Taylor Swift è pronta a dare ai fan uno sguardo nella sua vita nel suo documentario originale di Netflix, Taylor Swift: Miss Americana, che dovrebbe debuttare il 23 Gennaio al Sundance Film Festival, lo ha annunciato Mercoledì il servizio di streaming.
Il film è diretto da Lana Wilson, vincitrice dell’Emmy Award, e viene descritto come

uno sguardo crudo ed emotivamente rivelante di una delle artiste più iconiche dei nostri tempi.

Durante il documentario, gli spettatori avranno l’opportunità di vedere “il periodo trasformista della vita di [Taylor Swift] mentre impara ad abbracciare il proprio ruolo non solo come cantautrice e performer, ma anche come donna che prende il controllo del pieno potere della propria voce”.
A produrre ci saranno anche Morgan Neville, vincitore di un premio Oscar per Won’t You Be My Neighbor?, Caitrin Rogers, altra vincitrice di un Academy Award per 20 Feet From Stardom e Christine O’Malley (Wordplay, I.O.U.S.A).

La notizia di questo documentario arriva settimane dopo che la Swift si è espressa contro l’etichetta Big Machine e Scott Borchetta e Scooter Braun, accusandoli di averle rifiutato l’uso delle sue vecchie canzoni e le immagini delle sue performance per il documentario di Netflix, un progetto che doveva ancora essere annunciato a quel tempo.

Non c’è menzione di nessuno di loro due o di Big Machine Records da nessuna parte nel film.

Ha detto la Swift. Ha anche aggiunto che Braun e Borchetta le hanno entrambi rifiutato il permesso di esibire il suo catalogo di canzoni per la sua performance agli American Music Awards, dove lei ha ricevuto il premio come Artista della Decade.
Spostandosi su Twitter il mese scorso per spiegare “che cosa sta succedendo”, Swift ha rivelato che originariamente aveva pianificato di fare una performance un assortimento delle sue hit sul palco, ma Borchetta e Braun

dichiarano che quello sarebbe stata una ri-registrazione della mia musica prima di averne il permesso per l’anno prossimo.

Swift ha poi condiviso che Borchetta ha informato il suo team che lei poteva usare la sua musica solo se accettava le loro condizioni, il che include anche “non poteva re-registrare le copie delle versioni” delle sue canzoni l’anno prossimo e che “doveva smettere di parlare di lui e di Scooter Braun”.
Anche se l’ex etichetta di Swift le ha poi dato la licenza, garantendole il permesso di esibire il suo catalogo sul palco, le circostanze riguardanti l’uso della sua musica nel documentario in arrivo continuano a rimanere sconosciute.

Swift ha fatto un sottile riferimento al recente dramma mentre apriva la sua performance agli AMA cantando The Man. 
La cantante ha indossato un completo bianco con i titoli dei suoi precedenti album registrati in studio scritti in grosse lettere nere – replicando quindi il font delle uniformi da prigione. Swift è stata poi raggiunta da una bambina con indosso lo stesso outfit con i titoli delle sue canzoni e ha ballato con lei. Ha continuato la sua performance con il medley delle sue vecchie hit, Love Story, I Knew You Were Trouble, Blank Space, Shake It Off e Lover.

Nonostante il dramma che circonda il catalogo, la Swift ha avuto un anno grandioso professionalmente. Il suo settimo album, Lover, è stato rilasciato in Agosto (l’Album contiene una canzone chiamata Miss Americana and The Heartbreak Prince, simile al titolo del documentario di Netflix); è stata recentemente nominata una delle persone dell’anno su People Magazine; e sarà la star dell’adattamento del musical Cats di Andrew Lloyd Webber, che verrà rilasciato il 20 Dicembre.
La Swift è diventata una delle artiste donne più di successo dopo aver debuttato con la musica country all’età di 15 anni, prima di trasferirsi al genere pop. Conosciuta per essere piuttosto riservata – la cantautrice è rimasta silenziosa sulla sua relazione di tre anni con l’attore Joe Alwyn di La Favorita. Questo documentario sarà il primo a offrire uno sguardo sulla sua vita, che è stata piuttosto difficile ultimamente, secondo quanto ha suggerito durante il suo discorso agli AMA dopo aver ricevuto il premio.

L’ultimo anno della mia vita ha visto i momenti migliori di sempre ma anche alcune delle cose più difficili che mi sono successe nella vita. Non tutte queste cose sono diventate pubbliche.

Ha detto la Swift quella notte.
La premiére del documentario, che arriverà poco dopo il 30esimo compleanno della cantante il 13 Dicembre, pare sarà accompagnata da una vasta presenza femminile al Sundance.
Taylor Swift: Miss Americana verrà rilasciato al più presto l’anno prossimo su Netflix.

Leggi anche: Taylor Swift lancia una frecciatina a Scooter Braun con la performance agli AMAs

Per tutte le notizie sul mondo di Netflix seguite punto Netflix su Facebook
bannerpni