Quando la scena non viene perfetta: storie disturbanti di metodi registici inaccettabili

Alcuni registi sono protagonisti di storie disturbanti, per essersi sono spinti oltre costringendo gli attori a fare cose estreme in virtù dell’arte.


Può essere difficile ottenere una performance realistica da un attore, non importa quanto sia brillante e talentuso. Quindi, alcune volte, i cineasti devono fare il possibile per ottenere una svolta credibile dalle loro star e rendere la scena più veritiera possibile. Tuttavia, alcuni registi si sono spinti troppo oltre, minacciando e manipolando gli attori, costringendoli a svolgere determinate azioni, anche se controvoglia. Le storie disturbanti sul comportamento spietato a cui si è dovuto ricorrere su alcuni dei set cinematografici sono innumerevoli… e quelle di seguito sono solo alcune.

Minacciare di sparare a un cane – Skippy (1931)

storie disturbanti cinematown.it

Nonostante il fatto che probabilmente ci siano molti modi per convincere un attore a piangere a comando – come chiedere loro di fingere di sentirsi tristi – il regista Norman Taurog, sul set di Skippy, ha minacciato di sparare al cane del bambino protagonista, Jackie Cooper, se non si fosse messo immediatamente a piangere. La tattica ha funzionato e sebbene sembri la peggiore delle storie disturbanti non ha traumatizzato Cooper: se ignoriamo il fatto che ha intitolato l’autobiografia che ha scritto da un adulto, Please Don’t Shoot My Dog.

Ricordare un recente lutto – Kramer contro Kramer (1979)

storie disturbanti cinematown.it

Al momento delle riprese di Kramer contro Kramer, Dustin Hoffman era un attore metodico, al contrario di Meryl Streep. Quindi Hoffman – famoso per non essere un professionista simpatico – si è preso la responsabilità di usare le sue tattiche per infondere un metodo a Streep, nel modo più straziante possibile. Pochi mesi prima delle riprese, Streep aveva perso un uomo che lei descriveva “l’amore della sua vita”, il collega attore John Cazale, a causa del cancro. Hoffman vide che Streep stava ancora riprendendosi dalla perdita e pensò bene di creare una delle storie disturbanti peggiori del cinema, utilizzando il lutto come strumento utile per il film che stavano girando.

“La stava perseguitando e provocandola”, ha ricordato il produttore Richard Fischoff, “usando cose che conosceva della sua vita personale e di John per ottenere la risposta che pensava avrebbe dovuto dare nel film”.

Hoffman sussurrò “John Cazale” all’orecchio di Streep prima di girare una scena importante – il secondo giorno delle riprese. Streep ha lasciato lo studio in preda alla rabbia, ma è tornata per completare le riprese, vincendo poi un Oscar come miglior attrice non protagonista per il ruolo – il suo primo di molti. Dustin Hoffman è stata la prima persona che ha ringraziato nel suo discorso di accettazione, ma vale la pena notare che non hanno più condiviso una scena insieme negli ultimi 40 anni.

Minacciare di separare i bambini dalle loro madri – Exodus (1960)

storie disturbanti cinematown.it

Otto Preminger era così intimidatorio che gli fu dato il soprannome di “Otto il Terribile” da coloro che lo conoscevano. In effetti, era così spaventoso che il New York Times includeva il seguente aneddoto nel suo OBITUARY, sulla realizzazione di Exodus:

Un giorno stava girando una scena per il film che coinvolgeva una dozzina di bambini israeliani, che avrebbero dovuto piangere in seguito ad attacchi arabi.

“‘Piangete, piccoli mostri”, Preminger ha ripetutamente urlato ai bambini, che erano semplicemente lì, sconcertati, guardando le loro madri dietro le telecamere. Alla fine, Preminger ha sussurrato istruzioni a un assistente, che ha guidato le madri su una collina, lontano da tutti.

“Vedete, le vostre madri sono state portate via”, disse Preminger ai bambini minacciosamente. “Non le vedrete mai più – mai!” E i bambini scoppiarono in lacrime.

Rendere un cane il protagonista del film e castigarlo – Kes (1969)

storie disturbanti cinematown.it

Ken Loach è noto per l’utilizzo di tecniche di improvvisazione per creare importanti film socialisti realistici che gettano luce sulle persone emarginate. Ma, per la star di Kes, David Bradley, è probabilmente meglio conosciuto come l’uomo che gli ha messo contro un cane arrabbiato.

“Avrebbe giocato brutti scherzi pur di vedere se poteva ottenere una reazione”, affermò Bradley.

Per la scena in cui fugge da un cane che abbaia, Bradley credeva che Loach avesse nascosto qualcuno che “gettava il cane in mezzo alla strada”. La teoria si allinea con qualcosa che Loach ha detto sulla scena della castigazione.

“Non puoi imitare quell’espressione, il punto in cui il bastone colpisce la mano”, spiegò in seguito Loach. “Quindi li abbiamo castigati, davvero.”

Far piangere dei rifugiati – Casablanca (1942)

storie disturbanti cinematown.it

È uno dei momenti più memorabili di Casablanca. I nazisti cantano “Die Wacht am Rhein” nel caffè di Rick, prima che un coro di rifugiati li affoghi con “La Marsigliese”. La scena è incredibilmente potente – per una buona ragione: erano veri rifugiati.

“Così tanti attori erano rifugiati dall’Europa”, ha detto la scrittrice Leslie Epstein. “Le loro vite erano in pericolo. Alcuni, come i Dalio e altri, sono fuggiti per un pelo. Da qui le vere lacrime quando viene cantata la Marsigliese.”

Far credere ai bambini che hanno perso i loro amici – Incontri ravvicinati del terzo tipo (1977)

storie disturbanti cinematown.it

Crudele probabilmente non è la prima parola che si userebbe per descrivere Steven Spielberg, ma è sicuramente adatta per il suo mestiere. Talmente adatta che quando ha detto all’attore per la prima volta (di 4 anni) Cary Guffey di dire addio ai suoi amici (gli alieni), non lo ha fermato quando ha iniziato a rompere la macchina fotografica perché pensava di salutarli per sempre, non solo per la scena. Anche se non è così estremo come altri esempi in questo elenco, non è esattamente bello. Inoltre, l’attrice Drew Barrymore ricorda una storie disturbanti simile dal set di ET.

Uccidere un asino – Manderlay (2005)

storie disturbanti cinematown.it

Lars Von Trier ha fatto parecchie cose intense e orribili ai suoi attori nel corso degli anni. È un autore magistrale di storie disturbanti di questo tipo, ma una delle più strane, per ottenere performance veritiere dagli attori di Manderlay, è stata chiedergli di guardare un asino mentre veniva ucciso, prima di chiedere loro di mangiarlo. John C Reilly era così sconvolto dell’evento, che ha deciso di lasciare il film. Tuttavia, il produttore Peter Aalbaek Jensen, affermò che l’intero processo è stato monitorato da un veterinario:

“Eravamo molto coscienziosi al riguardo, perché non volevamo 70.000 gruppi di americani animalisti sulla coscienza.” E poi ha anche aggiunto: “Probabilmente potremmo uccidere sei bambini per un film senza che nessuno si arrabbi”.

Uso di armi da fuoco reali – L’esorcista (1973)

storie disturbanti cinematown.it

L’Esorcista fu di per sé un tripudio di storie disturbanti, dall’inizio alla fine, ma ce n’è una in particolare che ha messo a repentaglio la salvaguardia di tutti. Quando William Friedkin voleva che Jason Miller (padre Karras) reagisse scioccato a un telefono che squillava, fece ciò che chiunque di sano e normale avrebbe fatto: sparò inaspettatamente un colpo di pistola dietro la telecamera.

Sorprendentemente, Miller reagì perfettamente come un uomo che vive ai margini dei nervi, invece di chinarsi per cercare riparo e chiamare la polizia, e la scena è rimasta nel film. A questo proposito, degno di nota è anche il “complicato” rapporto tra il regista Werner Herzog e Klaus Kinski. Sul set di Aguirre: Furore di Dio, il regista ha minacciato di sparare a Kinski se avesse lasciato il set, e su quello di Fitzcarraldo si è avvicinato ancora di più, andando a dare fuoco a casa dell’attore, ma un cane lo disturbò e il regista si arrese. Sorprendentemente, i due si considerarono amici.

LEGGI ANCHE: Alla mia piccola Sama – la recensione del documentario sulla guerra di Aleppo

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it