Ghostbusters: Sony conferma la data d’uscita del sequel e di altri progetti importanti

ghostbusters cinematown.it

Il nuovo capitolo di Ghostbusters, diretto da Jason Reitman, ha una data d’uscita ufficiale, così come altri titoli caldi del calendario Sony.


Sony Pictures ha stabilito il 10 luglio 2020 come data per la release mondiale del sequel di Ghostbusters, diretto da Jason Reitman. Lo studio ha fatto il suo annuncio nel tardo pomeriggio di venerdì – ora americana – dieci giorni dopo aver rivelato che il regista era alla prese con la realizzazione del progetto, ancora senza un titolo. Il padre di Reitman, Ivan, è stato il regista del Ghostbusters originale con Bill Murray, Harold Ramis, Dan Aykroyd, Ernie Hudson, Rick Moranis e Sigourney Weaver. Il primo capitolo di Ghostbusters uscito nel 1984 aveva incassato ben 242 milioni di dollari nei soli Stati Uniti, raggiungendo quasi i 300 milioni in tutto il mondo.

Sceneggiatori del sequel di Ghostbusters sono lo stesso Jason Reitman e Gil Kenan. Le riprese del film sono previste per l’estate 2019, essendo il casting per i ruoli inediti attualmente in corso. Sony ha tenuto a precisare che il progetto di Reitman non sarà collegato al Ghostbusters del 2016, con Melissa McCarthy. Insieme all’annuncio del sequel, la casa di produzione ha fatto sapere che il 31 luglio 2020 verrà rilasciato Morbius, un nuovo progetto Marvel, del quale Variety ha confermato la presenza di Matt Smith e Jared Letho. Il progetto è basato sul villain omonimo di Spider-Man e sarà diretto da Daniel Espinoza.

Altra uscita oltre a quella di Ghostbusters e Morbius confermata da Sony è Black and Blue, un thriller poliziesco interpretato da Naomie Harriss, in programma per la release ufficiale il 20 settembre, posticipando il biopic di Fred Rogers, A Beautiful day in the neighbourhood, interpretato da Tom Hanks, di un mese, slittando così dal 18 ottrobe al 22 novembre, in concomitanza col fine settimana del Thankgsviving dello stesso anno. Un calendario di uscite, quello di Sony, che potrebbe ridare un certo appeal alla casa produttrice, di recente di fronte ad una crisi economica.

LEGGI ANCHE: The Punisher 2 – la recensione della serie Marvel