La Nuova Zelanda passa all’autoisolamento e chiude tutti i cinema

nuova zelanda cinematown.it

La Nuova Zelanda ha messo in blocco l’intero paese e i cinema rimarranno chiusi per un periodo indefinito, al fine di superare la crisi del coronavirus.


La Nuova Zelanda ha messo in blocco l’intero paese per quattro settimane e i cinema neozelandesi rimarranno chiusi per un periodo indefinito. Lo Screen Sector Action Group e il suo nuovo centro di informazioni online hanno lo scopo di aiutare i lavoratori dell’industria cinematografica e televisiva a superare l’impatto della crisi del coronavirus. Ad oggi, il paese ha solo 102 casi confermati di virus, di cui solo 2 sono stati ritenuti provenire dalla trasmissione locale, ma le crescenti restrizioni sui viaggi hanno costretto a chiudere le principali produzioni internazionali, tra cui il sequel di Avatar e Il signore degli anelli, la serie tv di Amazon. Lunedì scorso, il primo ministro Jacinda Ardern, ha annunciato che l’intero paese dovrebbe passare alla modalità di autoisolamento. Ha lanciato un’allerta per la fase 3 e ha affermato che il paese passerà a una segnalazione per la fase 4, entro 48 ore dopo che i servizi essenziali avranno avuto modo di adeguarsi. Tutti i bar, ristoranti, caffetterie, palestre, cinema, piscine, musei, biblioteche e altri luoghi in cui le persone si riuniscono, devono essere chiusi.

“Queste decisioni porranno la restrizione più significativa ai movimenti dei neozelandesi nella storia moderna. Le riunioni, al chiuso o all’aperto, e di qualsiasi forma o dimensione, devono essere annullate”, ha detto Ardern. I servizi essenziali tra cui supermercati, banche, medici locali, farmacie, stazioni di rifornimento e corrieri possono rimanere aperti”.

L’ecosistema locale dell’industria cinematografica in questo momento è molto fragile, e il gruppo d’azione del settore, riconosce l’importanza di mantenere le produzioni locali operative, ove possibile, o pronte a reagire il più rapidamente possibile in caso di aumento di diffusione del virus. I membri del gruppo includono le società del gruppo Weta, Main Reactor, la New Zealand Writers Guild, Film Auckland e la Screen Production & Development Association.

“Mentre la pausa indeterminata di una serie di grandi produzioni internazionali ha già causato perdite di posti di lavoro, molte produzioni essenziali della Nuova Zelanda continuano a impegnarsi per mantenere al sicuro il cast e la troupe sul lavoro, garantendo al contempo che le loro produzioni rimangano operative”, ha scritto il gruppo d’azione, prima dell’annuncio di lunedì di Ardern.

Una priorità chiave per il gruppo d’azione del settore del cinema durante questa fase iniziale della crisi, sta lavorando a stretto contatto con le principali parti interessate, compresi gli organismi di finanziamento e i finanziatori, per esplorare i vari modi in cui può essere supportata l’industria della produzione cinematografica nazionale per continuare a lavorare in sicurezza, durante questi periodi incerti. The Action Group esaminerà anche i meccanismi e le reti di finanziamento per facilitare le opportunità di formazione e sviluppo per le aziende interessate, nonché i singoli membri quali interpreti, scrittori e registi. Questa situazione richiede un processo decisionale calmo e proattivo al fine di proteggere il settore del cinema locale e garantire che quando ci sarà il recupero, l’industria sarà pronta a funzionare di nuovo alla massima capacità delle produzioni nazionali, in modo da far tornare anche le produzioni internazionali. Nella vicina Australia, domenica scorsa, il primo ministro Scott Morrison ha annunciato misure analoghe. I cinema australiani, che erano rimasti parzialmente aperti, sono stati chiusi da lunedì a mezzogiorno.

LEGGI ANCHE – Oscar 2021: a causa del COVID-19 l’Academy dovrà premiare i film in streaming

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it