Kate Trefry, scrittrice e regista, ha appena debuttato con il cortometraggio How To Be Alone nella sezione Midnight Shorts di SXSW. Questo cortometraggio vede come star Maika Monroe nei panni di una donna le cui paure più profonde sembrano manifestarsi fisicamente quando suo marito, interpretato da Joe Keery, star di Stranger Things, la lascia per andare al suo turno di lavoro notturno.

Dalle paure standard come le cose inquietanti nell’armadio agli angoli bui, questo corto di Trefry è in linea tra lo spaventoso e il ridicolo. Modificato a suo piacimento, la regista ha saputo riconoscere quando le cose stavano diventando troppo sgradevoli (attenzione: c’è molto sangue finto) e quando invece inclinarsi a qualcosa di più divertente.

Come tutti i buoni cortometraggi, How To Be Alone presenta un mondo completamente a sé stante, anche se certamente allude a storie più grandi appena fuori dall’inquadratura. Il personaggio di Monroe ha chiaramente un background intricato, ma non conoscerne tutti i dettagli non impedisce alla storia di continuare in modo fluido.

Inoltre, il corto racchiude un finale divertente e stravagante come qualsiasi altra cosa in questo debutto di Trefry. La regista ha condiviso molte delle emozioni che alimentano il corto e alcune molto personali, poiché ha scoperto di essere incinta durante la produzione. Sicuramente è stato un cambiamento di vita che ha avuto il suo impatto.

“Ero incinta di cinque mesi quando ho girato How To Be Alone” ha raccontato Trefry a IndieWire. “Ero circondata da un team talentuoso e connettermi con loro mi ha fatto capire che quella che pensavo fosse una storia sulla mia paura da gravidanza è in realtà quanto molti di noi si sentono tutto il tempo. Quindi questo cortometraggio è per le persone strane: non importa quanto tu ti senta strano, spaventato o diverso, non sei solo. Ti copriamo le spalle.”

Potete guardare il cortometraggio qui:

 

LEGGI ANCHE: Stranger Things – online il trailer della terza stagione