Pare proprio che il Presidente degli Stati Uniti in persona, Donald Trump, non solo abbia visto Joker, ma che l’abbia perfino gradito. Secondo quanto riportato da Yahoo!, un alto funzionario della Casa Bianca ha confermato di aver proiettato il film durante una serata con degli ospiti, tra cui amici, familiari e membri dello staff di Trump, affermando che il Presidente ha gradito molto il film di Todd Phillips.

Gli interessi cinematografici di Donald Trump sono ben documentati, tra i quali non potevano – forse banalmente – mancare Quarto potere, Via col vento e Il buono, il brutto, il cattivo. Aveva anche recitato nel secondo capitolo di Mamma ho perso l’aereo e fatto un cameo nella seconda stagione di Sex and the city – questi solo per citarne alcuni. Si era recentemente esposto riguardo dei film usciti nel 2019, in particolare The Hunt, tolto dai palinsesti per via dell’eccessiva rappresentazione delle sparatorie di massa negli USA:

Hollywood sta trattando i conservatori in maniera del tutto ingiusta. Ci danno dei razzisti, ma sono loro stessi un sistema discriminatorio. Quel che fanno con la produzione di film violenti come questo è pericoloso per il Paese, è un totale disservizio. The Hunt è uscito per infiammare gli animi e provocare il caso, inscenando la loro versione della violenza finendo per incolpare gli altri. Sono loro i veri razzisti e fanno molto male alla nazione!

Nel frattempo, nonostante Joker sia a tutti gli effetti un film tra quelli criticabili di Donald Trump, stando al suo metro di giudizio, la pellicola di Phillips continua a ricevere premi internazionali di altissimo livello, con tutta la sua “celebrazione della violenza“, “”incitazione degli incel”, e gli “”orribili atti di crudeltà commessi contro le donne e altre persone innocenti”. Poco importa, perché il film, dopo aver superato il miliardo di dollari globali, ha già fatto la storia dei cinecomics. Con l’appoggio di Donald Trump, poi, chissà che gli Oscar non restino condizionati.

LEGGI ANCHE: HBO e George RR Martin contro Donald Trump a causa di un tweet