Dune: uno sguardo esclusivo a Timothée Chalamet, Zendaya e Oscar Isaac

Sono state rilasciate nuove immagini dei protagonisti di Dune, il film di Denis Villeneuve, direttamente dal deserto della Giordania.


Timothée Chalamet ricorda l’oscurità. Era l’estate del 2019, e il cast e la troupe di Dune si erano avventurati in profondità nei canyon del sud della Giordania, andandosene nel bel mezzo della notte in modo che potessero cogliere l’alba sulla macchina fotografica. La luce che si riversa sugli abissi ha dato al paesaggio un aspetto ultraterreno. Ed era esattamente ciò per cui erano andati.

“È stato davvero surreale”, afferma Chalamet. “Ci sono questi paesaggi alla Golia, che puoi immaginare esistano sui pianeti nel nostro universo, ma non sulla Terra.”

zendaya cinematown.it

In ogni caso non erano più sulla Terra. Erano su un pianeta asciutto e polveroso chiamato Arrakis. Nell’epico romanzo di fantascienza di Frank Herbert del 1965, Arrakis è l’unica posizione conosciuta della risorsa più vitale della galassia, la “spezia” che altera la mente, alterando il tempo e lo spazio. Nel nuovo adattamento cinematografico, diretto dal regista Denis Villeneuve, Chalamet interpreta il giovane reale Paul Atreides, il proverbiale straniero in una terra molto strana, che sta combattendo per proteggere questa nuova ostile casa, che minaccia di distruggerlo. Gli umani sono gli alieni su Arrakis. Le specie dominanti su quel mondo sono immensi, voraci vermi di sabbia che si nascondono attraverso le sterili derive come draghi sotterranei. Per gli infiniti mari di sabbia che danno il titolo alla storia, la produzione si è poi trasferita in regioni remote fuori Abu Dhabi, negli Emirati Arabi, dove le temperature erano in concorrenza con la finzione nella storia di Herbert.

“Ricordo di essere uscito dalla mia stanza alle 2 del mattino, dove c’erano probabilmente 37 gradi”, dice Chalamet.

Durante le riprese, lui e gli altri attori erano in costume in quello che il mondo di Dune chiama “tute fisse”: un’armatura spessa e gommosa che preserva l’umidità del corpo, raccogliendo anche piccoli frammenti dal respiro espirato attraverso il naso.

“Mentre giravamo, la temperatura a volte era di 48 gradi”, afferma Chalamet. “Se diventa troppo caldo, si mettono un berretto. Ho dimenticato qual è il numero esatto di temperatura, ma non puoi continuare a lavorare”. Le circostanze hanno alimentato la storia a cui stavano dando vita: “In un modo veramente radicato, è stato utile essere nelle tute fisse ed essere a quel livello di stanchezza”.

casa atreides cinematown.it

Non sarebbe Dune se fosse facile. Il romanzo di Herbert divenne una pietra miliare di paragone fantascientifica negli anni ’60, annunciata per il suo sottotesto di costruzione mondiale ed ecologico, così come la sua intricata (alcuni dicono impenetrabile) storia incentrata su due famiglie che lottano per la supremazia su Arrakis. Il libro ha creato increspature che molti vedono in tutto, da Star Wars, ad Alien a Game of Thrones. Tuttavia, per decenni, il romanzo stesso ha sfidato l’adattamento. Negli anni ’70, il cineasta sperimentale Alejandro Jodorowsky, ha lanciato un fondo per filmarlo, ma Hollywood ha considerato il progetto troppo rischioso. David Lynch ha portato Dune sul grande schermo in un film del 1984, ma è stato deriso come un pasticcio incomprensibile e una rovina per la sua filmografia. Nel 2000, una miniserie di Dune su quello che ora è il canale SyFy è diventato un successo per la rete via cavo, ma ora è solo un vago ricordo. Villeneuve intende creare un Dune che finora è esistito solo nell’immaginazione dei lettori. La chiave, dice, era di spezzare a metà la narrativa tentacolare. Quando Dune arriverà nei cinema il 18 dicembre, sarà solo metà del romanzo, con Warner Bros., che ha accettato di raccontare la storia in due film, simile all’approccio con It e It: Capitolo Due di Stephen King.

“Non accetterei di realizzare questo adattamento del libro con un singolo film”, afferma Villeneuve. “Il mondo è troppo complesso. È un mondo che prende il suo potere nei dettagli”.

Per Villeneuve, questa storia di 55 anni su un pianeta minato a morte, non era semplicemente un’avventura spaziale, ma una profezia.

“Qualunque cosa tu creda, la Terra sta cambiando e dovremo adattarci”, dice. “Ecco perché penso che Dune, questo libro, sia stato scritto nel 20° secolo. Era un lontano ritratto della realtà del petrolio, del capitalismo e dello sfruttamento – lo sfruttamento eccessivo – della Terra. Oggi le cose vanno semplicemente peggio. È una storia in crescita, ma anche un invito all’azione per i giovani”.

denis villeneuve cinematown.it

Il personaggio di Chalamet, Paul, pensa di essere solo un ragazzo che fatica a trovare un posto nel mondo, ma in realtà possiede la capacità di cambiarlo. Ha un dono soprannaturale per sfruttare e liberare energia, guidare gli altri e fondersi con il cuore del suo nuovo mondo natale. Paul proviene da una potente famiglia galattica con un nome che suona come una costellazione: Casa Atreides. Suo padre e sua madre, il duca Leto (interpretato da Oscar Isaac) e Lady Jessica (Rebecca Ferguson), prendono il figlio dal loro lussureggiante mondo scandinavo per presiedere all’estrazione di spezie su Arrakis. Ciò che segue è uno scontro con la criminale Casa Harkonnen, politicamente connessa, guidata dal mostruoso Barone Vladimir (Stellan Skarsgård), un mammut con appetiti spietati. Il barone, creato con protesi di tutto il corpo, è come un rinoceronte in forma umana. Questa versione del personaggio è meno un folle e più un predatore.

“Per quanto ami profondamente il libro, ho sentito che il barone flirtava molto spesso con la caricatura”, afferma Villeneuve. “E ho cercato di portargli un po’ più di dimensione. Ecco perché ho portato Stellan. Stellan ha qualcosa negli occhi. Senti che c’è qualcuno che pensa, pensa, pensa: ha tensione e sta facendo i suoi calcoli, in profondità negli occhi. Posso testimoniare, può essere abbastanza spaventoso”.

Il regista ha anche ampliato il ruolo della madre di Paul, Lady Jessica. È un membro del Bene Gesserit, una setta di donne che possono leggere le menti, controllare le persone con la loro voce e manipolare l’equilibrio del potere nell’universo. Nella sceneggiatura, che Villeneuve ha scritto con Eric Roth e Jon Spaihts, è ancora più temibile di prima. La sinossi della trama la descrive come una “sacerdotessa guerriera”. Come scherza Villeneuve, “È meglio di ‘suora spaziale’.” Il compito di Lady Jessica è quello di consegnare un salvatore all’universo, e ora ha un ruolo maggiore nella difesa e nell’addestramento di Paul.

“È una madre, è una concubina, è un soldato”, afferma Ferguson. “Denis era molto rispettoso del lavoro di Frank nel libro, ma la qualità degli archi temporali per gran parte delle donne è stata portata a un nuovo livello. Ci sono stati alcuni cambiamenti che ha fatto, e ora sono magnificamente rappresentati”.

jason momoa cinematown.it

In un’interessante modifica al materiale di partenza, Villeneuve ha anche aggiornato il Dr. Liet Kynes, ecologo leader di Arrakis e un broker di potere indipendente tra le varie fazioni in guerra. Sebbene sia sempre raffigurato come un uomo bianco, il personaggio è ora interpretato da Sharon Duncan-Brewster, una donna di colore.

“Quello che Denis mi aveva affermato era che mancavano personaggi femminili nel suo cast, ed era sempre stato molto femminista, pro-donna e voleva scrivere il ruolo di una donna”, afferma Duncan-Brewster. “Questo essere umano riesce sostanzialmente a mantenere la pace tra molte persone. Le donne sono molto brave in questo, quindi perché Kynes non può essere una donna? Perché Kynes non dovrebbe essere una donna?”

sharon duncan brewster cinematown.it

Come i fan sapranno, ci sono tanti altri personaggi che popolano Dune. Ci sono umani chiamati “mentats”, potenziati da menti computerizzate. Paul è guidato da due guerrieri: lo spavaldo Duncan Idaho e Gurney Halleck, interpretati da Jason Momoa e Josh Brolin. Dave Bautista interpreta un sinistro esecutore di Harkonnen, Glossu Rabban, e Charlotte Rampling ha un ruolo chiave come reverenda madre di Bene Gesserit. Inoltre, nelle terre apparentemente invivibili di Arrakis, Javier Bardem guida la tribù dei Fremen nei panni di Stilgar, mentre Zendaya è una donna misteriosa di nome Chani, che perseguita Paul nei suoi sogni come una visione con occhi blu luminosi.

“È un libro che affronta la politica, la religione, l’ecologia, la spiritualità e con molti personaggi”, afferma Villeneuve. “Penso che sia per questo che è così difficile. Onestamente, è di gran lunga la cosa più difficile che abbia fatto nella mia vita “. Dopo aver finito questo primo film, dovrà solo rifarlo da capo.

LEGGI ANCHE – Dune: il primo sguardo a Timothée Chalamet nei panni di Paul Atreides

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it