La scena post-crediti nel finale della terza stagione di Stranger Things ha rivelato che i russi stanno conducendo esperimenti sul Sottosopra e hanno aperto con successo una porta verso l’altra dimensione poiché hanno un Demogorgone chiuso in una cella. Tuttavia, la loro porta potrebbe non essere in un laboratorio ma in natura, come suggerito da una teoria dei fan che si è ispirata a un incidente in URSS (ma non è Chernobyl). La terza stagione di Stranger Things ha lasciato molte domande in attesa di risposta, ma poiché la nuova stagione è ancora lontana, i fan stanno ipotizzando le loro teorie.

Alla fine della terza stagione, Undici ha perso i suoi poteri (ed è poco chiaro se e come li riprenderà), Jim Hopper è morto (anche se ci sono indizi che indicano il contrario), e gli spettatori hanno appreso che i russi hanno un americano prigioniero in un laboratorio in Kamchatka. È lo stesso laboratorio in cui tengono almeno un Demogorgone e lo nutrono di prigionieri, ma non l’americano. Ci sono un paio di teorie su come e perché i russi conoscono così tanto il Sottosopra e le creature in esso contenute, ma si sta prendendo ispirazione da un evento della vita reale che è misterioso quanto lo stesso Sottosopra. Mentre alcuni sostengono che il disastro di Chernobyl sarà usato come copertura per gli esperimenti o come conseguenza di questi, la teoria seguente si concentra invece su un incidente avvenuto alla fine degli anni ’50, ma potrebbe essere facilmente rielaborato per adattarsi a Stranger Things.

L’incidente del Passo Dyatlov ebbe luogo nei Monti Urali settentrionali nel 1959, dove un gruppo di escursionisti esperti stabilì un campo sulle pendici del Kholat Syakhl. Durante la notte, qualcosa ha spinto i nove escursionisti a uscire dalle loro tende e fuggire dal campeggio, tutti a malapena vestiti e persino a piedi nudi, il che era strano date le temperature sotto lo zero. Alcuni corpi mostrarono segni di traumi fisici che avrebbero potuto essere causati solo da una forza estremamente elevata, che ha portato a tutti i tipi di teorie, inclusi esperimenti da parte delle forze militari, radiazioni e soprannaturali. Alcune teorie affermano che parte delle montagne è collegata da porte sacre – e questo è ciò che ha ispirato la teoria, che inizialmente è stata pubblicata su Reddit (anche se ora non c’è più).

L’idea generale della teoria è che Stranger Things potrebbe rielaborare il mistero attorno all’incidente del Passo Dyatlov e le “porte sacre” per adattarsi alla mitologia della serie, il che significa che la porta dei russi verso il Sottosopra potrebbe essere in montagna, e tutti gli escursionisti curiosi che si imbattono in esso incontrerebbero quindi dei veri incubi. Come e perché c’è una porta per il Sottosopra allo stato brado è sconosciuto, ma è già successo nella serie: la prima stagione ha visto Nancy imbattersi in un albero con un’entrata al Sottosopra, quindi non sarebbe assurdo se lo stesso fosse accaduto dall’altra parte del mondo. Ci sono state segnalazioni di strane sfere arancioni nel cielo la notte dell’incidente, che potrebbero anche essere utilizzate dalla serie come parte degli esperimenti o delle conseguenze dell’apertura della porta e, forse, della liberazione di uno o due Demogorgoni. È una teoria interessante che potrebbe funzionare nel contesto della serie e darebbe agli scrittori l’opportunità di esplorare le dimensioni degli esperimenti dei russi e le loro conseguenze, al di là di tutto ciò che accade alla base della Kamchatka – e, se scelgono di mantenere le ambientazioni degli anni ’50, potrebbe anche funzionare con il tema del viaggio nel tempo della quarta stagione di Stranger Things.

LEGGI ANCHE – Stranger Things: il video annuncio della quarta stagione

Per tutte le notizie sul mondo di Netflix seguite punto Netflix su Facebook
bannerpni

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it