Un paio di nuove foto dal set di Mortal Kombat 2 hanno rivelato l’arrivo di due dei personaggi più importanti del franchise. Basato sulla serie di videogiochi di successo, Mortal Kombat 2 è il seguito del reboot del 2021 che vedeva protagonisti Lewis Tan, Jessica McNamee e Josh Lawson nei panni di un gruppo di guerrieri del Earthrealm presi di mira dallo stregone Shang Tsung prima di poter competere nella gara interdimensionale di arti marziali. Mentre il primo film ha introdotto diversi personaggi chiave dei videogiochi, Mortal Kombat 2 dovrebbe presentare anche personaggi come Johnny Cage, Shao Kahn e Kitana.

Recentemente, il produttore Todd Garner ha condiviso alcune nuove foto dal set di Mortal Kombat 2 che mostrano le armi di Shao Kahn e di sua figlia adottiva Kitana.

 

La prima immagine mostra da vicino i ventagli d’acciaio di Kitana, immediatamente riconoscibili.


Nel frattempo, il produttore ha anche pubblicato una foto dell’arma caratteristica di Kahn, la mazza gigante che nella tradizione del gioco viene chiamata “Martello dell’Ira”.

Sebbene il debutto di Karl Urban nei panni di Johnny Cage sia molto atteso, è l’introduzione dell’imperatore di Outworld Shao Kahn e della sua figlia adottiva che offre le maggiori possibilità di narrazione. Inizialmente basato sull’imperatore Palpatine della trilogia originale di Guerre Stellari, il co-creatore di Mortal Kombat John Tobias voleva introdurre un misterioso sovrano che si celasse dietro il cattivo principale del primo gioco, Shang Tsung. Debuttando come boss finale in Mortal Kombat II del 1993, l’imponente forma fisica e l’immensa forza di Kahn erano supportate anche da una ricca storia alle spalle che divenne centrale per la continuazione della storia.

Prefigurando il destino apocalittico che sta attualmente affrontando Earthrealm, l’imperatore di Outworld Shao Kahn conquistò il regno natale di Kitana, Edenia, dopo che anch’esso aveva perso dieci tornei consecutivi di Mortal Kombat. Ucciso il re di Edenia Jerrod e reclamata la sua vedova Sindel, Kahn adottò la giovane principessa Kitana e la crebbe per farla diventare la sua assassina personale. Come misura aggiuntiva, Kahn ordinò anche a Shang Tsung di creare un clone sfigurato di Kitana, chiamato Mileena, il cui ruolo era quello di spiare la giovane principessa e assicurarsi la sua continua fedeltà.

Mentre il precedente debutto di Shao Kahn in live-action, Mortal Kombat Annihilation del 1997, è stato ampiamente bocciato dal pubblico, Mortal Kombat 2 ha il potenziale per fornire uno sguardo molto più fedele al cattivo di Outworld e alla sua figlia adottiva. Con il film del 2021 che ha solo scalfito la superficie del ricco background dei giochi, con un po’ di fortuna il sequel sarà in grado di sfruttare i nuovi personaggi e di esplorare alcune delle storie più affascinanti emerse dai giochi originali.