Gli Oscar 2021 e il COVID-19: gli organizzatori all’inpasse nella gestione dell’evento

oscar 2021 cinematown.it

Gli Academy Award hanno affrontato stravolgimenti e sospensioni nel corso della loro storia e gli Oscar 2021 saranno un’edizione all’insegna della sfida.


Le persone coltivano la necessità di tornare alla normalità, e il destino della cosiddetta Award Season, di cui gli Oscar  2021 sono i più preziosi, non è certamente una priorità; ciononostante, per tutto il settore cinematografico,  rappresenta una grande preoccupazione. L’Academy of Motion Picture Arts & Sciences proprio lo scorso 28 aprile ha affrontato la questione dell’ammissibilità o meno di alcune pellicole durante l’emergenza Coronavirus, ugualmente a quanto fatto dalla Hollywood Foreign Press, che assegna i secondi premi più ambiti del cinema americano: i Golden Globes. Ma ecco una breve storia di come e quando gli Academy Awards abbiano dovuto stravolgere la loro cerimonia. Gli Academy Awards hanno ridimensionato le loro cerimonie durante la seconda guerra mondiale e hanno rinviato l’evento tre volte: nel 1938, nel 1968 e nel 1981.

Il primo ritardo si è verificato per la decima edizione degli Academy Awards in programma per il 3 marzo 1938. Ma le piogge a Los Angeles sono state così pesanti che l’inondazione ha colpito gran parte degli studi della Paramount. Anche dopo che gli Stati Uniti entrarono nella seconda guerra mondiale nel dicembre del 1941, l’Academy non cancellò alcuna cerimonia. Invero, i quattordicesimi Academy Award ebbero luogo il 26 febbraio 1942. Lo spettacolo previsto per l’8 aprile 1968 fu invece rinviato di due giorni dopo l’assassinio del 4 aprile di Martin Luther King Jr. E per la prima e unica volta, il Governors Ball fu cancellato. Quando lo show è andato in onda il 10 aprile, il presidente dell’Academy Gregory Peck aprì con un famoso omaggio alla figura di King:

È una sfida che ognuno di noi deve e deve affrontare.

Tredici anni dopo, la premiazione prevista per il 30 marzo 1981, fu ritardata a causa dell’attentato al presidente Reagan. Secondo Variety, il 31 marzo, gli Oscar 2021 avevano pianificato un saluto a Reagan, comprese le sue osservazioni registrate. Ma le riprese hanno causato un ritardo di 24 ore. Nel corso degli anni, l’Academy of Motion Picture Arts & Sciences ha apportato modifiche ai requisiti di ammissibilità. Quest’anno – a causa della pandemia di coronavirus – ha richiesto per la prima volta da lungo tempo un’azione di rilievo.

Il 28 aprile, Variety ha riferito che il consiglio di amministrazione dell’Accademia ha approvato una sospensione temporanea del requisito secondo cui un film ha bisogno di una corsa teatrale di sette giorni in un cinema commerciale nella contea di Los Angeles per qualificarsi per gli Oscar. Al contrario, i film potranno essere distribuiti in digitale senza essere distribuiti nei cinema. Tuttavia, ciò non significa che qualsiasi film in anteprima su un servizio di streaming sia idoneo per l’Oscar. Per essere considerato, il film in streaming deve aver già avuto un rilascio cinematografico pianificato.

Il film deve inoltre essere reso disponibile sul sito di streaming riservato ai membri della Academy Screening Room entro 60 giorni dallo streaming del film o dal rilascio di VOD. Una volta che i cinema potranno riaprire, la finestra di sette giorni sarà nuovamente richiesta per l’ammissibilità. Le foto che sono già state trasmesse in streaming non dovranno essere rilasciate nei cinema. Quando i cinema riapriranno, l’Accademia amplierà anche il numero di cinema qualificanti oltre la contea di Los Angeles per includere sedi a New York City, Bay Area, Chicago, Miami e Atlanta.

LEGGI ANCHE: Oscar 2021 – a causa del Covid-19 l’Academy dovrà premiare i film streaming

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it