Festival di Cannes: tra Tarantino, Malick e Banderas, i papabili per gli Oscar sono tanti

Oscar CinemaTown.it

Durante l’ultima edizione del Festival del Film di Cannes, sono stati presentati tanti film che potrebbero piazzarsi in prima linea ai prossimi Oscar.


Presentare un film al Festival di Cannes è, allo stesso tempo, un onore e un rischio. Per ogni The Artist, infatti, c’è un Grace di Monaco. Negli ultimi anni, Cannes non è riuscita ad arrivare agli Oscar; eppure, questo 2019 sembra un’annata eccellente. Tra tutti, C’era una volta a…Hollywood di Quentin Tarantino e Rocketman di Dexter Fletcher sono i candidati principali per la prossima edizione degli Academy Awards. Il primo film ha un cast stellare che include Brad Pitt, Leonardo DiCaprio e Margot Robbie. Il secondo presenta un Taron Egerton in odore da Oscar.

Dieci anni fa, Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino fu lanciato a Cannes e raggiunse, poi, ben 321 milioni di dollari in tutto il mondo, otto nomination agli Oscar e una vittoria. Il nuovo film di Tarantino uscirà al cinema il 21 Luglio e potrebbe portare a casa diverse nomination. Rocketman di Dexter Fletcher segue Bohemian Rhapsody e racconta la storia di Elton John. Almeno Taron Egerton dovrebbe portare a casa la nomination come Miglior Attore Protagonista. Anche Jamie Bell e Fletcher meriterebbero almeno la nomination per l’interpretazione e per gli straordinari numeri coreografati.

Oscar CinemaTown.it

Infine, ci sarebbe anche il ritorno di Terrence Malick che, con The Tree of Life aveva vinto la Palma d’Oro nel 2011 e ricevuto tre nomination ai Premi Oscar.  Dopo aver diretto una serie di spin-off del suo film di maggiore successo, Malick sembra aver cambiato traiettoria con A Hidden Life, che racconta la storia di un obiettore di coscienza austriaco. Questo dramma di 3 ore potrebbe toccare le corde dei votanti dell’Academy.

Inoltre, è ben non sottostimare la performance di Willem Dafoe, recentemente nominato agli Oscar per Un sogno chiamato Florida. L’attore ha recitato in The Lighthouse di Robert Eggers, regista di The VVitch. Ambientato in un’isola alquanto sperduta, il film racconta la storia del custode del faro e del suo assistente, in preda ad una battaglia contro gli elementi naturali e contro sè stessi.

Tra i documentari che potrebbero ricevere una nomination, uno è stato appena presentato a Cannes. Si tratta di Diego Maradona, diretto dal regista britannico Asif Kapadia, che aveva già presentato al Festival Amy, che poi avrebbe vinto un Oscar. Come riportato su tutti i media, ad essersi portato a casa la Palma d’Oro per la miglior interpretazione maschile è stato Antonio Banderas, protagonista di Dolor y gloria di Pedro Almodovar. Senza dubbio, il film sarà la scelta spagnola come Miglior Film Straniero. Bong Joon-ho è tornato a Cannes dopo aver diretto Okja e ha vinto la Palma d’Oro. Si tratta del primo regista coreano ad aver portato a casa il premio. Senza dubbio, si tratta del film che sarà sottoposto agli Oscar dal suo Paese.

Oscar CinemaTown.it

Anche la selezione francese ha portato a casa diversi premi. Su tutti, Portrait of a Lady on Fire di Celine Sciamma, ispirato a Lezioni di piano di Jane Campion, e Atlantics, una ghost-story di Mati Diop, la prima donna di colore in concorso al Festival. Infine, il Canada potrebbe dare una chance a Xavier Dolan, che è tornato in concorso a Cannes con Matthias & Maxime.

LEGGI ANCHE: Dolor y gloria – La recensione del film presentato a Cannes