La HBO continua a sfornare serie di grande interesse per il mondo geek. Dopo Game of Thrones, che si concluderà stanotte (tra molte critiche) arriva Watchmen. Ispirata a una delle graphic novel più celebri di sempre, questa serie è un sequel e tratta di eventi non più del 1985 ma del presente. Grazie ad una ottima segretezza l’opinione pubblica sa molto poco della serie e degli eventi che andremo a vedere. Possiamo però già analizzare alcuni dettagli fondamentali tra questa serie, lo Watchmen di Alan Moore e il film di Zack Snyder.

Watchmen – la serie è un sequel del film o del fumetto?

Watchmen CinemaTown.it

Essendo ambientata nel presente, la serie può porre già un dilemma ai fan della storia. La storia originale di Moore è già stata adattata sul grande schermo da Zack Snyder in una fedelissima ed ottima trasposizione. La storia ed i toni dark, seguiti fedelmente dal regista, rendono il film un perfetto adattamento del fumetto. Nonostante questo, vi è una abissale differenza nel finale del film e della graphic novel: il finale. In entrambi i casi il villain, Ozymandias, crea una finta minaccia per unire americani e russi, scongiurando la crisi nucleare. Quello che si differenzia è però la minaccia stessa: nella storia originale Adrian Veidt crea, grazie all’aiuto di artisti e scienziati, un mostro dalle fattezze aliene che, trasportato nella città, fa una strage che non viene fermata dall’ormai (creduto) disperso Dottor Manhattan. Questo mostro riesce nel suo scopo: sentendosi indifesi da minacce extraterrestri, i russi e gli americani siglano un accordo di pace.

Questo finale, innegabilmente di grande impatto, sarebbe risultato però difficile da rendere al cinema. Il finale fu quindi modificato da Snyder, eliminando completamente il mostro. Nel film infatti Ozymandias non crea questa bestia aliena ma, al contrario, replica l’energia di Manhattan e ne crea un ordigno. Avendo pubblicamente mostrato il Dottor Manhattan in preda alla rabbia, egli segretamente fa detonare l’ordigno al centro di New York provocando una strage il cui l’unico colpevole risulta l’uomo atomico. In entrambi i casi Manhattan si allontana dal pianeta, solo che in uno è pubblicamente accusato della strage: quale dei due finali seguirà la serie televisiva? Basandoci sulle dichiarazioni dei produttori, si baserà sul finale del fumetto. Inoltre, grazie ad indiscrezioni arrivate grazie a poche foto sul set, si può intravedere un giornale con sopra raffigurato il fantomatico mostro del finale fumettistico.

Watchmen – la serie seguirà gli eventi del sequel fumettistico Doomsday Clock?

Watchmen CinemaTown.it

Il fumetto originale è, a tutti gli effetti, parte dell’universo fumettistico DC. A partire dagli eventi di Flashpoint del 2011 e continuati su The Button e in Rebirth, è diventato chiaro come gli eventi della saga e dell’universo DC siano in realtà collegati. Non cadendo troppo in spoiler, Flash e Batman riescono a trovare prove che confermano come una entità superiore stia giocando coi loro destini e coi destini dei loro cari. Tutto questo ha portato, nel 2018, alla saga tutt’ora in corso ed edita dalla RW Lion chiamata Doomsday Clock. Qui possiamo trovare come gli eroi DC vengano a diretto contatto con Manhattan e con altri personaggi.

Una domanda che venne a molte persone in contemporanea all’uscita del trailer di Watchmen riguardava la possibile inclusione di questa nuova storyline. Infatti, già altre volte questi personaggi erano stati richiamati, in modo più o meno palese, nei film del DCEU. A quanto pare però non vedremo Batman o Superman apparire nella serie, in quanto questa seguirà esclusivamente il fumetto originale.

Watchmen – dove sono Gufo Notturno, Ozymandias, il Dottor Manhattan e Rorschach?

Watchmen CinemaTown.it

I quattro protagonisti della graphic novel originale hanno sorti ben differenti. Gufo Notturno, conquistata l’eroina Spettro di Seta, raggiunge un lieto fine su cui grava la conoscenza delle vere motivazioni della strage finale. Ozymandias rimane libero, in quanto il segreto della tragedia di New York non viene rivelato al pubblico dagli eroi. Rimane però anche lui fortemente provato da questo evento, che lui vede come un male necessario e di cui si prende tutte le responsabilità. Il Dottor Manhattan parte in esilio nello spazio, speranzoso che potrà creare la vita (magari una più semplice, come l’universo DC). Infine Rorschach muore, ucciso da un Manhattan affranto nonostante la sua superiorità esistenziale. Walter Kovacs infatti avrebbe divulgato nel mondo il segreto di New York, vanificando però così il tentativo di pace ricercato da Veidt. Una vita, secondo Manhattan, vale meno della pace nel mondo.

Nonostante tutto però, Rorschach riesce a far trapelare questa storia. Nelle ultime pagine del fumetto infatti si vede come avesse mandato ad un giornale complottista, il New Frontiersman. Il finale rimane ambiguo nel fumetto, ma basandoci sulle immagini già viste nei trailer possiamo vedere come la storia sia effettivamente uscita e come una frangia estremista, indossando la sua maschera, diffonda il suo messaggio nel mondo. Un personaggio che tornerà in carne ed ossa è Ozymandias, interpretato nella serie da Jeremy Irons. Risulta facile immaginare come, negli anni successivi alla strage di New York, sia rimasto attento a soffocare ogni seguace di Rorschach. Invece nulla sappiamo di Gufo Notturno, Spettro di Seta o del Dottor Manhattan. È però molto probabile che li vedremo nella serie HBO, se non in carne ed ossa almeno citati dai protagonisti.

Watchmen – un grande cast ed un enorme mistero sulla trama

Watchmen CinemaTown.it

Risulta difficile parlare di questa serie, soprattutto della sua trama, a causa della segretezza che ha circondato la produzione. Quello di cui possiamo essere certi è però il fatto che sarà un evento comparabile a Game of Thrones, in cui la qualità HBO si unisce finalmente al mondo supereroistico. I grandi talenti nel cast, partendo dal premio Oscar Regina King, passando per il celebre Black Manta cinematografico Yahya Abdul-Mateen II fino ad arrivare al già citato e vincitore di un altro Oscar Jeremy Irons, danno già le basi per un prodotto di alta qualità. Creata da Damon Lindelof, seguiremo attentamente ogni dettaglio attorno a Watchmen fino all’uscita statunitense in Autunno 2019 su HBO.

Nessun compromesso, neanche di fronte all’Apocalisse!

LEGGI ANCHE: Watchmen – ecco le prime immagini della serie tv prodotta da Damon Lindelof