Game of Thrones: secondo Euron Greyjoy non si può accontentare tutti

Game of Thrones, CinemaTown.it

Nonostante Game of Thrones stia ricevendo numerose critiche per questa ottava stagione, Pilou Asbræk non è affatto preoccupato, anzi, apprezza le opinioni.


La serie TV HBO, Game of Thrones, è stata soggetta a numerose critiche fin da quando ha preso distanza dai libri di George R. R. Martin e quest’ultima stagione in particolare sta facendo fomentare i fan, critiche che sottolineano il fatto che i personaggi chiave della storia si stanno comportando in maniera totalmente fuori dalle loro caratteristiche, i buchi di trama dovuti alla rapidità con cui si sono rese le cose e decisioni che sembrano spuntare dal nulla.
Questo sentimento sembra essere cresciuto soprattutto con il quinto episodio di questa ottava stagione, Le campane, nel quale i personaggi hanno fatto delle cose davvero drastiche. Attualmente, è l’episodio più criticato nella storia del Trono.

Tuttavia sembra che chi lavora dietro – o davanti – questa serie non sia così preoccupato o disturbato da queste critiche. Pilou Asbræk, l’attore che interpreta Euron Greyjoy, pensa che in realtà sia una buona cosa.
Parlando a TheWrap, ha detto:

La diversità dei fan e la passione che portano al tavolo è ammirabile, e vorresti averla tutta. Volete avere quelli che dicono “Questo è il miglior show mai realizzato” e volete anche quelle persone che dicono “Odio questo show, l’ho sempre odiato. Voglio i libri ora”. Non puoi soddisfare un miliardo di persone, è impossibile. Ma vuoi che siano presi dallo show, anche se non gli piace. C’era un tipo che si chiamava PT Barnum che disse: “Non c’è una cosa come una pessima stampa, c’è solo la stampa”.
E io accolgo tutti – persone con cui sono d’accordo e persone con cui non lo sono. Ho discusso sui social media di Game of Thrones coi fan e continuerò a farlo, perché devi delle informazioni ai fan e loro hanno bisogno di un posto dove possono porre domande su cosa gli piace e cosa non gli piace ed è okay, è appassionante. Deve piacerti.
Inoltre, per me, i cambiamenti e le svolte sono logici, perché questo è Game of Thrones, e le persone devono morire. E sarei molto, molto sorpreso se finissimo con un happy ending la prossima settimana. So come andrà a finire perciò non dirò nulla.
Dan (Weiss) e David (Benioff) hanno consegnato per sette stagioni contenuti ammirevoli e io direi che anche questa volta hanno consegnato qualcosa di estremamente buono. Ma nuovamente, non puoi piacere a tutti.

La stagione 8 di Game of Thrones va in onda su HBO negli USA e su Sky Atlantic e Now TV in UK.

Leggi anche – Game of Thrones: George R.R. Martin annuncia l’esistenza di almeno tre spin-off