Finalmente è successo: ad un mese ed una settimana dall’uscita del film arriva la conferma che Joker è il cinecomic più redditizio di sempre. Il film, vincitore del Leone d’Oro al Festival del Cinema di Venezia, si è quindi dimostrato in grado di superare anche la più rosea aspettativa. Il film di Todd Phillips e Joaquin Phoenix, dal budget di 62.5 milioni di dollari, ha guadagnato ad oggi 955 milioni di dollari nel mondo. Il risultato diventa ancora più sorprendente quando si considera il rating, vietato ai minori, ed il fatto che il film non è stato rilasciato in Cina. Inoltre, è confermato dalle proiezioni che il film nelle prossime settimane supererà il miliardo nel mondo, primo caso per un film Rated R. Joker si prospetta infine di far incetta agli Oscar, con grandi nomi dell’industria già a favore del film per le principali nominations.

Questi risultati risultano sicuramente come una vittoria per Phillips, che ha dovuto combattere arduamente per poter portare nelle sale questo film. Sono di poche settimane fa le notizie per cui la Warner Bros avrebbe avuto poca fede nel film, motivo per cui avrebbero concesso al regista un budget minimo. Inoltre, per paura di perdite finanziarie, lo studio avrebbe diviso i costi di produzione ed i guadagni con altri studi di produzione. Le cause di questo azzardo vanno sicuramente ritrovate nella natura del film vietato ai minori, dark e scollegato da qualsiasi universo cinematografico, quindi andando contro le regole di base del Marvel Cinematic Universe. La critica americana ha inoltre pesantemente disapprovato il film, sia per il tono che per il messaggio di esso.

Non è la prima volta che un film DC Comics venga criticato per il tono dark, come già visto con Batman Returns o Batman V Superman: Dawn of Justice. In questo caso, però, i media statunitensi hanno politicizzato le loro critiche accusando il film di poter fomentare atti di violenza pubblica. Molto spesso infatti, piuttosto che riflettere sulle fondamentali problematiche costituzionali americane, i media ritrovano le cause della violenza in videogiochi o film come Joker. Paure oggettivamente immotivate, non essendoci stato nessun episodio di violenza anche lontanamente legato al film. Joker nei prossimi giorni si unirà a The Dark Knight, The Dark Knight Rises e ad Aquaman nel gruppo di cinefumetti DC che hanno superato il miliardo. Inoltre il film è tra i più quotati agli Oscar, con lo studio che lo ha ufficialmente candidato per ogni categoria in cui è eleggibile. Questo enorme successo darà molto potere a Phillips ed alla sua idea del DC Black: un brand cinematografico dark, vietato ai minori sul mondo DC.

LEGGI ANCHE – Robert Pattinson fa la prima esclamazione: «Batman non è un eroe»