Con l’uscita del trailer di Avengers: Endgame – un trailer che dice tutto e niente sul destino dei nostri beniamini – l’hype è alle stelle e i fan del Marvel Cinematic Universe non vedono l’ora di scoprire cosa accadrà nel prossimo capitolo sui Vendicatori, in arrivo a fine aprile nei cinema di tutto il mondo.

Ma forse intanto qualche succulenta novità ce la possiamo concedere perché a parlare di Avengers: Endgame nel corso di una nuova intervista sono proprio i due registi che stanno dietro l’operazione, i fratelli Anthony & Joe Russo che, alla domanda sul come faranno a superare l’incredibile lavoro di Avengers: Infinity War, spiegano: “con tanto duro lavoro”.

Se supereremo Infinity War o meno, non lo sappiamo. Ma proviamo a raccontare la miglior storia possibile con questi personaggi. Questo episodio porterà una fine ad un decennio di storie. Pensiamo che soltanto questo abbia un grosso potere drammatico a tutta l’operazione.

Tuttavia i fratelli non si sbilanciano col racconto dei dettagli. 

Vi abbiamo dato un trailer, vi abbiamo dato un titolo, l’ultima cosa che vogliamo è fornirvi qualche indizio sulla struttura, sulla storia o sul tono. 

I due hanno semplicemente parlato di Thanos e hanno confermato che “è riuscito nell’impresa che si era prefissato. Ha finito qua. Ha vinto. Ora si è ritirato”.

Secondo il duo, quanto accaduto in questi due film influenzerà e non poco il Marvel Cinematic Universe in futuro: 

Tutto l’universo ha sperimentato lo stesso fato, e si è unito per via di quest’esperienza.

Ma la cosa più interessante riguarda la durata del film, come spiegano i due:

C’è un’alta probabilità che questo film possa durare intorno alle tre ore. E’ una pellicola grossa con tante storie da raccontare.

Quindi conviene che ci prepariamo con acqua e cibo perché resteremo incollati alle poltrone per un bel po’.

Leggi Anche: Scene post credit: i film che non sapevi ne avessero una