Se Disney aveva paura per le prime previsioni in ribasso sul numero di nuovi abbonati, grazie alla pandemia del Coronavirus può stappare la miglior bottiglia che tiene in riserva. Disney+ ha infatti registrato un aumento di abbonamenti triplicato rispetto alla scorsa settimana, proprio perché, come spiega Forbes, gli utenti sono in quarantena. In particolare, la piattaforma ha un vantaggio enorme rispetto ai concorrenti, trattandosi del più ampio catalogo di intrattenimento per famiglie.

Al suo interno, Disney+ ha tutto il catalogo di animazione Disney, I Simpson, tutti i titoli di Star Wars e Marvel, con nuove produzioni che non appena possibile torneranno disponibili. Ad accelerare l’aumento di abbonati è stata la notizia relativa al rilascio anticipato di Frozen 2 lo scorso 15 marzo, un mese prima quanto precedentemente stabilito. Sempre Forbes fornisce le cifre e i periodi in cui Disney+ è esponenzialmente cresciuta, sottolineando anche un aumento del 10% del consumo dei prodotti Apple – sebbene sia il più basso tra le piattaforme streaming.

I numeri, che giungono da analisti come Antenna, devono però essere presi con le pinze: a fare massa sono infatti gli abbonati che hanno sottoscritto il periodo di prova gratuito, quindi ci si aspetta che una volta scaduti i sette giorni il numero di rinnovi sia sì alto, ma contenuto rispetto agli attuali entusiasmi. Il vantaggio resta comunque in tasca di Disney+, essendo una piattaforma nuova che può solo continuare ad aumentare le sottoscrizioni, a differenza di Netflix, già presente da molti anni nelle case in cui ora si insidia Topolino.

LEGGI ANCHE – Disney+: disponibili più di 850 titoli con il lancio della piattaforma in Europa

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it