Il 2020 e’ iniziato da qualche mese e ancora siamo qui a parlare di Game of Thrones, ovviamente. Precisamente l’argomento che andremo ad affrontare oggi riguarda il tanto amato e odiato Jon Snow e sulle ipotesi che ruotano attorno alla sua resurrezione nei libri di George R.R Martin. Ricordiamo infatti che, nonostante lo scrittore abbia pubblicato il primo capitolo delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco nel 1996, l’adattamento televisivo ha superato i romanzi a partire dall’inizio della sesta stagione.

Jon Snow è tornato dal mondo dei morti in Game of Thrones, ma la sua risurrezione sarà probabilmente un po’ diversa nel prossimo libro le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco di George R.R. Martin. Tra tutte le morti presenti sia  nei libri che nella serie tv, quella di Jon Snow è una delle più importanti. Accusato come traditore dai suoi fratelli i Guardiani della notte, Jon Snow viene pugnalato a morte da un gruppo di ammutinati alla fine della quinta stagione  di Game of Thrones (e verso la fine del quinto libro de Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, La Danza dei Draghi). Ci sono varie differenze tra i due eventi, dai motivi a chi è coinvolto, ma il risultato finale è la morte di Jon Snow.

Naturalmente, quando la morte di Jon è avvenuta in Game of Thrones, non molti si aspettavano che fosse definitiva. La serie tv aveva già “ucciso” grandi personaggi prima, e le morti avvenivano sempre in un momento in cui avrebbero rappresentato uno scopo più grande per la storia rispetto ai personaggi se fossero stati tenuti in vita. Questo non poteva appartenere ad un personaggio come Jon Snow, teorizzato come il figlio di Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark (teoria che e’ poi diventata pratica), quindi non solo un personaggio importante, ma chiaramente protagonista principale della serie, di cui tutti stavamo seguendo il viaggio dell’eroe. Perciò non è stata una grande sorpresa quando nella sesta stagione di Game of Thrones, episodio 2, Melisandre ha riportato in vita Jon Snow.

Ha invocato i poteri del Signore della Luce, sapendo che era possibile grazie a Thoros of Myr e Beric Dondarrion, ma alla fine è stato tutto abbastanza semplice, anche troppo. La resurrezione di Jon nei libri dovrà avvenire per le stesse ragioni che ha avuto nello show. In effetti, il fatto che Game of Thrones lo abbia riportato indietro conferma che anche lui rappresenta una parte importante della fine dei libri, indipendentemente da come le cose potrebbero divergere. Tuttavia, è anche probabile che il modo in cui Jon ritorni dal mondo dei morti sarà abbastanza diverso nei libri, specialmente perché Martin presumibilmente non renderà le cose così semplici o indolori.

Cosa succede a Jon Snow dopo la sua morte

jon snow spettro game of thrones cinematown.it

Una teoria comunemente condivisa sul destino di Jon è che, alla sua morte, si imbatte nel suo metalupo, Spettro. Le abilità metamorfosi di Jon non sono palesi come quelle di Bran, ma è stato dimostrato che possiede l’abilità attraverso i sogni di lupo, e i suoi pensieri finali suggeriscono che ciò accada:

“‘Spettro, sussurrò. Il dolore gli colava sopra… Quando il terzo pugnale lo prese tra le scapole, fece un grugnito e cadde a faccia in giù nella neve. Non sentì mai il quarto coltello. Solo il freddo.”

Essendo Spettro la sua ultima parola, insieme a Jon che non sente il freddo, suggerisce che la sua coscienza è passata nel metalupo. Sfortunatamente, Game of Thrones ha tagliato gran parte delle relazioni degli Stark con i lupi (in gran parte a causa del CGI coinvolto), ma nei libri è così esplicito che questo ha senso. Significa anche che Jon può e rimarrà morto più a lungo, o meglio lo sarà il suo corpo, mentre esisterà all’interno di Spettro.

Questo si ricollega al prologo di La Danza dei Draghi (i capitoli che Martin usa per stabilire temi e idee chiave, come la cometa in Lo Scontro dei Re), dove seguiamo un metamorfo chiamato Varamyr Sixskins, che in precedenza aveva riconosciuto Jon come un compagno di guerra. Melisandra lo vede da sola, con questa linea di visione di Jon: “Ora era un uomo, ora un lupo, ora di nuovo un uomo”. È possibile che il prologo di The Winds of Winter potrebbe anche essere dal punto di vista di Spettro/Jon.

Melisandra resusciterà Jon Snow ma in maniera differente

jon snow e melisandre game of thrones cinematown.it

Certo, mentre la mente di Jon Snow può essere ancora viva, c’è ancora la questione che ritorni in un corpo rianimato. È qui che presumibilmente entrerà in gioco Melisandra. Allo stato attuale, Melisandra che resuscita Jon rimane l’opzione più probabile, non da ultimo a causa di come questo è già stato stabilito con gli adoratori del Signore della Luce. È altamente possibile che venga realizzata in un modo simile allo show televisivo, un incantesimo cantato che alla fine funziona. Ma se questo andava bene per lo spettacolo, che doveva accelerare le cose per la storia, i libri potrebbero richiedere un po’ più di tempo e offrire cosi’ una maggiore profondità.

E con ciò, potrebbero anche diventare più scuri, con una possibilità che incorpora l’incendio di Shireen Baratheon. Questa è una delle tre scene “Oh my God” che Martin ha raccontato a Benioff e Weiss che accadranno sicuramente nei libri, il come sarà certamente diverso. Dal momento che Melisandra e Shireen non hanno viaggiato dalla Barriera con Stannis, ed è già accampato vicino a Grande Inverno prima della Battaglia di ghiaccio con Ramsay, Shireen non sarà bruciato prima di quel conflitto.

Un’opzione è che Melisandra sacrifichi direttamente Shireen per riportare indietro Jon; questo non solo si legherebbe alla profezia di Azor Ahai (dove la scala di grigi di Shireen rappresenta il risveglio dei draghi dalla “pietra”), ma sarebbe interessante per l’arco di Jon, poiché avrebbe dovuto convivere con la colpa e il conflitto di ciò che serviva per riportarlo indietro. Un’altra possibilità è che accada molto, molto più tardi in The Winds of Winter, con Stannis che sacrifica Shireen per sconfiggere gli Estranei, con la conseguenza inaspettata che riporta in vita Jon Snow, che diventa il vero Azor Ahai invece di Stannis. Ciò significa che Stannis può ancora bruciare Shireen, che è tematicamente importante, ma serve anche alla funzione narrativa per riportare indietro Jon.

Jon Snow sarà diverso da quello visto nelle ultime stagioni

Martin ha molto più tempo rispetto allo show, ma Jon Snow deve ancora tornare in azione per aiutare a organizzare grandi eventi per la conclusione di The Winds of Winter e poi A Dream of SpringMa se non Shireen, supponendo che accada quando Stannis fa la sua ultima rappresentazione, con Shireen che rappresenta la sua Nissa Nissa, quale altra strada oscura potrebbe prendere il ritorno di Jon? C’è un’altra opzione per un sacrificio, che si presenta nella forma del figlio di Gilly e Craster, che molti credono in realtà essere il figlio di Mance Rayder e Dalla, Aemon Steelsong. Mentre i lettori sanno che Jon ha cambiato i bambini (una trama che è totalmente scomparsa da Game of Thrones), pochi alla Barriera lo sanno, e non c’è alcuna indicazione che Melisandra lo faccia.

Il motivo per cui Jon ha fatto questo era quello di proteggere la bambina da Mel, in primo luogo, preoccupata che avrebbe cercato di sacrificarla come nelle storie che hanno sentito su di lei, e credendo che, dal momento che il figlio di Gilly non ha il sangue blu,  non potrà essere sacrificato una volta rivelata la verità. Tuttavia, con Jon Snow morto, c’è meno che faccia fermare Melisandra dal sacrificare il bambino per riportare in vita Jon, oppure per riportare Stannis, poiché la cosiddetta lettera rosa afferma che è morto. Ovviamente il bambino che sta bruciando non avrà davvero il sangue blu, ma sarebbe una grande ironia narrativa se Jon ritorni lo stesso (sia a causa del sacrificio o meno, dal momento che Mel si è dimostrata di essere più forte alla Barriera comunque).

Porterebbe anche a quel summenzionato conflitto nel suo arco, in cui ritorna ma poi viene a conoscenza delle azioni di Mel e deve vivere sapendo che nonostante tutto ciò che ha fatto per proteggere il bambino, e’ morto riportandolo indietro. Questo può portarlo a bandire Melisandra e Selyse dal Castello Nero, e quindi a organizzare il successivo tentativo di sacrificio di Shireen, che non funzionerà come previsto. In entrambi i casi è una tragedia crudele, ma tematicamente e narrativamente funziona e si adatta alla sensibilità di Martin.

Bran e il Corvo con Tre Occhi potrebbero essere coinvolti con la resurrezione di Jon Snow

bran e il corvo a tre occhi game of thrones cinematown.it

Oltre a Melisandra, l’altro coinvolgimento da considerare nella risurrezione di Jon Snow è quello di Bran Stark e del Corvo con Tre Occhi. Bran non ha solo uno stretto legame familiare con Jon, ma sono anche entrambi guerrieri, mentre il Corvo è (o era) il figlio di un re Targaryen. Le motivazioni esatte del Corvo devono ancora essere completamente rivelate (e alla fine potrebbero essere abbastanza nefaste), ma ci sono suggerimenti sul loro coinvolgimento o addirittura solo interesse per la trama di Jon Snow. La vicinanza geografica ne fa parte, poiché le loro trame sono più facili da intrecciare da Jon alla Barriera e sono a nord di esso.

Ma c’è la possibilità che il Corvo con Tre Occhi si sia imbattuto nel corvo del comandante Lord Mormont, parlando con Jon nei momenti chiave della sua storia. Con entrambi poteri metamorfi, è probabile che tenteranno di contattare Jon/Spettro in The Winds of Winter. Con Jon tramutato nel lupo, la sua mente sarebbe più aperta a Bran e quindi potrebbe servire come guida spirituale per Jon mentre non è nel suo stesso corpo, aiutandolo a trovare un certo controllo in esso e forse giocando un ruolo chiave nel trovare un modo per tornare indietro.

Dall’anteprima del capitolo su Theon di The Winds of Winter, Stannis intende uccidere Theon per placare i Lord del Nord, e sua sorella Asha lo convince a farlo davanti all’albero del cuore. Questo è apparentemente supportato da corvi, che dicono “l’albero, l’albero” e “Theon, Theon, Theon”. È possibile che Bran e il Corvo con Tre Occhi stiano lavorando per salvare Theon, ma introduce anche l’idea di un sacrificio all’albero del cuore che potrebbe svolgere un ruolo nella risurrezione di Jon. Qualunque sia il risultato finale, Bran e il Corvo con Tre Occhi saranno sicuramente coinvolti in qualche modo, a differenza che nella serie Game of Thrones.

La morte cambierà Jon Snow più nei libri che nella serie

jon snow game of thrones cinematown.it

In Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, quando le persone tornano dalla morte, dovrebbero essere nettamente diverse. Martin si è persino spinto fino a riferirsi a Beric Dondarrion come a un vigile del fuoco, con l’idea che perde qualcosa di se stesso ogni volta che viene resuscitato. Lo stesso vale per Lady Stoneheart, che è molto diversa da Catelyn Stark. Il Trono di Spade non ha mai tenuto pienamente conto di ciò: pochi cambiamenti notevoli sono stati mostrati in Jon oltre al suo essere più spericolato in battaglia.

The Winds of Winter, tuttavia, se ne occuperà, e anche se questo sarà in parte attraverso la storia continua di Stoneheart, sarà più attraverso Jon Snow. Nei libri, più importante e davvero interessante della sua risurrezione, sarà proprio come tornerà dai morti e quanto sarà cambiato. La chiave di come Jon Snow sarà diverso al ritorno dalla sua morte sono le parole di Haggon, un altro skinchanger e mentore di Varamyr Sixskins, che ricorda ciò che gli disse:

“Dicono che dimentichi. Quando muore la carne dell’uomo, il suo spirito vive dentro la bestia, ma ogni giorno la sua memoria svanisce e la bestia diventa un po’ meno un metamorfo, un po’ più un lupo, fino a quando non rimane più nulla dell’uomo e rimane solo la bestia.”

Abbinato a quello che ha detto lo stesso Martin, che i personaggi che tornano dai morti sono “peggio per l’usura… alcuni aspetti dello spirito sono cambiati o trasformati e hanno perso qualcosa”. Ciò suggerisce che il Jon Snow che vedremo dopo la sua risurrezione sarà meno se stesso, meno puramente nobile e buono, e più lupo, più incline alla violenza, più incline a cedere ai propri desideri, che, alla fine, può portarlo a reclamare qualcosa che segretamente voleva, essere in primis Jon Stark, Lord di Grande Inverno, Re del Nord. Daenerys e Tyrion stanno entrambi prendendo strade più oscure nei loro archi di personaggi, e ha molto senso che anche Jon Snow lo faccia. Jon tornerà come in Game of Thrones, ma sarà un personaggio molto diverso. Non ci resta che attendere George R.R. Martin per vedere quali delle ipotesi saranno azzeccate e soprattutto quale sarà il destino di Jon Snow.

LEGGI ANCHE: Game of Thrones – le morti più difficili da accettare della serie

Discuti di questo argomento e molto altro nel gruppo Facebook CinemaTown – Cinema e Serie Tv

cinematown.it