William Little, accusatore di Kevin Spacey per i fatti avvenuti a Nantucket nel 2016, lunedì si è appellato al Quinto Emendamento contro l’auto-accusa, rifiutandosi quindi di testimoniare riguardo la posizione del telefono cellulare che stava usando quella famosa notte. Little si è appellato all’emendamento tramite il proprio avvocato della corte distrettuale di Nantucket. Il giudice Thomas Barrett ha detto che la decisione dell’accusatore significa che la testimonianza che ha dato questo lunedì ne verrebbe colpita. L’avvocato di Spacey, Alan Jackson, ha chiesto quindi che il caso venisse respinto, dicendo che se la presunta vittima non testimonierà nei successivi atti, permettendo al caso di procedere, allora si tratterà semplicemente di uno spreco di soldi e di tempo di tutti coloro che sono coinvolti. Jackson ha detto:

Questo intero caso è compromesso. Questo caso deve essere respinto e si deve fare oggi.

Il pubblico ministero, Brian Glenny, ha chiesto al giudice almeno una settimana affinché gli ufficiali del suo ufficio possano decidere se procedere con il caso. Glenny ha detto che l’accusa “deve certamente considerare” se procedere con il caso ma ha aggiunto che non lo possono fare entro lunedì. Barrett ha detto che anche se il caso “potrebbe essere respinto” ha precisato che “non verrà certamente chiuso oggi”. Lunedì la presunta vittima ha detto all’avvocato di Kevin Spacey che non ha cancellato alcun messaggio sul suo cellulare dalla notte dell’incontro. L’accusatore ha però concesso il fatto che alcuni dati potrebbero mancare

a causa di varie circostanze. Quelle circostanze non sono relative ad alcuna cancellazione però.

Little ha poi fatto appello al Quinto Emendamento contro l’auto-accusa, rifiutandosi di rispondere alle domande circa il luogo dove si trova il telefono. L’avvocato di Kevin Spacey gli ha chiesto se sia stata la madre, ex conduttrice di Boston TV, Heather Unruh, a dirgli di sbarazzarsi di alcuni messaggi sul cellulare; la presunta vittima ha risposto che non se lo ricorda ma che non crede sia così. Unruh è stata anche chiamata alla sbarra lunedì e ha detto che le affermazioni di molestie di suo figlio non sono false, al che Jackson ha risposto “Vedremo”. Unruh ha ammesso di aver cancellato del materiale dal cellulare di suo figlio prima di consegnarlo agli investigatori, ma ha insistito che il materiale cancellato non concerne il caso e non è rilevante. Ha detto di aver inizialmente cercato nel cellulare del figlio dopo che lui le ha detto:

di aver fatto un video di Kevin Spacey che mette la mano nei suoi pantaloni, quindi sono andata a cercare quel video.

Il cellulare, che al momento è disperso, è emerso essere un elemento chiave della storia. Nel dibattito di lunedì, l’avvocato Mitchell Garabedian, che rappresenta l’accusatore di Spacey, ha detto al giudice Thomas S. Barrett che il suo cliente, il padre del suo cliente e la madre, Unruh, non sanno cosa sia successo al telefono. “Non possiamo localizzare il telefono”, Garabedian ha detto a Barrett mentre il giudice rimugina sulla disputa dagli avvocati di Spacey sul fatto che i dati conservati nel telefono siano essenziali per difenderlo contro il crimine. Garabedian ha suggerito che non è loro responsabilità mantenere le prove nel caso criminale, ma era responsabilità dell’ufficio dell’avvocato del Distretto di Cape and Islands, Michael O’Keefe, quella di proteggere qualsiasi prova.

Ma Brian Glenny ha detto che la Polizia di Stato e il suo ufficio hanno avuto il telefono il 29 Novembre del 2017 e che poi questo è stato sottoposto a un’indagine della polizia scientifica il 14 Dicembre e che un agente della Polizia lo ha restituito sia all’accusatore che al padre dell’accusatore il 18 Dicembre. Jackson ha detto a Barrett che l’accusatore e l’accusa stanno evitando qualsiasi responsabilità di scomparsa della potenziale prova – ma il costo è sostenuto da Spacey e i suoi sforzi di vendicare le proprie affermazioni di innocenza. Jackson ha detto:

Stanno puntando il dito l’uno contro l’altro… ma indovinate chi perde per colpa di questo – saremmo noi.

Parlando dalla panchina Barrett ha ponderato ad alta voce che si aspetta che la difesa chieda delle sanzioni siano imposte sull’accusa dato che il telefono è andato perso.

Non sto dicendo che ci siano delle conseguenze, ma potrebbero esserci. Vedremo cosa accadrà.

Anche Garabedian ha offerto delle spiegazioni alla decisione di ritirare la causa civile che il suo ufficio ha archiviato contro Spacey a favore dell’accusatore. Il caso è stato archiviato e ritirato con pregiudizio in sette giorni. Garabedian ha detto che il suo cliente si è trovato sulle montagne russe delle emozioni e ha lasciato perdere la causa civile per non peggiorare. Garabedian ha aggiunto di avere dei dati provenienti dal computer dell’accusatore appartenenti al 2016 che potrebbero calmare le preoccupazioni della difesa.

In anticipazione all’udienza di lunedì più di una dozzina di spettatori si è raccolta in strada sotto il palazzo di giustizia, alcuni col telefono in mano, per vedere se Spacey sarebbe comparso come ha fatto per la maggior parte delle udienze. Tuttavia Kevin Spacey non si è fatto vedere, Jackson è arrivato senza il cliente. Nel frattempo, durante le ultime ore, diverse foto di Spacey sono comparse sui social media, mostrandolo insieme a diverse persone sia a Florida che a Londra, provocando la felicità dei fan per la sua immagine tranquilla.

Il giudice Barrett comunque vorrebbe chiudere questo caso il prima possibile. L’avvocato di Kevin Spacey dice che i messaggi cancellati contengono informazioni riguardanti il fatto che qualsiasi cosa accaduta sia stato un flirt consensuale. Alan Jackson ha detto a Little che potrebbe essere accusato del crimine di aver compromesso le prove, per questo il giovane si è avvalso del diritto a non essere auto-incriminato. Se poi l’accusatore continua a non voler testimoniare è facile che il caso venga chiuso.

Il caso si sta risolvendo attorno a questo individuo e senza di lui lo stato si sta confrontando con un caso difficile.

Little le continua a dire Di non aver nulla a che fare con la manipolazione dei messaggi. Anche a Unruh era stata offerta la possibilità di appellarsi al quinto emendamento, ma lei ha rifiutato ed e andata alla sbarra. I messaggi che lei ha cancellato dal telefono del figlio, prima di consegnarlo, dice lei, hanno a che fare solo con le preoccupazioni di una madre che lei non vuole che la polizia veda.

Non ho cancellato nulla che possa essere rilevante per il caso.

Il giudice Barrett ha deciso che la prossima udienza si terrà il 31 Luglio

Leggi Anche: Kevin Spacey – William Little ritira la querela nei confronti dell’attore