Il capolavoro di Christopher Nolan con Jim Carrey che non hanno mai realizzato

christopher nolan cinematown.it

Christopher Nolan pensa che la miglior sceneggiatura che abbia mai scritto sia quella per un film con Jim Carrey sull’eccentrico Howard Hughes, che non hanno mai realizzato.


In un’intervista del 2014 sul film Interstellar, Christopher Nolan si è preso un minuto per poi esordire con: “È la migliore sceneggiatura che abbia mai scritto”, rivolto a The Daily Beast. Ma non stava parlando di Interstellar – stava descrivendo una sceneggiatura che aveva scritto all’inizio degli anni 2000, per un film sull’eccentrico magnate di Hollywood, Howard Hughes. Per un lungo periodo dopo la morte di Hughes nel 1976, il miliardario solitario fu oggetto di numerosi libri di gossip, ma senza film. Numerosi cineasti, tra cui Ed Norton e Warren Beatty, hanno espresso interesse a fare un film di Hughes, ma non sono arrivati ​​da nessuna parte. Beatty ne ha fatto uno molto più tardi, pubblicando Rules Don’t Apply nel 2016. Nel 2002, tuttavia, Castle Rock acquistò i diritti per una biografia di Hughes nello stesso periodo in cui New Line scelse Michael Mann per dirigere Leonardo DiCaprio in un altro film di Hughes, e sembrava una gara a chi lo producesse prima. EW riportò nel 2002:

Dato che Jim Carrey è confermato protagonista di quest’ultimo progetto e il regista Christopher Nolan (Memento) ha già firmato per dirigerlo, il film di Castle Rock arriverà probabilmente sul grande schermo.

La previsione di EW era sbagliata. Martin Scorsese, non Mann, finì per lavorare con Leonardo Di Caprio e The Aviator di Scorsese nel 2004, divenne il primo film biografico di Hughes. Il progetto di Christoper Nolan, nel frattempo, non è mai stato realizzato, il che rende la lettura delle sue vecchie interviste sul progetto un vero spreco, soprattutto perché è ovvio quanto fosse entusiasta di lavorare al film e quanto fosse felice di avere Jim Carrey come protagonista. Il regista, nel 2002, disse a A.V. Club:

Penso di aver trovato l’unico ragazzo, nella persona di Jim Carrey, che può effettivamente fare ciò che è richiesto dalla parte.

Il regista ha proseguito con i suoi elogi in un’intervista a ShowbizMonkeys lo stesso anno, dicendo che Carrey “è nato per interpretare Hughes” e ha notato che l’attore aveva persino collaborato con lui alla sceneggiatura. Anche Carrey, da parte sua, era entusiasta del progetto e lo vedeva come il ruolo di una vita, il suo potenziale Quarto potere e ha detto:

In un certo senso, probabilmente sono lui. Voglio scoprire quale abisso personale doveva essere colmato – il suo bocciolo di rosa.

Carrey è in grado di trasmettere una paranoia frenetica e accattivante meglio di chiunque altro. Vederlo alternare fra una grande confidenza e una profonda fragilità emotiva sarebbe un piacere; mentre sarebbe difficile far invecchiare l’attore per interpretare un giovane Hughes. Il fratello e la cognata di Nolan sono gli showrunner di Westworld, quindi perché non ha potuto chiamare il ragazzo “giovane” per le prime scene? Inoltre, secondo un rapporto del 2011 di Vulture, il film di Nolan doveva concentrarsi sugli anni più strani della vita eccentrica di Hughes. Claude Brodesser-Akner disse:

Incontreremo Howard Hughes che ha trascorso gran parte del 1948 seduto nudo in un bungalow al Beverly Hills Hotel con solo un tovagliolo rosa che copriva i suoi genitali mentre proiettava film dal suo studio, RKO Pictures, e guadagnava 11 milioni di dollari; un Hughes che – ossessionato dalla qualità alimentare – ha acquistato ogni catena di ristoranti nel suo stato del Texas.

Christopher Nolan ha ritirato il progetto dei suoi sogni per paura di competere con Scorsese, ma ciò non avrebbe dovuto spaventarlo. I “film gemelli” sono film realizzati su argomenti simili o identici che vengono pubblicati nello stesso periodo, come Armageddon e Deep Impact. Le biografie gemelle sono avvenute anche in numerose occasioni, tra cui Jobs e Steve Jobs, rispettivamente rilasciate nel 2013 e 2015. Ci sono stati anche due film biografici su Yves Saint Laurent nel 2014 e, più incredibilmente, ci sono stati due film separati sulla vita di Florence Foster Jenkins usciti negli ultimi due anni.

Se il mondo ha spazio per due film distribuiti in un breve lasso di tempo sulla stessa persona, allora Christopher Nolan dovrebbe essere libero di fare qualsiasi cosa vogliaThe Prestige è il miglior film di Nolan ed è stato solo migliorato dal fatto che The Illusionist di Neil Burger è uscito lo stesso anno. Il mondo ha avuto due film con le stesse tematiche a inizio secolo, ed è stato un bene proprio per questo. Nel 2012, Nolan ha dichiarato che il suo film di Hughes è morto, ma nell’intervista del Daily Beast del 2014 era più ambivalente sul futuro del film.

Lo rivisiterò? Non ne ho idea. Non lo escluderei necessariamente, ma l’ho scritto molto tempo fa.

LEGGI ANCHE: Christopher Nolan – analisi di un cineasta diviso fra memoria, tempo e anima

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it