Danai Gurira afferma che The Walking Dead potrebbe finalmente essere oggetto di un musical per il franchise. Ha anche detto che ci sono conversazioni attive su questa possibilità, anche se non sa se sia molto probabile.

Nell’ultimo numero della rivista SFX, Danai ha dichiarato che il team di The Walking Dead ha “effettivamente parlato” di un possibile musical. L’attrice ha chiarito che non era esattamente seria quando ha detto che The Walking Dead potrebbe essere trasformato in un musical a Broadway, ma che comunque ha portato a delle conversazioni con il capo del franchise Scott M. Gimple sul modo migliore per realizzare potenzialmente un musical. Dal suo punto di vista, Gurira suggerisce che la sfida più grande potrebbe essere quella di trovare una storia abbastanza forte che dovrebbe essere contenuta nella lunghezza di un singolo spettacolo teatrale.

“Stavo scherzando sull’idea di avere un musical di Walking Dead a Broadway. Io e [Scott] Gimple ne stiamo parlando, il che è ridicolo”, ha spiegato. “Lui ha solo detto che non ne abbiamo i diritti. Io dico: ‘Beh, parliamo con [Robert] Kirkman, vediamo cosa ne pensa’. Insomma, stiamo in gran parte scherzando. Ma sono state fatte cose più strane, e io amo il teatro… Si tratta di capire come si fa a limitarlo a qualcosa? Perché c’è così tanta storia. Quindi sarebbe davvero come confinare il tutto in una buona opera teatrale di due o tre ore?”.

Anche se al momento non ci sono piani concreti per un musical, il mondo di The Walking Dead è continuato dopo l’undicesima e ultima stagione della serie originale. Gurira è tornata a riprendere il ruolo di Michonne nella recente serie spinoff, The Walking Dead: The Ones Who Live, riunendosi con l’attore di Rick Grimes Andrew Lincoln. Entrambi avevano lasciato The Walking Dead come series regular prima della fine della serie.

Di tanto in tanto, la macabra morte di Glenn Rhee nella première della stagione 7 di The Walking Dead torna a tormentare tutti. La sua morte è stata un punto a sfavore per molti fan della serie. Molti sostengono che fosse troppo violenta per essere trasmessa dalla televisione via cavo. Ma a quel punto della serie, i cannibali sgozzavano le persone e i walker facevano a pezzi i sopravvissuti. C’era un gore ben peggiore nelle stagioni precedenti, che avevano già tagliato scene molto più inquietanti dai fumetti. Il vero problema della morte di Glenn è che è stata annunciata da un cliffhanger per il quale la gente ha dovuto aspettare mesi. Il gore e le viscere sono la norma per The Walking Dead. Non si può biasimare la serie per aver scelto la morte più iconica dei fumetti.

Ci sono anche altri spinoff che terranno in vita The Walking Dead, almeno per ora. Jeffrey Dean Morgan e Lauren Cohan torneranno nei panni di Negan e Maggie nella prossima seconda stagione di The Walking Dead: Dead City. Norman Reedus sarà inoltre affiancato da Melissa McBride per The Walking Dead: Daryl Dixon – The Book of Carol.

Reedus ha anche dichiarato di vedere se stesso nel ruolo di Daryl per altri “sei o sette anni”, quindi la serie potrebbe potenzialmente andare avanti ancora per molti anni.