Ufficialmente, Netlfix non ha ancora rinnovato la nuova serie Il problema dei 3 corpi per una seconda stagione sulla piattaforma di streaming. Tuttavia, i creatori dello show stanno già pianificando il loro approccio alla potenziale seconda stagione, anche se ammettono che potrebbe essere più impegnativa da sviluppare rispetto alla prima stagione.

Lo show è stato creato da Alexander Woo insieme ai creatori della serie Game of Thrones, D.B. Weiss e David Benioff. Secondo Deadline, il trio ha parlato della serie in occasione dell’evento televisivo Deadline Contenders di domenica. Considerando il materiale di partenza, Weiss ha commentato come una seconda stagione sarebbe stata molto più selvaggia, e questo ha fatto sì che i tre passassero gli ultimi mesi a cercare di capire il modo migliore per andare avanti con la storia.

“Questa è una sorta di facilitazione per entrare nel mondo della storia, ma la storia diventa davvero selvaggia nel miglior modo possibile”, ha spiegato Weiss. “Con qualcosa di così selvaggio, ci sono molte scelte da fare e molte cose da capire. Di recente, soprattutto negli ultimi due mesi, abbiamo messo insieme le nostre teste per capirle”.

Per quanto riguarda la traduzione della storia dal materiale di partenza in un modo più comprensibile per gli spettatori occasionali, Weiss ha aggiunto: “Non si vuole che la gente prema la pausa e si rivolga a Wikipedia ogni cinque minuti. Si potrebbe fare una versione che lo faccia fare alla gente, ma che la tiri fuori dal discorso. Nel libro, lui ti spiega tutte queste cose per iscritto. È stata una sfida che alla fine ci ha attirato al progetto fin dall’inizio”.

L’adattamento della serie per Netflix ha comportato la necessità di apportare alcune modifiche ai libri originali del Problema dei tre corpi dell’autrice Liu Cixin. Un grande cambiamento è stato quello di concentrare la serie su personaggi per lo più di lingua inglese, mentre la storia originale si concentrava maggiormente sulla Cina. Woo ha spiegato come questo sia stato necessario per rendere la storia più “globale”.

“Per necessità dovevamo avere un cast che parlasse prevalentemente in inglese”, come ha detto Woo. “I flashback cinesi sono rimasti intatti. Questo ci ha dato l’opportunità di raccontare una storia molto globale. L’umanità si unisce o non si unisce per affrontare una minaccia esistenziale”.

Il problema dei 3 corpi è in streaming su Netflix.