Quella volta in cui James Gandolfini prese (quasi) a botte Harvey Weinstein

Harvey Weinstein era un tipo bello grosso, ma cosa sarebbe successo se a mettergli le mani addosso fosse stato James Gandolfini?
james gandolfini cinematown.it

Harvey Weinstein ne ha fatte di cotte e di crude, causando l’ira di tanti colleghi, ma come sarebbe andata se James Gandolfini l’avesse picchiato?


Harvey Weinstein ne ha combinate di cotte e di crude a chiunque abbia trovato lungo il suo cammino, tanto da far quasi perdere la pazienza anche a James Gandolfini, che una volta andò davvero troppo vicino al mettergli le mani addosso. Le star de I Soprano Steve Schirripa e Michael Imperioli sono state ospiti questa settimana del Joe Rogan Experience, durante il podcast Talking Sopranos, dove hanno appunto raccontato il fatto, risalente al periodo in cui James Gandolfini era la star di punta di HBO – deceduto nel 2013 a cinquantuno anni. Schirripa, interprete di Bobby Baccalieri, ha infatti ricordato un momento in cui Gandolfini era pronto per mettere le mani addosso a Weinstein.

Questo perché l’attore si era rifiutato di apparire in uno show in tarda serata, perché si riteneva poco interessante, avendo fatto solo un’intervista di circa un’ora nella sua carriera. Ovviamente era anche stato coinvolto in progetti cinematografici come Killing Them Softly, che sono stati distribuiti dalla Weinstein Co., ed è stato proprio questo film a far scaldare i bollenti spiriti della montagna italoamericana, che non andò al The Late Show With David Letterman per promuovere il film. Schirripa ricorda che durante quella campagna promozionale, mentre erano sulla loro roulotte sul set de I Soprano, Weinstein monopolizzò il telefono di James Gandolfini con continue chiamate, per rimproverarlo della sua scelta:

“James aveva Harvey Weinstein che lo continuava a tempestare di telefonate, perché voleva che andasse da Letterman nonostante il suo volere contrario. Peccato che abbia fatto arrabbiare l’attore sbagliato. Jim era infuriato, giurava che se Weinstein l’avesse chiamato ancora l’avrebbe preso a botte. A frenarlo ci fu solo il pensiero dei soldi, ma è accaduto veramente, posso giurarlo. E tutto questo ben prima che Weinstein diventasse alla storia come la merda che è.”

LEGGI ANCHE: Ron Perlman e la stretta di mano all’urina con Harvey Weinstein – «il porco sapeva che l’avevo fatto apposta»

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it