Steven Spielberg: la figlia Mikaela lancia la sua carriera nei video porno

Steven Spielberg, CinemaTown.it

È una notizia che ci arriva dal Sun: la figlia di Steven Spielberg, Mikaela, ha lanciato la sua nuova carriera come intrattenitrice per adulti. In un’intervista esclusiva, la ventitreenne – che è stata adottata dal leggendario regista e dalla moglie Kate Capshaw quando era una bambina – ha raccontato di aver già iniziato a auto-produrre dei video porno – e aggiunge che amerebbe atterrare verso un lavoro come ballerina nei strip club una volta che avrà ottenuto la sua licenza.
Mikaela parla coi genitori regolarmente e ha dato loro la notizia tramite FaceTime nel weekend dicendo che erano “affascinati” ma non “arrabbiati”.
Si è definita come una “creatura sessuale” e ha detto al The Sun:

Mi sono davvero stancata di non poter capitalizzare sul mio corpo e francamente, mi sono stancata di sentirmi dire di odiare il mio corpo. Mi sono anche stancata di lavorare giorno dopo giorno in quel modo che non soddisfa la mia anima. Sento come se facendo questo tipo di lavoro io sia in grado di “soddisfare” altre persone, e mi fa stare bene anche perché lo sto facendo in modo da non sentirmi violata.

Mikaela ha rivelato la sua nuova carriera sui social media all’inizio di questo mese. Ha scritto:

Ho appena lanciato la mia carriera nell’intrattenimento per adulti auto-prodotta. Sicuro, sano, consensuale è l’obiettivo. Il mio corpo, la mia vita, il mio stipendio, la mia scelta. Non devo a nessuno la mia autonomia o la virtù solo per un nome.

Ora nella sua prima intervista, Mikaela, che vive a Nashville (Tennessee) ha detto che spera che la sua scelta di carriera l’aiuterà a diventare finanziariamente indipendente dai genitori Hollywoodiani.

Sono sempre stata una persona naturalmente sessuale, il che mi ha messo nei guai prima. Non in modo predatorio, ma solo nel senso che le persone qui nel Sud non si sentono a loro agio con ciò. La mia prima speranza è che possa diventare abbastanza lucrativo da non essere finanziariamente legata. E poi che possa dire alle persone che non c’è nulla di sbagliato nell’usare il mio corpo in un modo che mi faccia sentire a mio agio nel supportarmi. Non posso dipendere dai miei genitori o dallo Stato per quello – non che ci sia qualcosa di sbagliato in ciò – semplicemente a me non piace. Non è una scelta da “non ho altra scelta” o “ho toccato il fondo”. È una scelta positiva e rafforzativa, ho realizzato che non c’è vergogna nell’essere affascinati da quest’industria e volere qualcosa che sia sano, sicuro e consensuale.

Mikaela ha detto che per lei è stato un enorme lancio di fiducia in sé stessa mostrare i suoi seni grandi e naturali, che lei descrive come la sua “fabbrica di soldi” – e che sta pianificando di produrre più video erotici per mostrare le proprie curve.
E anche se dice che sarebbe felice di fare anche dei video fetish – marca una linea riguardo al fare sesso con un’altra persone in camera per rispetto del suo fidanzato di 47 anni, Chuck Pankow, che comunque la supporta.

Penso che sarei fantastica nel fetish. Ho odiato il mio petto per così tanto tempo ma finalmente ho imparato ad accettarlo. Quello è stato una delle cose, quando ho caricato i primi due video, che ho realizzato: “questa è la mia fabbrica di soldi” – il mio petto grande. Ed è stato davvero bello e rinfrescante avere persone che dicono cose fighe – perché spesso le persone possono dire cose davvero scomode riguardo il corpo di una donna nera. E il motivo per cui non voglio fare niente al di fuori di video in solitaria è perché sento che sarebbe una violazione dei miei limiti e della mia relazione con il mio partner.

Il regista di ET ha scelto il nome fittizio Sugar Star per la sua carriera nell’intrattenimento per adulti. Ha postato una serie di video osé su PornHub – però poi ha deciso di toglierli temporaneamente finché la sua richiesta per la licenza  come lavoratrice del sesso non viene approvata.
Anche se auto-produrre video porno non è illegale – Mikaela è irremovibile sul mantenere tutto “legittimo e nel rispetto delle regole”.
Le prime clip includono un video sensuale intitolato Huge breasted woman pleasures herself in calm environment. Un altro video è stato chiamato I give my huge natural breasts some love and care with rose tea oil. Mikaela ha già attirato la sua fan base – che lei descrive come “perlopiù formata da uomini maturi e bianchi”.

Anche se Mikaela ora è emozionata e positiva riguardo il suo futuro in questa carriera, racconta anche del suo difficile passato in cui ha subito abusi sessuali. Ha detto di essere stata adescata e abusata da “predatori” crescendo – però specifica che si tratta di uomini estranei alla sua famiglia e alla cerchia di amici. Ciò ha contributo agli anni di sofferenza su problematiche mentali, come anoressia, personalità borderline e abuso di alcol.

Sono molto aperta sulla mia personalità borderline sia pubblicamente, sia con amici e online perché veniamo dipinti come dei mostri manipolatori.

E nonostante tutto, Mikaela dice che si sta godendo la sua relazione sia con i genitori che con i fratelli – e spera che le sue decisioni di carriera non facciano del male a nessuno.

Ho dei genitori fantastici che hanno avuto i loro problemi con me, ho avuto liti e problemi con loro, ma è solo per paura che le persone a volte sbagliano a prendersi cura di te perché vogliono che resti vivo e sano.

Leggi Anche: La storia del cinema porno, dalla preistoria del genere all’era di internet

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it