Come la maggior parte degli appuntamenti e degli eventi previsti in queste settimane, anche il Festival di Cannes ha dovuto affrontare le conseguenze del COVID-19. Mentre Tribeca e SWSW hanno immediatamente annullato e spostato le date delle proprie manifestazioni, il Festival di Cannes ha preferito resistere quanto più a lungo possibile per poi affermare il  desiderio di spostare il Festival a fine Giugno. Ovviamente, è impossibile sapere già adesso con certezza quale possa essere la possibilità di effettivo svolgimento della manifestazione. Il Festival di Cannes mantiene sempre il suo glamour e, sulla carta, la prossima sarebbe potuta essere una straordinaria edizione. Diamo un’occhiata a dieci titoli che potrebbero benissimo essere in corsa per la Palma d’Oro.

The French Dispatch (Wes Anderson)

festival di Cannes CinemaTown.it

Il celebre regista texano ha lanciato i suoi due ultimi film al Festival di Berlino. Dopo The Grand Budapest Hotel e L’isola dei cani, potrebbe essere arrivato il momento giusto per ritornare sulla Croisette e presentare The French Dispatch. Anderson manca da Cannes dal 2012, anno di presentazione di Moonrise Kingdom, che aprì in anteprima mondiale quell’edizione del Festival. La release del film prevista per Luglio sarebbe perfetta per la sua eventuale presentazione al festival francese. E anche il cast di primissimo livello sarebbe all’altezza degli standard cannensi: Tilda Swinton, Bill Murray, Benicio del Toro, Timothee Chalamet, Lea Seydoux, Owen Wilson, Elisabeth Moss e Frances McDormand sono solo alcuni dei tantissimi nomi che animeranno il prossimo progetto di Anderson. Il film arriverà in sala il 24 Luglio.

Soul (Pete Docter, Kemp Powers)

festival di Cannes CinemaTown.it

Cannes ha da sempre tenuto in estrema considerazione il cinema animato. La presenza in concorso di Shrek e Shrek 2 lo dimostra. Nel corso degli anni, il Festival è stato in grado di coniugare interessi artistici e capacità commerciali di numerosi film d’animazione. Nel 2015, ad esempio, Pixar Animation Studios hanno presentato a Cannes Inside Out, il loro capolavoro universalmente riconosciuto. L’accoglienza fu delle migliori e, per questo motivo, la casa di produzione potrebbe pensare di tornare a Cannes con Soul. Al momento, la release del film è fissata per Giugno. Il titolo racconta la storia dell’anima che dona alle persone la loro umanità. Jamie Foxx restituisce la sua voce a Joe Gardner, un insegnante di musica che ha sempre sognato di suonare in un jazz club. Il film segue il percorso del protagonista dal momento in cui la sua anima abbandona il suo corpo. Per un Festival che ha adorato Inside Out, Soul potrebbe essere una delle possibili risposte su cosa inserire in concorso.

Tenet (Christopher Nolan)

festival di Cannes CinemaTown.it

Christopher Nolan non è nuovo ai rumors su Cannes. Eppure, nessun film del regista inglese ha mai debuttato sulla Croisette. Forse, potrebbe essere arrivato il momento giusto? Il suo ultimo lungometraggio, Tenet, debutterà al cinema a Luglio, distribuito da Warner Bros. Per questo motivo, il gap di tempo tra la sua eventuale presenza a un festival di cinema e la distribuzione mondiale è estremamente ridotto. Ma, ovviamente, Nolan rimane pur sempre una sorta di scheggia impazzita. Si tratta del film più internazionale del regista (girato in sette Paesi diversi) e, dopo la presentazione con ottime critiche di Mad Max: Fury Road, la sua presenza a Cannes non è così implausibile.

Tre piani (Nanni Moretti)

festival di Cannes CinemaTown.it

Nanni Moretti ha un eccellente rapporto con il Festival di Cannes, dove ha vinto la Palma d’Oro per La Stanza del Figlio, la Palma d’Oro alla Carriera ed è stato persino Presidente di Giuria. Moretti potrebbe presentare a Cannes il suo primo film tratto da una sceneggiatura non originale. Tre piani, infatti, è l’adattamento del libro di Eshkol Nevo, che racconta la storia di tre famiglie che vivono in appartamenti diversi dello stesso condominio e che soffrono le più disparate crisi. Le riprese del film si sono svolte nel 2019 e il cast include i nomi di Moretti, Margherita Buy, Riccardo Scamarcio ed Alba Rohrwacher. L’attrice, in modo particolare, è una delle più stimate nel panorama internazionale, protagonista di Lazzaro Felice e di The Staggering Girl. Nel 2015, Nanni Moretti ha presentato a Cannes Mia Madre.

The Woman in the Window (Joe Wright)

festival di Cannes CinemaTown.it

Il percorso dell’ultimo film di Joe Wright è stato davvero complesso. Inizialmente, il titolo sarebbe dovuto uscire ad Ottobre 2019 in vista della awards season ma, poi, è stato rinviato al 15 Maggio. Adesso, come quello di molti altri film, anche il suo destino è incerto. Tuttavia, il Festival di Cannes potrebbe essere una buona rampa di lancio per questo titolo con Amy Adams, Julianne Moore, Jennifer Jason Leigh e Gary Oldman. Si tratta di un thriller dalle atmosfere erotiche che sancisce le straordinarie capacità recitative della protagonista di Sharp Objects. La sceneggiatura è stata firmata da Tracy Letts, alle prese con il difficoltoso lavoro di adattamento del romanzo di Aj Finn.

Summer of ’85 (François Ozon)

festival di Cannes CinemaTown.it

François Ozon è affezionato al Festival di Cannes, dal momento che sulla Croisette ha già presentato Swimming Pool e Double Lover. Per questo motivo, il regista potrebbe presentarvi anche Summer of ’85, il suo ultimo progetto. Ozon continua a lavorare sull’esplorazione della sessualità e il suo nuovo film racconta la storia di un 16enne che viene salvato in Normandia da un 18enne. Tra i due ragazzi, inizia una grande amicizia che si consumerà nell’arco di una sola estate. Dopo l’erotismo estremo di Double Lover, Ozon concentra la sua attenzione sull’amore giovanile.

Miss Marx (Susanna Nicchiarelli)

festival di Cannes CinemaTown.it

Nel corso della sua carriera, Susanna Nicchiarelli ha diretto film molto apprezzati, quali Cosmonauta e Nico, 1988. Il suo prossimo film potrebbe rappresentare il culmine delle sue ossessioni cinematografiche: un dramma sulla figlia di Karl Marx, Eleanor, non raccontato come un tradizionale biopic. Il titolo è stato venduto al mercato di Cannes proprio lo scorso anno e il film è descritto come dissacrante e minimalista. La regista non ha mai presentato un suo film a Cannes ed è molto amata a Venezia. Tuttavia, prima o poi, arriva sempre il momento per una prima volta.

Bergman Island (Mia Hansen-Love)

festival di Cannes CinemaTown.it

Dramma autobiografico su una coppia di filmmaker (interpretati da Mia Wasikowska e Anders Danielsen Lie) che si ritira nei luoghi vissuti da Ingmar Bergman per scrivere la sua ultima sceneggiatura. La coppia, però, inizia a perdere progressivamente il contatto dalla realtà. Inizialmente, Greta Gerwig era stata annunciata come protagonista del film. Si tratta di uno dei titoli più attesi della stagione, diretto dalla regista di Eden, Le cose che verranno e Goodbye First Love. Mia Hansen Love ha descritto questo progetto come un film incentrato sul modo in cui il cinema tende a sostituire la memoria e la realtà. Finalmente, si potrebbe trattare di una grande occasione di visibilità internazionale per la regista.

Last night in Soho (Edgar Wright)

festival di Cannes CinemaTown.it

L’ultimo progetto di Edgar Wright è stato tenuto segreto per parecchio tempo. Secondo il regista, si tratta di una zombie comedy -una sorta di L’alba dei morti dementi?- e di un horror psicologico con un twist basato sui viaggi nel tempo. Il cast comprende i nomi di Thomas McKenzie e di Anya Taylor-Joy. Il film uscirà al cinema a Settembre e un debutto a Cannes sarebbe perfetto. Edgar Wright ha nominato Don’t Look Now e Repulsion come due ispirazioni fondamentali. Sebbene i dettagli sulla trama rimangano velati, ogni nuovo film del regista inglese è circondato da un’aura di gioia dai fan.

Annette (Leos Carax)

festival di Cannes CinemaTown.it

L’ultimo film di Leos Carax risale al 2012. Allora, Holy Motors si sarebbe affermato come uno dei titoli fondamentali del decennio appena trascorso e, a Cannes, avrebbe fatto incetta di critiche positive. Il titolo raccontava una storia astratta su una misteriosa figura in grado di cambiare più identità nel corso di una sola giornata. Adesso, Annette rappresenta il primo progetto in lingua inglese del regista, incentrato su un famoso standup comedian che, insieme alla moglie soprano, cresce un figlio con un dono inspiegabile. Marito e moglie sono interpretati da Adam Driver e Marion Cotillard. Ovviamente, come sempre da Leos Carax c’è da aspettarsi il meglio.

LEGGI ANCHE: Festival di Cannes – ufficialmente posticipata l’edizione 2020 a causa del COVID-19

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it