Gulp! Goal! Ciak! Cinema e Fumetti: l’evento speciale per la fine della manifestazione al MNC

Gulp! Goal! Ciak! Cinema e fumetti

Il Museo Nazionale del Cinema chiude in bellezza la rassegna Gulp! Goal! Ciak! Cinema e Fumetti, con una serata speciale il 17 giugno alle ore 20.30.


Il Museo Nazionale del Cinema presenta il 17 giugno alle ore 20.30 alCinema Massimo – MNC l’evento di chiusura della mostra Gulp! Goal! Ciak! Cinema e Fumetti: una serata di cortometraggi animati dedicati alla florida e complessa relazione tra comics e cinema d’animazione: da Felix the CatMickey Mouse, nati sullo schermo e poi approdati al fumetto, a Popeye eSuperman, eroi di carta diventati stelle del cinema a opera dei Fratelli Fleischer; dalle trasposizioni cinematografiche e televisive dei supereroi Marvel e DC alle articolate connessioni tra manga e anime.

A discutere del rapporto tra cinema e arte sequenziale interverrannoGiorgio Ghisolfi, autore del libro Superman & Co. Codici del cinema e del fumetto (Mimesis), e Luca Raffaelli, curatore della mostra e autore del volume Le anime disegnate. Il pensiero nei cartoon da Disney ai giapponesi e oltre (Tunuè). La serata, a cura di Andrea Pagliardi, è organizzata con la collaborazione del Centro Sperimentale Cinematografia – Animazione. L’ingresso all’evento è fissato a 7.50€ e 5.00€, i biglietti sono acquistabili sulla pagina apposita del sito del MNC.

Visto il grande successo di pubblico, il Museo Nazionale del Cinema proroga fino al 17 giugno 2019 la mostra Gulp! Goal! Ciak! Cinema e fumetti, a cura di Luca Raffaelli. Durante il lungo ponte primaverile, che ha visto coinvolti Pasqua, la festa della Liberazione e il 1 maggio, oltre 55.000 visitatori – dal 19 aprile al 5 maggio – hanno varcato l’ingresso della Mole Antonelliana, con una media di circa 3.230 presenze ogni giorno e con una punta massima di 4.469 persone il 27 aprile.

La mostra, inaugurata lo scorso 9 febbraio, racconta il rapporto tra cinema e fumetto, due arti che, grazie alla loro capacità di raccontare non solo a parole, hanno costruito il proprio linguaggio pur essendo totalmente differenti, abbracciandosi in una lunga sinergia di collaborazione, in un continuo scambio di ruoli e stili. Sfruttando il verticalismo antonelliano, la mostra mette in luce la potenza espressiva e comunicativa di una forma di racconto come quella dei fumetti e dei cartoni animati, grazie all’esposizione di materiali importanti quali tavole originali dei più famosi fumetti, proiezioni e postazioni interattive.

Leggi anche: Prorogata la mostra Gulp! Goal! Ciak! Cinema e fumetti al Museo Nazionale del Cinema