One Day At a Time era stata precedentemente cancellata dopo tre stagioni su Netflix, causando un sostanziale contraccolpo da parte dei fan e di molti personaggi importanti del settore. Il co-showrunner Gloria Calderon Kellett, era in trattative con più reti per rinnovare la serie, prima di stabilirsi definitivamente su Pop come sua nuova “casa”.

“Siamo elettrizzati oltre ogni immaginazione di continuare One Day At A Time”, hanno detto i co-showrunner Calderón Kellett e Mike Royce. “Questo show ha significato così tanto per così tanti, e non vediamo l’ora di lavorare con i nostri fantastici nuovi partner Pop e CBS. E in particolare vorremmo ringraziare tutti i fan per il loro infinito supporto, aiutandoci a trasformare #SaveODAAT in #MoreODAAT.”

Ispirato alla serie del 1975 di Norman Lear, One Day At A Time segue tre generazioni di una famiglia cubano-americana. Una mamma single e veterana militare (Justina Machado) affronta trionfi e tribolazioni mentre cresce i suoi figli (Isabella Gomez e Marcel Ruiz), insieme all’aiuto della madre un po’ vecchia scuola (Rita Moreno) e al suo manager e confidente (Todd Grinnell).

“Tre mesi fa, ero affranto dalla notizia della cancellazione del nostro amato One Day At a Time. Oggi sono sopraffatto dalla gioia di sapere che la famiglia Alvarez vivrà “, ha dichiarato il produttore esecutivo Norman Lear. “Grazie al mio partner di produzione, Brent Miller, ai nostri co-showrunner incredibilmente talentuosi, Mike Royce e Gloria Calderón Kellett e, naturalmente, a Sony per non aver mai rinunciato allo show e ai nostri attori e anche solo alla possibilità che una rete via cavo potesse salvare una serie cancellata e creata su un servizio di streaming. E un ultimo ringraziamento a Pop, per aver avuto il coraggio di essere stata quella rete via cavo. Ho vissuto anche questo, a 96 anni.”

Come parte dell’accordo, la serie sarà trasmessa anche su CBS più tardi nel 2020, dopo la sua pubblicazione su Pop, che trasmette anche Schitt’s Creek tra gli altri show. La CBS era la casa della serie originale trasmessa sulla rete oltre 40 anni fa.

“È incredibile essere coinvolti in questa serie geniale e culturalmente significativa che affronta temi importanti in un minuto e facendoti ridere quello dopo”, ha detto il presidente di Pop, Brad Schwartz. “Se Schitt’s Creek ci ha insegnato qualcosa, è che l’amore e la gentilezza vincono sempre. Pop è ora la casa di due delle commedie più amate dalla critica e dai fan di tutta la televisione, portando ancora più contenuti premium al cavo di base. Non potremmo essere più orgogliosi di continuare a raccontare storie commoventi di amore, inclusione, accettazione e diversità che fanno uscire le tue emozioni, mentre ti strappano un sorriso.”

La decisione di Netflix di cancellare la produzione della Sony Pictures è stata ampiamente discussa con il critico televisivo di Variety, Caroline Framke, che ha criticato il modo in cui lo streamer si è sbarazzato della serie.

“Il modo in cui questa particolare cancellazione si è dispiegata alla luce della recente spinta di Netflix a sostenere il suo impegno per la diversità, ha rappresentato la società nel modo più frustrante”, ha scritto Framke. “Al punto in cui i fischi dei razzisti dominano il dibattito politico, e One Day At a time ha datto una tregua che non è solo un sollievo, ma una necessità.”

Ma ora che lo spettacolo sta tornando, Calderon Kellett ha promesso ai fan via Twitter che lei e il team di ODAAT hanno ancora “molte altre storie da raccontare”.

LEGGI ANCHE – Sandman: Netflix e Warner si preparano ad un adattamento televisivo del famoso fumetto