Film sul viaggio: i titoli che ti faranno venire voglia di partire in solitaria

Quella in solitaria è un’esperienza ricorrente nei film sul viaggio. Un tema emozionante, che vi farà venire voglia di fare le valigie.


Il viaggio è un elemento ricorrente nei film, dai luoghi esotici alle moderne metropoli, alle città antiche, zaino in spalla o valigia alla mano, l’essere umano non ha mai rinunciato al suo spirito d’esplorazione. Sia che si tratti di un viaggio interiore, alla scoperta di sé stessi, di un viaggio di formazione o di un viaggio di ritorno, per affrontare i fantasmi del proprio passato, il tema rimane uno dei più interessanti e coinvolgenti: viaggiare – fisicamente o con la fantasia – è una metafora della vita. Il cinema offre spunti meravigliosi, ispira, appassiona e suggerisce, talvolta, itinerari inattesi alla scoperta dell’altro e dell’altrove, con dei film sul viaggio che sono dei veri capolavori. Un bisogno impellente di libertà, di cambiamento e d’avventura da vivere in solitaria, a tu per tu con il nostro io.

I diari della motocicletta (2004)

film sul viaggio CinemaTown.it

Non si tratta di un vero e proprio viaggio in solitaria ma, per I diari della motocicletta di Walter Salles, film che racconta il viaggio on the road del giovane Che Guevara attraverso l’America latina, faremo un’eccezione. Ernesto, studente di medicina in Argentina parte con il suo amico Alberto Granado in sella a una vecchia moto Norton Model 18, sopranominata “la Poderosa”, passando attraverso l’Argentina, il Cile, il Perù e la Colombia, per un totale di circa 12.000 km di percorso. Un viaggio tra luoghi e popolazioni affascinanti, per conoscere l’uomo prima del mito, il Che prima della rivoluzione cubana. Lungo l’itinerario – dal lago Frias in Argentina, alla Cordigliera delle Ande in Cile a Machu Picchu e Cuczu in Perù –  i due amici scopriranno l’arretratezza e le condizioni di vita disagiate di molti popoli latini, giungendo a destinazione profondamenti cambiati.

Into the Wild (2007)

film sul viaggio CinemaTown.it

Into the Wild, diretto e prodotto da Sean Penn, è l’adattamento cinematografico del libro di Jon Krakauer Nelle terre estreme, ormai un classico della letteratura on the road. La pellicola è forse il film sul viaggio più famoso dei nostri tempi, e racconta la storia vera di Christopher McCandless, un giovane benestante che rinuncia a tutti i suoi agi per intraprendere un viaggio in solitara attraverso i luoghi più selvaggi d’America alla ricerca della libertà. A piedi o in autostop e senza un soldo in tasca, il protagonista viaggerà per due anni senza mai dare notizia di sé.

Il film sul viaggio approfondisce tematiche come il contrasto tra genitori e figli e la fuga dalla civiltà, un rifiuto della società del consumismo che si compie in un’incessante vagabondare a contatto con la natura.  Il viaggio di Into the Wild è un cammino alla riscoperta del proprio io, ma anche un atto di ribellione personale contro le ipocrisie della vita borghese. Il film offre scorci indimenticabili dei luoghi più belli d’America, come le rapide del Grand Canyon o le nevi dell’Alaska.

Mangia, prega, ama (2010)

film sul viaggio CinemaTown.it

Mangia, prega, ama è una commedia romantica diretta da Ryan Murphy, con protagonista Julia Roberts nei panni di Liz Gilbert, una scrittrice di successo newyorkese che abbandona casa, marito e carriera per affrontare un lungo viaggio in cerca di se stessa tra Roma, Delhi e Bali. Liz arriva in Italia, a Roma, dove vuole imparare a godersi la vita partendo dal buon cibo, per poi recarsi in India, dove vuole imparare a pregare, e successivamente a Bali, dove troverà un nuovo amore. Il capitolo italiano è un pittoresco esempio del Made in Italy d’esportazione, una visione molto americana del bel paese, tra ozio, maccheroni, vino e guide dall’irresistibile fascino latino (Luca Argentero). La crisi esistenziale della protagonista si risolve senza troppi imprevisti, in un viaggio tipicamente turistico in luoghi da cartolina.

La mia Africa (1985)

film sul viaggio CinemaTown.it

La mia Africa è un film di Sidney Pollak con Meryl Streep e Robert Redford, basato sull’omonimo romanzo di Karen Bixen. La pellicola, che si è aggiudicata ben sette Oscar, narra la storia della giovane Karen, scrittrice danese che parte per il Kenya per sposare il barone Bror Blixen e avviare con lui una fattoria per la produzione del latte, ma durante il viaggio conosce il cacciatore Denys Finch-Hatton, spirito ribelle e solitario di cui finisce per innamorarsi. Il film è un classico del genere sentimentale, ma anche la storia del viaggio di formazione di una donna alla scoperta di una terra magica e suggestiva, un’Africa selvaggia e incontaminata che diviene protagonista grazie all’eccellente fotografia di David Watkin.

Vicky Cristina Barcelona (2008)

film sul viaggio CinemaTown.it

Vicky Cristina Barcelona, diretto da Woody Allen con Penelope Cruz, Javier Bardem, Scarlett Johansson e Rebecca Hall, racconta la storia di due amiche americane che partono per Barcellona vivendo esperienze completamente diverse e in un certo senso solitarie. Vicky è una donna di sani principi, in procinto di sposarsi con l’uomo che ama. Cristina invece è una giovane disinibita e gioiosa alla ricerca di un’appassionante avventura amorosa.

Entrambe, però, dovranno fare i conti con l’affascinante Juan Antonio, pittore ancora invischiato in un rapporto morboso con la sua ex moglie Helena. Allen sviluppa un intreccio amoroso complicato, un viaggio sentimentale tra i luoghi della cultura, dell’arte e della movida di una città seducente e misteriosa, luogo perfetto di questo film sul viaggio in cui cercare se stessi e al tempo stesso perdersi.

This Must Be the Place (2011)

film sul viaggio CinemaTown.it

This Must Be the Place, diretto da Paolo Sorrentino e interpretato da Sean Penn, racconta la storia di Cheyenne, un ex rockstar cinquantenne che ancora si veste e si trucca come quando si esibiva sul palco insieme alla sua band. La morte improvvisa del padre, con il quale non aveva più rapporti, lo costringe a partire per New York, dove scopre che il genitore voleva vendicarsi di un nazista che lo aveva umiliato in un campo di concentramento.

Cheyenne decide di compiere il volere del padre, iniziando un viaggio in solitaria attraverso gli Stati Uniti. Un percorso di ricerca tra luoghi di passaggio, incontri e imprevisti, che permetterà al personaggio di riscoprirsi dietro la maschera di trucco che lo protegge dal presente, di riconciliarsi con il proprio passato e con gli affetti perduti. Un film sul viaggio da guardare più e più volte, nonché il racconto edificante più profondo del regista italiano.

La Grande Bellezza (2013)

film sul viaggio CinemaTown.it

La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino, con Toni Servillo, Sabrina Ferilli e Carlo Verdone, premio Oscar 2014 come miglior film straniero, inizia con una citazione da Viaggio al termine della notte di Louise Ferdinand Cèline.

Viaggiare è proprio utile, fa lavorare l’immaginazione. Tutto il resto è delusione e fatica. Il viaggio che ci è dato è interamente immaginario. Ecco la sua forza. Va dalla vita alla morte (…)

Parole che anticipano il senso del viaggio del protagonista Jep Gambardella, sessantacinquenne affascinante e affermato giornalista, attraverso un’umanità inconsistente e vacua, adagiata nel lusso di una città mastodontica e inafferrabile. Jep vaga per le strade di una Roma estiva austera e indifferente, affogando nel gin tonic e nei divertimenti effimeri il suo disagio esistenziale. Un viaggio in solitaria attraverso le vicende che l’hanno portato a diventare una versione irriconoscibile di se stesso. Il film sul viaggio offre splendidi scorci degli antichi palazzi del centro storico, del Colosseo, di piazza Navona, del Gianicolo e del Parco degli Acquedotti, un vero e proprio tour tra le meraviglie della città eterna.

Tracks (2014)

film sul viaggio CinemaTown.it

Tracks, del regista John Curran, con Mia Wasikoswka, racconta la storia vera dell’avventuroso e solitario viaggio di Robyn Davidson, venticinquenne che vuole attraversare a piedi il deserto centrale australiano. 2700 km di cammino, da Alice Springs all’Oceano Indiano, in compagnia del suo cane Diggity e di tre cammelli. Un’impresa eroica iniziata nel 1977, dopo due anni di preparazione, con la sponsorizzazione del National Geographic, che ha documentato le tappe principali della traversata. Sullo sfondo di uno dei posti più spettacolari e pericolosi del pianeta, la protagonista si spinge al limite della sua forza fisica ed emotiva, trovando in se stessa la forza per superare le avversità e le fatiche imposte deserto.

Wild (2014)

film sul viaggio CinemaTown.it

Wild, diretto da Jean-Marc Vallee, con protagonista Reese Witherspoon, narra la storia di Cheryl Strayed, una ragazza rimasta sola dopo la morte della madre, con un matrimonio distrutto alle spalle e una dipendenza dall’eroina che decide di partire e di attraversare il Pacific Crest Trail, dal Messico al Canada, alle catene montuose della costa ovest, per 4000 km di percorso a piedi, da sola e in poco più di due mesi. Il film sul viaggio racconta in modo avvincente un percorso di rinascita personale, la sfida di una donna che vuole rimediare ai propri errori e trovare la forza di ricominciare a contatto con le bellezze e i pericoli della natura. Ancora più di Into the wild, questa storia vera rappresenta alla perfezione la metafora del viaggio come forma di crescita.

I sogni segreti di Walter Mitty (2013)

film sul viaggio CinemaTown.it

I sogni segreti di Walter Mitty, diretto e interpretato da Ben Stiller, narra la storia di un uomo sospeso tra realtà e fantasia, che viaggia con l’immaginazione in cerca di avventure incredibili. Walt è un uomo mite e apparentemente ordinario che lavora come archivista di negativi per la rivista Life e utilizza, come unico mezzo di trasporto per esplorare il mondo, la forza dell’immaginazione. Davanti a una prospettiva di licenziamento, decide di partire alla ricerca di un famoso fotografo (Sean Penn) imbarcandosi in un’avventura che lo porterà dalla Groenlandia all’Islanda, alle cime dell’Himalaya. Un film sul viaggio dedicato a coloro che temono di non avere il coraggio per sfidare i propri limiti.

LEGGI ANCHE: Crisi esistenziali – i film che l’hanno affrontata meglio