Luca Guadagnino: il regista potrebbe dirigere Il Signore delle Mosche

Luca Guadagnino CinemaTown.it

Secondo Variety, Luca Guadagnino è in trattative per dirigere l’adattamento de Il Signore delle Mosche prodotto da Warner Bros.


Il regista di Chiamami col tuo nome è in negoziazione per dirigere Il Signore delle Mosche, l’adattamento del romanzo di William Golding prodotto da Warner Bros. La fonte della notizia è Variety. Luca Guadagnino e Marco Morabito dovrebbero anche produrre il progetto. La produzione esecutiva, invece, sarà curata da Known Universe, fondata da Lindsey Beer, Nicole Perlman e Geneva Robertson-Dworet.

Warner Bros sta provando a realizzare una trasposizione del film dal 2017, quando ha riacquistato i diritti di sfruttamento del romanzo. Lo studio, in precedenza, aveva già acquistato i diritti del film che è stato già portato sullo schermo nel 1990 da Henry Hook.

Il romanzo racconta la storia di un gruppo di ragazzi dispersi su un’isola deserta. Ben presto, l’isola cadrà preda dei loro istinti più selvaggi. Inizialmente, quando Warner ha riacquistato i diritti, il piano era quello di trasformare i ragazzi in ragazze. Tuttavia, la casa di produzione dovrebbe optare per un gruppo di sesso maschile. Nel caso in cui l’accordo raggiungesse una totale definizione, Guadagnino opterebbe per la fedeltà al testo ma anche per la contaminazione con elementi del mondo contemporaneo. Il progetto non ha ancora uno sceneggiatore. Per tale motivo, non è chiaro se si tratterà o meno del prossimo film del regista italiano.

Luca Guadagnino CinemaTown.it

Guadagnino è al momento al lavoro sulla serie HBO We Are Who We Are e non dovrebbe occuparsi di altro fino a quando non completerà la produzione e la post-produzione. Il regista ha da poco diretto il remake di Suspiria, prodotto da Amazon Studios e con un cast che annovera i nomi di Tilda Swinton e di Dakota Johnson. Grazie al successo di Chiamami col tuo nome, Guadagnino si è trasformato in uno dei giovani nomi più richiesti del cinema hollywoodiano. Per il suddetto film, Timothèe Chalamet ha ricevuto una nomination all’Oscar come Miglior Attore e James Ivory ha vinto il Premio Oscar alla Miglior Sceneggiatura non Originale.

LEGGI ANCHE: Suspiria – La recensione dell’ultimo film di Luca Guadagnino