Gli sci-fi del 2020 segneranno la riscossa del genere, la cui media si è recentemente abbassata

Con film come Tenet, Dune e i sequel di Avatar all'orizzonte, il 2020 si sta preparando ad essere un anno gratificante per i film di fantascienza.
sci-fi del 2020 dune film in uscita nel 2020 cinematown.it

Gli sci-fi del 2020 si prospettano come molto più belli della media, soprattutto con l’arrivo di Tenet di Christopher Nolan e Dune di Denis Villenueve.


Gli sci-fi del 2020, almeno sulla carta, si prospettano più intelligenti della media degli ultimi anni. Che si tratti di esplorazione dello spazio, intelligenza artificiale o impatto della tecnologia sulla società, il genere fantascientifico non ha mai evitato di porre domande complicate sulla comprensione dell’umanità di come funziona l’universo. Gli storyteller hanno esplorato a lungo questi problemi attraverso l’obiettivo della cultura pop, e gli ultimi anni non hanno fatto eccezione. Solo sul piccolo schermo, film come Westworld, Star Trek: Picard e Devs hanno usato metafore fantascientifiche per esaminare qualsiasi cosa, dalla natura dell’identità, alle moderne ideologie politiche.

Il film tradizionale, tuttavia, è un’altra questione. La fantascienza ha sempre avuto una casa nel mondo del cinema indipendente e/o non americano (High Life è un esempio recente), e c’è stato un momento evidente in ampie pubblicazioni che ha dato priorità alle grandi idee di fantascienza. Per la maggior parte, film del genere hanno faticato a coprire i propri budget o non hanno avuto un grande impatto al botteghino. Con Tenet di Christopher Nolan, Dune di Denis Villeneuve e Avatar di James Cameron all’orizzonte, il prossimo decennio ha il potenziale per essere più gratificante per i fan dei film di fantascienza intelligenti. Ma prima di approfondire la questione, vale la pena ripensare al motivo per cui questi tipi di film hanno iniziato a passare di moda, già nella seconda metà del 2010.

Il recente passato

sci-fi del 2020 interstellar cinematown.it

All’inizio, il 2010 è stato un grande anno per i film di fantascienza mainstream. Il decennio è iniziato con Inception di Nolan, che è stato ampiamente elogiato come degno successore di The Matrix e simili successi che combinano emozioni da brivido con concetti fantascientifici strabilianti. Quattro anni dopo, Nolan portò il pubblico nello spazio con Interstellar, un film in cima al botteghino con sfumature del 2001: Odissea nello spazio, ma un nucleo emotivo molto più ricco. Più o meno nello stesso periodo di tempo, Gravity e The Martian hanno guadagnato un sacco di soldi mentre hanno ricevuto elogi per il modo in cui hanno usato lo spazio come mezzo per esaminare questioni come gli effetti del trauma emotivo e l’importanza del pensiero razionale e scientifico.

Persino sequel e prequel di grande budget come TRON: Legacy del 2010 e Prometheus del 2012 hanno lottato con idee su divinità, mostri e creatori, con persone che venivano uccise da forme di vita aliene non così amichevoli. A poco a poco, le cose sono iniziate a cambiare. Film acclamati come Ex Machina e Arrival hanno esplorato la complessità della natura umana e della comunicazione, raccontando storie su individui con intelligenza artificiale ed extraterrestri nel 2015 e 2016, ma avevano entrambi un successo commerciale sostanzialmente inferiore rispetto a molte offerte di fantascienza di pochi anni prima.

Poi, nel 2017, Blade Runner 2049 è diventato l’ultimo film di fantascienza veramente “intelligente” per fare colpo al botteghino, ma non ha fatto abbastanza per coprire i suoi costi. Parte del problema era che questi film erano rigorosamente rivolti agli spettatori più anziani, rispetto a film come Inception (che ha un fascino relativamente più ampio). Questo è stato anche quando i film dell’universo condiviso e i film sui supereroi sono passati dall’essere estremamente popolari, alla forma dominante di intrattenimento popolare a Hollywood. I film di fantascienza mainstream che stimolano la riflessione non sono scomparsi completamente (sia Annihilation che Ad Astra sono usciti negli ultimi due anni), ma non prosperavano nemmeno come pochi anni prima.

Gli sci-fi intelligenti stanno tornando

tenet sci-fi del 2020 cinema cinematown.it

Fortunatamente, con gli sci-fi del 2020 le cose potrebbero essere sul punto di cambiare. Nolan è nelle fasi finali del completamento del suo nuovo originale film di fantascienza Tenet, un thriller di spionaggio internazionale in stile James Bond, con il twist che i suoi eroi devono usare qualcosa chiamato “inversione del tempo” per salvare la giornata. Inoltre, il regista Villeneuve sta preparando Dune, il suo adattamento della prima metà del romanzo fantascientifico del 1965 di Frank Herbert, sulle famiglie reali che lottano per il controllo del pianeta Arrakis e della sua preziosa risorsa naturale Melange o The Spice (una sostanza necessaria per il viaggio interstellare). Alla fine, dopo oltre dieci anni di sviluppo, Cameron si sta preparando a portare gli spettatori non solo su uno, ma su quattro viaggi di ritorno nel mondo di Pandora con i suoi sequel di Avatar.

Le loro trame attuali sono indefinite in questo momento, ma indubbiamente riporteranno i temi ambientali dal primo Avatar, insieme alle sue idee fantascientifiche sulla tecnologia che può trasferire la coscienza di un essere umano da un corpo a un altro. C’è anche l’imminente Bios, un dramma di fantascienza interpretato da Tom Hanks come inventore – e l’ultimo uomo sulla terra – che decide di costruire un androide per fargli compagnia; The Tomorrow War, il thriller d’azione furtivo di Chris McKay dove, nella speranza di vincere una battaglia con un esercito alieno invasore, gli scienziati escogitano un modo per “arruolare” i più grandi soldati del passato per combattere nel presente; e The Matrix 4, una rinascita del franchise che potrebbe essere anche più avvincente del film originale.

In che modo gli sci-fi del 2020 saranno migliori

dune cinematown.it

Non esiste una ricetta infallibile per il successo a Hollywood, quindi non c’è modo di assicurarsi che questa classe più coraggiosa di intrattenimento mainstream possa rimanere popolare. Tuttavia, ci sono modi per migliorare le sue possibilità: prima di tutto,  gli sci-fi del 2020 devono cercare di attirare il più vasto pubblico possibile; molte persone sono state comprensibilmente sbalordite quando il trailer di Tenet è stato presentato in anteprima su Fortnite, ma è stato un modo intelligente di vendere il film a una folla più giovane (vale a dire, gli adolescenti che giocano a Fortnite), anche se non è mai stato il pubblico di riferimento per i film di fantascienza di Nolan. Questo potrebbe essere invece difficile per un film come Dune, considerando che ha ottime possibilità di essere classificato come R, come la maggior parte dei film di Villeneuve.

È qui che entra in gioco il marketing: Dune ha un cast stellato che include grandi nomi che vanno dai giovani Timothée Chalamet e Zendaya, ad attori di Marvel e DC come Oscar Issac e Jason Momoa, ai veterani del grande schermo come Javier Bardem e Charlotte Rampling. Quindi, la promozione di questo film, che sarà internazionale, servirà a venderlo a persone di tutto il mondo, compresi quelli che potrebbero non essere necessariamente entusiasti di assistere ad una seria opera spaziale sul conflitto geopolitico. Persino i sequel di Avatar hanno la loro parte di rischi. Non è mai saggio scommettere contro Cameron al botteghino, eppure il primo Avatar ha lasciato una strana impronta culturale per un film che ha incassato 2,79 miliardi di dollari.

Il suo uso di scenari/personaggi generati al computer e fotorealistici è diventato anche uno standard industriale nel decennio da quando è stato presentato per la prima volta, quindi spetta ancora una volta al marketing convincere il pubblico che i sequel di Avatar saranno altrettanto innovativi, soprattutto nel modo in cui usano il movimento per dare vita ad ambientazioni come gli oceani di Pandora, ed avranno anche una narrazione più avvincente e meno datata da abbinare a tutta la magia tecnica. Questa sarà la chiave per mantenere forti non solo gli sci-fi del 2020 ma i film di fantascienza in generale: ricordando alle masse che possono essere sia divertenti che significativi, e non devono scegliere tra l’uno o l’altro.

LEGGI ANCHE: The Clone Wars – la recensione finale della serie animata di Star Wars

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it