Doctor Strange è un film prodotto dai Marvel Studios e distribuito da Walt Disney, uscito nelle sale cinematografiche nel 2016, diretto da Scott Derrickson. Il recente destino del vendicatore lo ha visto coinvolto nelle tragiche conseguenze del finale di Infinity War, apparentemente previsto dal personaggio stesso, tanto da far apparire la sua scomparsa come qualcosa di relativo.

Infatti i Marvel Studios sembrano intenzionati a riportare sul grande schermo il personaggio interpretato da Benedict Cumberbatch proprio con l’inizio delle riprese previste nel 2019. Prima dell’uscita del secondo capitolo di Doctor Strange è però prevista, nell’aprile del 2019, l’uscita di Avengers 4, film nel quale saranno probabilmente rese note le sorti del personaggio interpretato da Cumberbatch.

La notizia riportata dal Mirror indica che la star Benedict Cumberbatch avrà un importante aumento dello stipendio per ritornare a interpretare il Dottore in Doctor Strange 2, infatti percepirà un ingaggio intorno ai 9,5 milioni di dollariIl comunicato oltre ad indicare il probabile inizio delle riprese entro la primavera del 2019, ci indica la probabilità che il nuovo film vedrà luce nel 2020, ovvero quattro anni dopo l’uscita del primo capitolo. 

Riguardo le sorti dei Vendicatori e sul destino cinematografico di Doctor Strange, Kevin Feige ha dichiarato:

 

Da dove spuntano quei personaggi? Per quanto riguarda Doctor Strange la prossima volta che faremo un altro film su di lui sarà un certo numero di anni dopo il primo film, nonostante il suo grande contributo nella trama di Infinity War. Quindi, avere troppi personaggi, di cui la gente vuole vedere di più, rappresenta un problema positivo, pur mantenendo la nostra convinzione fondamentale che dobbiamo continuare a esplorare le varie sfumature e continuare a fare diversi tipi di film.

Vi ricordiamo, infine, che l’annuncio ufficiale dell’uscita del secondo capitolo di Doctor Strange deve sempre arrivare dai Marvel Studios. Solitamente infatti, i piani delle uscite dei film Marvel sono sempre molto riservati.

 

LEGGI ANCHE: La recensione di Ant-Man and The Wasp