Via col Vento precauzionalmente ritirato dal catalogo di HBO Max: va contro il Black Lives Matter

Le ragioni per cui lo streamer ha preferito togliere il film dal catalogo sono più che condivisibili, ma sembra l'inizio di una storia già vista col MeToo.
via col vento black lives matter cinematown.it

Via col Vento è sia un capolavoro che un film razzista, motivo che ha spinto HBO Max a rimuoverlo precauzionalmente dal catalogo per i tempi che corrono.


La Rivoluzione Francese, periodo storico che ha portato alla rivendicazione dei diritti fondamentali dell’uomo e delle minoranze – nonché all’ascesa di Napoleone tiranno e all’uso indiscriminato della ghigliottina – ha portato con sé insegnamenti che, oggi più che mai, sono dei veri e propri moniti per la gente comune: stai attento, perché la corrente va seguita, ma è un fenomeno che ti travolge e non ti lascia più. È quello che è accaduto a Via col Vento: HBO Max lo ha temporaneamente ritirato dal suo catalogo, a causa del Black Lives Matter e di John Ridley, che sul Los Angeles Times ha lasciato una dichiarazione che ha fatto aprire il cielo.

A lungo considerato alquanto controverso per la sua natura razzista, Via col Vento ha fatto prima di qualsiasi cosa la storia del cinema, è stato il primo caso di assegnazione di un’Oscar a un’attrice di colore – benché le fosse consegnato in una sede distaccata da quella per bianchi – ed è tra le icone più intramontabili della cultura pop. I limiti del film sono da sempre evidenti e il razzismo sudista che lo impregna è di difficile accettazione ancora oggi, nonostante capolavori proprio come 12 Anni Schiavo e Django Unchained vi abbiano messo una più che dignitosa pezza. Nella dichiarazione di John Ridley, sceneggiatore proprio del film di Steve McQueen, si legge:

La piattaforma deve considerare di sospendere la disponibilità di Via col Vento, non solo per i problemi di rappresentazione che porta con sé. È un film che glorifica i sudisti e, quando non ignora gli orrori dello schiavismo, si sofferma su alcuni degli stereotipi più crudi sui neri.

È un film che, come parte del racconto sulla causa perduta dei sudisti, continua a legittimare l’idea che il movimento secessionista fosse qualcosa di più, o meglio, o più nobile di quello che era: una sanguinosa insurrezione per mantenere il “diritto” di possedere, vendere e comprare esseri umani.

Come diretta conseguenza, HBO Max ha prontamente rimosso Via col Vento dal catalogo dichiarando che non sarà disponibile a tempo indeterminato, finché non sarà pronto un commento sul suo contesto storico e una denuncia di quelle stesse rappresentazioni dei neri e della schiavitù, da incorporare al film in streaming. In una dichiarazione ufficiale rilasciata a THR, un portavoce di HBO ha riferito:

Via col Vento è un prodotto del suo tempo e descrive alcuni dei pregiudizi etnici e razziali che, purtroppo, sono stati all’ordine del giorno nella società americana. Queste rappresentazioni razziste erano sbagliate allora e lo sono oggi, e abbiamo ritenuto che mantenere questo titolo senza una spiegazione e una denuncia di quelle rappresentazioni sarebbe irresponsabile.

Queste rappresentazioni sono certamente in contrasto con i valori di WarnerMedia, quindi quando rimetteremo il film su HBO Max, tornerà con un approfondimento sul suo contesto storico e una denuncia di quelle stesse rappresentazioni, ma sarà presentato come è stato originariamente creato, perché altrimenti sarebbe lo stesso che affermare che questi pregiudizi non sono mai esistiti. Se vogliamo creare un futuro più giusto, equo e inclusivo, dobbiamo prima riconoscere e comprendere la nostra storia.

LEGGI ANCHE: Via col Vento – l’analisi del personaggio di Rossella O’Hara

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it