere uno dei più grandi successi del 2020, e anche se è meraviglioso vedere Jenkins entrare nel suo ruolo di grande regista di supereroi, sarebbe bello vederla tornare a dirigere piccoli film indipendenti.

Sofia Coppola

migliori registe cinematown.it

Lost in Translation – L’amore tradotto, è il film più famoso di Sofia Coppola come regista e le è valso un Oscar per la miglior sceneggiatura originale, che l’ha inserita non solo nell’olimpo delle migliori registe, ma addirittura tra i migliori professionisti del settore. Essendo cresciuta sul set di film, forse non è così scioccante che lo stato di autrice nascente di Coppola sia ben fondato.

Altri suoi film noti includono Il giardino delle vergini suicide (1999), Marie Antoinette (2006), Somewhere (2010), L’inganno (2017), e il suo prossimo lavoro, provvisoriamente intitolato On the Rocks, che la riunisce con Bill Murray, ed è già uno dei film più attesi del 2020. Coppola potrebbe non essere la più prolifica tra i cineasti, ma si dedica ai suoi progetti, che sono spesso film molto personali, e il livello di qualità è evidente in ogni fotogramma composto a regola d’arte.

Chloé Zhao

migliori registe cinematown.it

Songs My Brothers Taught Me di Chloé Zhao è un film che non solo mostrava una rappresentazione evocativa e onesta della vita indiana post-coloniale, ma rielaborava il familiare angolo di maturità in modi sorprendenti e con un cast incredibilmente efficace. Zhao, nata a Pechino e ora residente a Los Angeles, ha diretto anche il fantastico The Rider (2018). Abbracciando una malinconica poetica sostenuta, i meravigliosi paesaggi magici di Zhao e l’uso vincente di attori inesperti che offrono performance oneste della massima purezza, sottolinea ulteriormente la sua direzione nella forma più pura e maestosa. Sincero, energetico e di grande successo, The Rider di Zhao è un capolavoro social-realista.

Kelly Reichardt

migliori registe cinematown.it

Kelly Reichardt si è affermata saldamente come una delle registe di alto livello nel mondo. Nata in Florida ma residente a New York, Reichardt ha dimostrato di essere una voce vitale nella scena cinematografica americana indipendente con il suo film di debutto del 1994, River of Grass. Intimi e austeri, i film di Reichardt condividono tutti un’estetica particolare poiché il suo stratagemma stilistico consiste nell’usare spesso il campo lungo.

Di tutti i film di Reichardt potrebbe anche darsi che Wendy and Lucy del 2008 sia il suo più grande capolavoro, ma altre gemme nel suo curriculum distintivo includono Meek’s Cutoff del 2010, Night Moves del 2013 o il suo gratificante Certain Women del 2016. Un’artista indispensabile e una regista straordinaria, Reichardt è un tesoro americano e una delle migliori registe di oggi.

Claire Denis

migliori registe cinematown.it

Responsabile di un corpus di lavori estremamente eclettico e straordinario, la cineasta francese Claire Denis è chimerica da un film all’altro. Tra le migliori registe di oggi per la sua capacità visionaria, Denis realizza film con idee grandiose (spesso critiche al colonialismo) utilizzando una tavolozza di colori vividi, composizioni eleganti, trame profonde e suoni sperimentali, in un’ampia varietà di generi.

Il suo avvincente dramma di guerra del 1999, Beau Travail, è stato una gemma iniziale, mentre il suo film del 2001 Cannibal Love – Mangiata viva è un film horror scioccante, considerato parte dell’estremità francese, che ha suscitato polemiche per le sue rappresentazioni violente di sete di sangue e sesso esplicito. Altre opere degne di nota della regista includono l’agonizzante dramma White Material (2009) e High Life (2018).

Debra Granik

migliori registe cinematown.it

L’ex cineasta documentarista Debra Granik ha lentamente accumulato un impressionante numero di opere che traspone elementi del neorealismo italiano. Il dramma sulla dipendenza di Granik del 2004 Down to the Bone ha dato un meritato ruolo di svolta a Vera Farmiga – e il suo neo-noir ambientato a Ozark nel 2010, Un gelido inverno, ha lanciato Jennifer Lawrence in una carriera redditizia.

Senza lasciare traccia del 2018 (basato sul libro My Abandonment di Peter Rock) mette la 17enne Thomason Harcourt McKenzie, un’attrice neozelandese, in una performance da star come Tom, una ragazza che vive in mezzo alla natura dei parchi statali dell’Oregon, con suo padre veterano dell’Iraq con disturbi post traumatici. Granik potrebbe essere considerata la dama del cinema neorealista americano, che mescola sapientemente con la tradizione estetica del suo cinema d’origine. Tra le migliori registe di oggi, è forse quella più sperimentatrice.

Lynne Ramsay

migliori registe cinematown.it

I quattro film di Lynne Ramsay sono Ratcatcher (1999), Morvern Callar (2001), …e ora parliamo di Kevin (2010) e il thriller ambientato a New York dello scorso anno A beautiful day – You Were Never Really Here. Quest’ultimo, il suo più grande successo internazionale, è anche il più sorprendente in quanto è, almeno in superficie, un esempio di genere grintoso su un ex marine (Joaquin Phoenix) che cerca di liberare un giovane adolescente da una spirale di traffico sessuale.

Filmmaker estremamente indipendente e visionaria, i film di Ramsay lasciano un impatto indelebile su un pubblico attento alla ricerca di alternative al mainstream, che le valgono sin dal primo lungometraggio la presenza nella lista delle migliori registe di oggi. Guardando al futuro, Ramsay ha espresso interesse per una serie di progetti di ampia portata tra cui un thriller fantascientifico ispirato a Moby Dick e una commedia basata sulle sue esperienze personali vissute sull’isola greca di Santorini. Lo stile inconfondibile e poetico della firma di Ramsay è estremamente singolare e distinto.

Andrea Arnold

migliori registe cinematown.it

Nel 2003 la cineasta inglese Andrea Arnold ha vinto l’Oscar per il miglior cortometraggio per il suo drammatico tour de force di 25 minuti, Wasp. Ha poi diretto lo psicodramma voyeuristico del 2006 chiamato Red Road (che ha vinto un premio della giuria al terzo posto a Cannes quell’anno) e le sue osservazioni acute sul realismo della classe operaia offrono un ambiente cupo e malinconico condiviso da artisti del calibro di Mike Leigh e Ken Loach. Il film di Arnold del 2009, Fish Tank, è un film inquietante, emotivamente ricco e assolutamente crudo, così come il suo road movie del 2016, American Honey – entrambi film che, tra l’altro, hanno vinto il premio della giuria al Festival di Cannes.

I personaggi di Arnold si sentono costantemente energici e autentici e non si vuole altro che il meglio per loro, anche se si comportano in modo terribile. I film di Arnold mostrano uno spirito auto-improvvisato, così come una sensazione sfuggente ed espansiva di innovazione e fatalismo che mette la regista al vertice del cinema mondiale. Pochi cineasti sono incredibilmente sublimi, e lei è facilmente una delle cineaste più visionarie e formative del ventunesimo secolo, nonché tra le migliori registe degli ultimi tempi.

Alice Rohrwacher

migliori registe cinematown.it

Alice Rohrwacher ha esordito come regista nel 2006 con La Fiumara, episodio del documentario collettivo Checosamanca, prodotto da Carlo Cresto-Dina e presentato al Festival del Cinema di Roma nella sezione Extra. Il 2011 è l’anno del vero e proprio esordio cinematografico con il film Corpo celeste, dove dirige Salvatore Cantalupo, Anita Caprioli e Renato Carpentieri, presentato nella Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes 2011, che le è valso il conferimento del Nastro d’argento per miglior regista esordiente. Nel 2014 vince il Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes 2014 con Le meraviglie. Nello stesso anno prende parte al film 9×10 novanta presentato al Festival di Venezia. Assieme a Valeria Golino, è tra le migliori registe italiane di oggi, nonché stella lucente del panorama internazionale.

LEGGI ANCHE: JJ Abrams – «l’emancipazione femminile è stata la carta vincente di Star Wars»

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it