Netflix ha allietato la sete di contenuti originali dei fan di Quentin Tarantino , annunciando a marzo che una versione estesa si The Hateful Eight sarebbe stata messa a catalogo a partire da questo mese. L’edizione estesa però racchiude una grande sorpresa: The Hateful Eight non è infatti disponibile come un lungometraggio, ma bensì come una mini serie di quattro episodi, ciascuno della duratasi 50 minuti. Assieme a questa suddivisione, il catalogo continuerà ad includere la versione cinematografica di The Hateful Eight.

I quattro episodi saranno Last stage to Red Rock – di 50 minuti – Minnie’s Haberdashery – di 51 minuti – Domergue’s got a secret – di 53 minuti – e The last chapter – di 56 minuti. I primi tre episodi corrispondono ai titoli dati da Tarantino alle varie fasi del film, mentre il secondo, chiamato Son of a gun, è stato inglobato in Last stage to Red Rock. L’episodio The last chapter, comprende per cui gli ultimi due episodi del film, The four passengers e Black Man, White Hell. The Hateful Eight è stato distribuito nei cinema nel 2015, ricevendo recensioni contrastanti. Girato in 70mm, l’allora Weinstein Company spese un ammontare di 50 milioni di dollari, ricavandone solo 155,8.

Il thriller western si aggiudicò il Premio Oscar per la miglior colonna sonora, composta da Ennio Morricone, mentre Robert Richardson e Jennifer Jason Leigh vennero nominati al Miglior Film in concorso e Miglior attrice non protagonista. The Hateful Eight, ambientato durante la guerra civile americana, vede Samuel L. Jackson, Kurt Russell, Jennifer Jason Leigh, Walton Goggins, Demián Bichir, Tim Roth, Michael Madsen e Bruce Dern come otto estranei, che cercano rifugio da una tormenta solo per scoprire di essere tutti collegati e con uno scopo preciso da portare a termine.

LEGGI ANCHE: The Hateful Eight – la recensione del film

Per tutte le notizie sul mondo di Netflix seguite punto Netflix su Facebook
bannerpni