I film di Pedro Almodóvar sono un tesoro internazionale e l’unica vera tragedia del regista che non fa film in lingua inglese, è che limita le attrici con cui può lavorare. Apparentemente questo ha infastidito anche Almodóvar stesso, ma la possibilità di lavorare con Tilda Swinton lo ha finalmente convinto a creare il suo primo progetto non spagnolo. Secondo IndieWire – e confermato da Kyle Buchanan del New York Times su Twitter – Almodóvar inizierà presto a lavorare al cortometraggio The Human Voice, che apparentemente vedrà la partecipazione di Swinton e un cane. Il progetto si baserà sull’omonima commedia in un atto di Jean Cocteau. Il concetto: mentre è al telefono, una donna scopre che il suo amante di lunga data è destinato a sposare qualcun altro il giorno seguente. Almodóvar ha detto a IndieWire che ha già discusso con Swinton dei modi per aggiornare la storia e che si sente sicuro di aver trovato la musa giusta per il suo debutto in inglese.

“Hai bisogno di quella sensazione che qualcuno ti capisca completamente”, ha detto. “Nel caso di Tilda, è stato esattamente come l’ho sognata. È così aperta, così intelligente. Mi ha dato molta fiducia nella logica. Durante le prove, ci siamo capiti al volo.”

Ciò non dovrebbe sorprendere, considerando che Swinton ha già lavorato con registi la cui prima lingua non è l’inglese: ha già collaborato due volte con il regista Bong Joon Ho (Parasite) e Luca Guadagnino (Suspiria). Anche se questo nuovo progetto durerà solo circa 15 minuti, Almodóvar afferma che lo userà come trampolino di lancio per dirigere anche le scene per il suo prossimo film in inglese. L’autore è già al lavoro per adattare la raccolta di storie interconnesse di Lucia Berlin, A Manual for Cleaning Women e in precedenza aveva accennato a lavorare a un film che si svolge in tutto il Nord America, sia negli Stati Uniti che in Messico. Stranamente, il regista dice che ha già due star associate, ma non le nominerà ancora.

A 70 anni, Almodóvar potrebbe essere uno degli ultimi grandi registi mondiali rimasti che non ha lavorato in inglese, anche se ha tentato in passato. In effetti, una volta gli fu offerta la possibilità di dirigere Whoopi Goldberg in Sister Act, ma rifiutò in parte perché aveva già fatto una commedia sulle suore. Il regista è stato anche contattato per il film Brokeback Mountain (ha detto che la sua versione avrebbe avuto “più sesso”), e ha persino pensato a Meryl Streep per il suo film del 2016, Julieta, prima di decidere di farlo invece in spagnolo. Streep può fare molte cose, ma un’intera performance in una lingua che non parla fluentemente non è una di queste, anche se forse un giorno lavorerà ancora con il regista.

LEGGI ANCHE – Dolor y Gloria: la recensione del film

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it