Dennis Palumbo, il terapeuta di Hollywood ai pazienti: «usate la quarantena per scrivere nuovi progetti»

shrink Kevin Spacey Dennis Palumbo cinematown.it

Tra i più quotati strizzacervelli di Hollywood, Dennis Palumbo ha fatto le sue raccomandazioni ai pazienti su come affrontare la quarantena da Coronavirus.


Una delle grandi sfide che Hollywood si sta impegnando ad affrontare a causa del Coronavirus, è proprio quella della creatività, ora sigillata tra le mura dei domicili degli addetti ai lavori. La quarantena non permette di lavorare, il ché potrebbe essere fonte di stress, sopratutto per registi e sceneggiatori. Uno di loro, Dennis Palumbo, ora divenuto psicoterapeuta che cura dei pazienti fatti per il 90% da impiegati dell’intrattenimento, ha fatto loro la sua raccomandazione di mettersi creativamente in sesto prima di tornare al lavoro. In un’intervista all’Hollywood Reporter, Dennis Palumbo ha dichiarato:

La maggior parte dei miei clienti che fanno gli scrittori hanno ben pensato che la quarantena fosse il momento perfetto per scrivere l’opera perfetta della loro vita. Peccato che non ne abbiano molta voglia, perché sono terrorizzati dal Coronavirus.

Ciò che consiglio loro, in questa settimana, è di adattarsi a questo processo psicologico, qualsiasi sia la loro mansione nel settore. Per usare una metafora, anziché saltare immediatamente in groppa al cavallo, camminategli affianco per circa sette giorni, in modo tale che l’idea di una quarantena che possa durare fino a cinque mesi sia percepita come la nuova normalità.

Dennis Palumbo ha poi raccomandato ai pazienti di fare uno schedular ben preciso delle proprie attività lavorative giorno per giorno, specialmente per coloro che la quarantena la stanno facendo assieme ai bambini. Questi consigli sono ovviamente validi per coloro che devono concentrarsi sulla fase progettuale e creativa, per gli attori e per alcuni registi, ammette che ci sia poco da fare durante lo stop delle produzioni. Ciò nonostante, quel che Dennis Palumbo raccomanda loro è di tenere la mente occupata con l’esplorazione creativa:

Se sei un regista televisivo che ha sempre sognato di dirigere una serie in sei episodi de I Miserabili, rileggiti il libro e sottolinea le parti che devi capire meglio come rappresentarle. Se invece sei un attore che vuole ottenere un ruolo diverso da quello che hai alla CBS, leggi anche tu dei libri, divertiti a interpretarli e trova qualcosa che ti stimoli, affinché la prossima volta che avrai un provino potrai dare del tuo meglio.

I consigli di Dennis Palumbo – sostenuti e ampliati da un altro terapeuta, Jenn Mann – sono più preziosi di quanto si possa immaginare. Questo perché i creativi, in particolare modo quelli del circuito losangelino, sono molto predisposti all’isolamento e alla depressione, potendo sentire molto di più la mancanza di un contatto diretto con le persone e il loro lavoro. Un momento di questo tipo, come sostenuto da Dennis Palumbo, Mann e Philip Pierce – produttore e psicologo specializzato in terapia cognitiva del comportamento – crea tensioni che devono però sfociare in una meditazione ben precisa:

Questo periodo va usato come una specie di riflessione sui propri valori, capendo cosa sia davvero importante. Ci sono molte cose che ritieni importanti per te stesso, come portare avanti il tuo lavoro che lasci indietro da tempo, è il momento di coltivarle conoscendo cosa ti sta veramente a cuore.

LEGGI ANCHE: Hollywood non agisce contro il Coronavirus – cronaca di un’industria che tiene più ai soldi che alle persone

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it