J.K. Rowling: due dei più importanti fansite di HP prendono le distanze dall’autrice

Sebbene abbiano espresso dubbi su come l'autrice sia stata trattata dai media, hanno scelto di tenercisi a debita distanza.
j.k. rowling jk rowling cinematown.it

Due tra i fansite a tema Harry Potter più seguiti dai fan hanno ufficialmente preso le distanze da J.K. Rowling, con scelte a dir poco drastiche.


MuggleNet e The Leaky Cauldron, due delle più ferventi comunità di fan online a tema Harry Potter, giovedì hanno rilasciato una dichiarazione congiunta a sostegno delle persone transgender, ripudiando categoricamente i commenti fatti da J.K. Rowling su Twitter durante il mese di giugno, come riporta Variety. Nella dichiarazione si legge:

“Sebbene sia difficile parlare contro qualcuno di cui abbiamo ammirato il lavoro così a lungo, sarebbe sbagliato non usare le nostre piattaforme per contrastare il danno che ha causato.

La nostra posizione è ferma: le donne transgender sono donne. Gli uomini transgender sono uomini. Le persone non binarie sono non binarie. Le persone intersessuali esistono e non dovrebbero essere costrette a vivere nel binario.

Sosteniamo i fan di Harry Potter in queste comunità e, sebbene non perdoniamo il maltrattamento che J.K. Rowling ha ricevuto per aver trasmesso le sue opinioni sulle persone transgender, dobbiamo rifiutare le sue convinzioni.”

Per rafforzare il distanziamento preso dall’autrice, nessuno dei due siti rimanderà più agli store online di prodotti che non fanno parte del franchise di Harry Potter scritti da J.K. Rowling, né al sito personale dell’autrice come non condivideranno più aggiornamenti sulla vita personale della stessa. Inoltre, hanno annunciato che si rivolgeranno a Rowling con l’hashtag #JKR, in modo che le persone possano scegliere di non vedere più i post relativi alla scrittrice. La dichiarazione infatti continua:

“Abbiamo visto innumerevoli persone usare i libri di HP e la fanfiction relativa per esplorare le proprie identità diffondendo amore e accettazione. Sappiamo che questo è ancora possibile e sappiamo che vogliamo continuare a far parte di quel movimento.

Ci impegniamo a fare un lavoro migliore nella nostra comunità per elevare e mettere al centro le persone che sono state emarginate e creare cambiamenti positivi all’interno delle nostre piattaforme fandom.

Questo segna l’inizio di un rinnovato impegno nel servire la comunità di Harry Potter da un punto di vista più consapevole di quanto abbiamo fatto in passato.”

LEGGI ANCHE: J.K. Rowling al contrattacco: «non odio i trans, le mie dichiarazioni sono frutto di un difficile trascorso sessuale»

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it